La Cina sta colonizzando l’Africa: i numeri inquietanti

Il capodanno cinese è iniziato da poco. Quest’anno sarà l’anno lunare del maiale. Come spiega Francesco Boggio Ferraris su Vanity Fair, il maiale è un segno particolarmente caro ai cinesi perché in Cina il maiale è un animale fondamentale, anche per l’economia. Le parole famiglia e casa si scrivono nello stesso modo in cinese: il carattere che le rappresenta è un tetto con la zampa del maiale appesa sotto. Il pensiero va dritto alla nostra società contadina che teneva zampone e cotechino come cibo ricco e di buon auspicio per le feste.

Poi il maiale ha tratti considerati importanti e tipici della cultura cinese come l’abbondanza, la ricchezza, la solidarietà, il collettivismo. I nati sotto il segno del maiale aiutano gli amici, risultano un po’ ingenui, sono altruisti e non vedono gli inganni. L’essere determinati ad aiutare gli altri, la benevolenza, è virtù tipica del confucianesimo andando al di là dell’oroscopo.

Quindi, l’anno del maiale si preannuncia un anno positivo per la Cina. In fondo anche generoso e solidale. In Africa però tanto generosa e solidale la Cina non si sta mostrando. O meglio, sta mostrando tutte le fauci del suo capitalismo nascosto sotto la bandiera rossa del capitalismo. Il che la rende simile, metaforicamente, ad un altro simbolo tipico del calendario lunare cinese: il dragone.

Orbene, la Cina da dieci anni sta colonizzando l’Africa. Non usando certo la violenza delle armi, come fecero a loro tempo le potenze europee. Bensì, un’altra arma, silenziosa ma ugualmente imponente: quella della finanza.

E se è vero i capitali mandarini stanno portando lavoro e sviluppo, è anche vero che stanno creando un pesante indebitamento a danno dei paesi africani. Tanto che la Cina si sta praticamente comprando parte del continente nero. Ecco qualche dato.

CONTINUA A LEGGERE

La Cina sta colonizzando l’Africa: i numeri inquietantiultima modifica: 2019-02-14T09:50:31+01:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).