I tanti suicidi dei cantanti Pop coreani: motivi di un fenomeno oscuro

E’ già stato ribattezzato “the dark side of the K-Pop”. Il Pop coreano registra un’altra giovane vittima: il 24 novembre Goo Hara è stata trovata morta a soli 28 anni, nella sua casa di Seul. Lo scorso marzo aveva tentato di uccidersi dopo che il suo ex fidanzato l’aveva ricattata con un video intimo pubblicato sul web e la sua agenzia aveva sciolto il contratto.

Agiugno la cantante aveva firmato un nuovo contratto con l’agenzia giapponese Production Ogi e solo pochi giorni fa aveva pubblicato un singolo giapponese, Midnight Queen.

Epensare che poco più di un mese fa una sua amica, l’attrice e cantante Sulli (al secolo Choi Jin-ri, 25 anni) è morta suicida in seguito a un caso di cyberbullismo che l’aveva coinvolta proprio per il suo impegno nei confronti dei diritti delle donne. A sua volta, Sulli era molto legata a Jonghyun, altra star del K-pop che si è tolto la vita due anni fa a 27 anni.

I casi di suicidio nel Pop coreano sono iniziati a fine anni ‘90. Ecco quali sono le cause di questo fenomeno oscuro.

CONTINUA A LEGGERE

I tanti suicidi dei cantanti Pop coreani: motivi di un fenomeno oscuroultima modifica: 2019-11-26T10:12:15+01:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).