Standard & Poor’s ci dà lezioni: ma ecco come ci ha rovinati

Standard & Poor’s conferma il giudizio dato al nostro paese lo scorso ottobre. Ovvero rating a BBB con outlook negativo. Già allora, il verdetto sull’affidabilità creditizia era rimasto inalterato a fronte del passaggio dell’outlook da stabile a negativo.

L’Agenzia di rating americana ha sottolineato in una nota come una inversione di tendenza sulle riforme per opera dell’attuale governo Conte e la volatilità della domanda esterna, hanno portato l’economia del nostro Paese in recessione.

Ancora, Standard & Poor’s ha evidenziato un aumento del debito pubblico a fronte di un calo di quello privato. Prevede una economia in stagnazione quest’anno – crescita nominale dell’1% del Pil – mentre le politiche del governo rischiano di rafforzare la rigidità dei salari e del mercato del lavoro.

Ora, Standard & Poor’s ha dato un tempo di 24 mesi per assestare un eventuale abbassamento del rating all’Italia. Il quale scatterebbe, fa sapere l’agenzia:

«se il deficit e il debito superassero significativamente le nostre previsioni, e se osservassimo un marcato deterioramento nelle condizioni finanziarie a causa della persistente incertezza politica».

Prima di S&P, l’operato del governo aveva avuto un’altra tiratina d’orecchie da un’altra agenzia americana: Fitch. La quale pure ha dato una tripla B all’economia del nostro Paese. Praticamente 2 gradini al di sopra del junk, il livello «spazzatura» che caratterizza i paesi meno affidabili dal punto di vista creditizio.

Ma tornando a Standard & Poor’s, vediamo veramente chi è questa Agenzia e cosa ha combinato in passato. Per cui viene da chiedersi: quanto credito abbia il suo giudizio?

CONTINUA A LEGGERE

Standard & Poor’s ci dà lezioni: ma ecco come ci ha rovinatiultima modifica: 2019-04-29T09:06:44+02:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).