Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare, Università

Immagine

Risultato immagini per Coronavirus

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dicembre 2019, una serie di casi inspiegabili di polmonite sono stati segnalati a Wuhan, in Cina. Il 12 gennaio 2020, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha temporaneamente nominato questo nuovo virus patogeno come romanzo del 2019 coronavirus (2019-nCoV). L’11 febbraio 2020, l’OMS ha ufficialmente nominato la malattia causata dal 2019-nCoV come coronavirus (COVID-19). L’epidemia di COVID-19 si sta diffondendo in tutto il mondo, specialmente in Cina.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato COVID-19 in Cina come un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale. Altre due infezioni da coronavirus, la SARS nel 2002-2003 e la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) nel 2012, hanno causato entrambe una grave sindrome respiratoria nell’uomo. Tutte e 3 queste malattie infettive emergenti che portano a una diffusione globale sono causate da “beta” coronavirus.

Infine, il gruppo di studio sul coronavirus dell’International Committee on Taxonomy of Viruses ha nominato 2019? NCoV come grave sindrome respiratoria acuta coronavirus 2 (SARS-CoV-2). Il 23 febbraio 2020, ci sono stati 77041 casi confermati di infezione da SARS-CoV-2 in Cina. Il numero di infezioni ha superato quello dell’epidemia di SARS in Cina nel 2002.

Come i più grandi virus RNA conosciuti, i CoV sono ulteriormente suddivisi in quattro generi: “alpha” -CV, “beta” -CV, “gamma” -CV e “delta” -CV, tra cui “alfa” e “beta” -CoVs sono in grado di infettare i mammiferi, mentre gli altri due generi possono infettare gli uccelli e potrebbero anche infettare i mammiferi. Finora sono stati trovati sette coronavirus che infettano l’uomo e causano malattie respiratorie. Quattro su sette sono comuni COV umani (HCoV) che di solito portano a malattie respiratorie superiori autolimitanti comuni: HCoV-229E, HCoV-OC43, HCoV-NL63 e HCoV-HKU1.

Questi virus possono occasionalmente causare malattie più gravi in soggetti giovani, anziani o immunocompromessi. SARS-CoV-2 è stato recentemente isolato dalle cellule epiteliali delle vie aeree umane, caratterizzato dal sequenziamento di prossima generazione nel gennaio 2020, ed è stato identificato come un nuovo membro dei “beta” CoV. SARS-CoV-2 può anche infettare il tratto respiratorio inferiore, ma i sintomi clinici sono più lievi di SARS e MERS secondo le attuali evidenze e relazioni limitate.

COVID-19 è la terza malattia coronavirus zoonotica nota dopo la SARS e la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS). Uno studio ha dimostrato che il SARS-CoV-2 era un virus chimerico tra un coronavirus di pipistrello e un coronavirus di origine sconosciuta. Confrontando con altri animali, hanno scoperto che i serpenti sono il deposito di fauna selvatica più probabile per il SARS-CoV-2. La ricerca di Benvenuto e altri ha dimostrato che la SARS-CoV-2 era strettamente correlata al coronavirus isolato dai pipistrelli cinesi con testa di crisantemo nel 2015. La loro ricerca ha sostenuto la teoria che la catena di trasmissione è partita dai pipistrelli agli umani.

Numerosi studi hanno confermato che SARS-CoV-2 era un nuovo coronavirus strettamente correlato al SARV a pipistrello? Recentemente, rivela che l’omologia della sequenza tra SARS-CoV-2 e SARS-CoV2 è del 79,5%. Hanno anche scoperto che il SARS-CoV-2 aveva un’elevata omologia con i coronavirus di pipistrello. Pertanto, l’attuale evidenza sostiene fortemente che la SARS-CoV-2 è stata derivata da pipistrelli, sebbene gli host intermedi della SARS-CoV-2 restino da determinare.
Uno studio ha dimostrato che dal 10 al 24 gennaio 2020, il numero di persone con diagnosi di infezione da SARS-CoV-2 in Cina è aumentato di 31,4 volte. Il 23 febbraio 2020, il numero di persone a cui è stato diagnosticato COVID-19 in Cina è stato di 1879 volte superiore a quello del 10 gennaio 2020. Lo stesso studio rivela che il tasso di mortalità per caso di COVID-19 è del 2,84% in base al loro pool di pazienti.

Gli autori hanno anche scoperto che il rapporto tra decessi maschili e femminili era di 3,25: 1, l’età mediana della morte era di 75 anni, il tempo mediano dal primo sintomo alla morte era di 14 giorni e il tempo mediano dai primi sintomi alla morte nelle persone di età pari o superiore a 70 anni (11,5 giorni) era inferiore a quello delle persone di età inferiore ai 70 anni (20 giorni). Questi risultati suggeriscono che la malattia può progredire più rapidamente negli anziani che nei giovani.

Osservando le basi molecolari della malattia, uno studio ha scoperto che l’enzima 2 di conversione dell’angiotensina (ACE2) era il recettore per SARS-CoV-2. Nel normale polmone umano, l’ACE2 è espresso su cellule epiteliali alveolari di tipo I e II. Tra questi, l’83% delle cellule alveolari di tipo II ha espressione ACE2. Gli uomini avevano un livello ACE2 più elevato nelle loro cellule alveolari rispetto alle donne. Gli asiatici hanno un livello più alto di espressione di ACE2 nelle loro cellule alveolari rispetto alle popolazioni bianche e afroamericane. Il legame di SARS-CoV-2 su ACE2 provoca un’espressione elevata di ACE2, che può portare a danni alle cellule alveolari. I danni alle cellule alveolari possono a loro volta innescare una serie di reazioni sistemiche e persino la morte. Hanno anche confermato che i maschi asiatici sono più sensibili all’infezione da SARS-CoV-2.

Huang e altri hanno scoperto che il 98% dei pazienti nel loro studio aveva la febbre, di cui il 78% aveva una temperatura superiore a 38 ° C. Hanno riferito che il 76% dei pazienti ha avuto tosse, il 44% dei pazienti ha avuto affaticamento e dolore muscolare e il 55% dei pazienti ha avuto dispnea. Un piccolo numero di pazienti ha anche sviluppato espettorazione (28%), mal di testa (8%), emottisi (5%) e diarrea (3%). Test di laboratorio hanno scoperto che il 25% dei pazienti infetti presentava leucopenia e il 63% aveva linfocitopenia.

Il livello di aspartato aminotransferasi era elevato nel 37% dei pazienti. La miocardite è stata diagnosticata nel 12% dei pazienti e il livello di troponina ipersensibile I è stato significativamente aumentato in questi pazienti. Nel 100% dei pazienti sono state riscontrate anomalie nelle immagini di tomografia computerizzata al torace (CT). Nel 98% dei polmoni bilaterali dei pazienti infetti sono state trovate aree di macinazione simili a vetro e di consolidamento.

Allo stato attuale, i trattamenti dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2 sono principalmente trattamenti sintomatici. Uno studio ha scoperto che le complicanze più comuni nei pazienti con infezione 2019-nCoV sono state la sindrome da distress respiratorio acuto, seguita da anemia, lesioni cardiache acute e infezioni secondarie. Pertanto, gli antibiotici empirici, la terapia antivirale (oseltamivir) e i corticosteroidi sistemici sono stati spesso usati per i trattamenti. I pazienti con ipossiemia intrattabile hanno ricevuto ventilazione meccanica invasiva. Holshue e altri ricercatori hanno usato remdesivir nel trattamento di pazienti con infezione da SARS-CoV-2 e hanno ottenuto buoni risultati. Lu ha postulato che, oltre agli interferenti antivirali e agli antibiotici, nel trattamento di COVID-19 potrebbero essere usati anche inibitori della neuraminidasi, inibitori della sintesi dell’RNA e medicina tradizionale cinese. Tuttavia,

Sebbene i coronavirus causino principalmente infezioni respiratorie da lievi a gravi, è degno di considerazione il potenziale di trasmissione per trasfusione. In Cina, la maggior parte dei centri ematici o delle banche del sangue ha adottato le seguenti misure durante l’attuale epidemia: (1) misurare la temperatura corporea prima della donazione di sangue; (2) ulteriori domande nel questionario sullo screening dei donatori in merito al fatto che il donatore oi parenti abbiano sintomi correlati, abbiano viaggiato in aree con trasmissione locale di SARS-CoV-2 (provincia di Wuhan o Hubei) entro 28 giorni o siano donatori ad alto rischio; (3) richiamare tutti i donatori di sangue e chiedere ai donatori e alla loro famiglia le loro condizioni fisiche attuali dopo la donazione; e (4) il richiamo di prodotti sanguigni non trasfusi da donatori infetti.

L’OMS chiarisce i seguenti fatti sulla malattia di Coronavirus (COVID-19) per il pubblico:
1. Il freddo e la neve NON POSSONO uccidere il nuovo coronavirus.

2. Fare un bagno caldo non impedisce la nuova malattia da coronavirus.
3. Il nuovo coronavirus non può essere trasmesso attraverso prodotti fabbricati in Cina o in qualsiasi paese che riporta casi COVID-19.

4. Il nuovo coronavirus NON PU be essere trasmesso attraverso le punture di zanzara.
5. Le persone di tutte le età possono essere infettate dal nuovo coronavirus (2019-nCoV). Le persone anziane e le persone con condizioni mediche preesistenti (come l’asma, il diabete, le malattie cardiache) sembrano essere più vulnerabili a diventare gravemente malate con il virus.

Ad oggi, non esiste un medicinale specifico raccomandato per prevenire o curare il nuovo coronavirus (2019-nCoV). Tuttavia, quelli infetti dal virus dovrebbero ricevere cure adeguate per alleviare e trattare i sintomi e quelli con malattie gravi dovrebbero ricevere cure di supporto ottimizzate. Alcuni trattamenti specifici sono in fase di studio e saranno testati attraverso studi clinici. L’OMS sta contribuendo ad accelerare gli sforzi di ricerca e sviluppo con una gamma o partner.

Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare, Università .

Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr