Sindrome Italia, cos’è la patologia inquietante che si sta diffondendo nell’Est

Sono passati trent’anni dalla caduta del muro di Berlino. Che divise l’Europa tra Est ed Ovest. Il primo costituito da regimi comunisti, con una economia controllata dallo Stato. Il secondo filo-americano, con un regime politico democratico e un sistema economico misto, dove Stato e privato dovevano convivere. Con tutte le pecche del caso.

Dopo il crollo del muro, gli Stati Uniti divennero l’unica superpotenza mondiale egemone, essendo venuto meno il controbilanciamento dell’Urss. Il che portò gli americani a fare anche tanti errori, come le guerre mediorientali che hanno sconvolto i paesi invasi (si veda come sono ridotti ancora oggi Afghanistan, Iraq e Libia) e fomentato il terrorismo islamico.

I Paesi post-comunisti, invece, sono finiti nel caos. Preda delle multinazionali straniere che ne sfruttano le risorse energetiche e le materie prime, della corruzione dei governanti che si sono susseguiti, di una emigrazione di massa.

Basta vedere quanto sta succedendo in Romania, dove petrolio e uranio sono depredati dalle multinazionali europee e americane, c’è una corruzione politica spaventosa e una disoccupazione dilagante. Tanto che diversi sondaggi certificano che più del 60 percento dei rumeni rimpianga Ceausescu (come ho scritto qui).

Ma c’è un altro fenomeno che sta divampando in Romania, Moldavia, Ucraina ed altri paesi. La cosiddetta Sindrome Italia. Ecco di cosa si tratta.

CONTINUA A LEGGERE

Sindrome Italia, cos’è la patologia inquietante che si sta diffondendo nell’Estultima modifica: 2019-04-16T14:12:44+02:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).