“La nave dei veleni. Il caso Cavtat”, la presidente Loredana Capone dialoga con Alberto Maritati Di;Redazione World News Web 24

La Nave Dei VeleniGiovedì 17 giugno, alle ore 19, presso il Convitto Palmieri, piazzetta Carducci, Lecce, si terrà la presentazione del libro “La nave dei veleni. Il caso Cavtat” di Alberto Maritati, edito da Laterza, sostenuto dal Consiglio regionale della Puglia nell’ambito della linea editoriale “Leggi la Puglia”.Alla presenza dell’autore, il volume sarà presentato dalla Presidente del Consiglio regionale della Puglia, Loredana Capone. Interverranno Rita Auriemma e Genuario Belmonte dell’Università del Salento.Modererà l’incontro il giornalista Marcello Favale.Si tratta del racconto in prima persona della vicenda della nave cargo iugoslava Cavtat affondata nel 1974 a poche miglia al largo di Otranto ‒ un caso giudiziario dai risvolti politici, sociali e mediatici ‒ da parte di chi, all’epoca pretore della piccola città di Otranto, si è impegnato, con tutti gli strumenti che le leggi e la Costituzione consentivano, in una corsa contro il tempo per evitare il disastro ambientale.“Il nostro territorio, la nostra Puglia – ha detto la Presidente Capone – ha conosciuto negli anni le ferite di un progresso scritto senza guardare alla qualità del nostro ambiente. Tante, troppe, sono le vertenze aperte dal Gargano al capo di Leuca, con stabilimenti produttivi e industriali che sono ormai diventati una sorta di simbolo dello “sviluppo” che non possiamo più volere.Alberto Maritati ci aiuta a ripercorrere una pagina della nostra Regione, fatta di coraggio, di scelte, di visione, partendo proprio da quella giornata estiva di metà luglio del ‘74, dove, una delle perle della nostra Puglia, Otranto, fu scossa dalla notizia di uno scontro tra due imbarcazioni, una delle quali contenenti 909 bidoni di sostanze tossiche.

“La nave dei veleni. Il caso Cavtat”, la presidente Loredana Capone dialoga con Alberto Maritati Di;Redazione World News Web 24ultima modifica: 2021-06-17T11:40:50+02:00da mimmosiena2011

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.