L’altra Liberazione: la triste storia della bambina torturata e uccisa per un tema

Navigando sul web mi sono imbattuto in una storia che non conoscevo. Di quelle che non ti raccontano né i media principali,, né, figuriamoci, i libri di scuola. Perché protagonisti in negativo sono i vincitori. Quelli che, come canta Bennato, “fanno la storia”.

La storia è quella di Giuseppina Ghersi, bambina di Savona che a soli 13 anni, una maledetta mattina del 25 aprile 1945, fu sequestrata da tre partigiani comunisti.

Giuseppina Ghersi è nata nel 1931. Era una studentessa di 13 anni dell’istituto magistrale “Maria Giuseppa Rossello” del quartiere “La Villetta” di Savona. Una bambina accorta e diligente, figlia di commercianti ortofrutticoli e abitava in via Tallone, attualmente via Donizetti.

Peccato però che per lei i partigiani rossi riservarono un destino atroce. Motivo di tanta barbarie? Un tema. Ripercorriamo la sua triste e dimenticata vicenda.

CONTINUA A LEGGERE

L’altra Liberazione: la triste storia della bambina torturata e uccisa per un temaultima modifica: 2019-04-24T14:34:58+02:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).