12\05\2019

L’uomo vive in un mondo che non è stato creato da Dio per la sua felicità,per il tramite della natura egli misura la sua insignificanza ;comincia così a scalare se stesso sino a giungere a un punto d’osservazione che consente di vedere valori nuovi per la propria esistenza ,è colto cioè da un desiderio di sublime che s’intreccia con tragiche forme d’auto inganno e di vanità che generano un animo perturbato e commosso.Il suo pensiero è un’ibridazione tra il razionale e l’irrazionale ,tra l’intellettuale e l’emotivo,tra la luce e l’ombra.L’uomo vive la propria esistenza in un artificiale clima di serra dove credenze e miti attecchiscono rapidamente impedendo così una sana distinzione tra vero e falso.Sfacciate illusioni e immodesti desideri sono ciò che ci tiene al mondo inserendoci in un orizzonte di senso.Non solo comportamenti coscienti ma anche pulsioni inconsce orientano il nostro agire;il nostro modo di stare al mondo soggiace a convinzioni indimostrabili,l’umanità ha bisogno di un credo:l’illusione è l’unica realtà della vita,l’uomo intelligente non può essere una cosa sola ,deve mutare.Il pensiero rappresenta l’insoddisfazione perpetua ,è necessario negare la propria individualità prima che lo faccia la morte:l’individualità si manifesta soltanto nella decisione suprema di proiettarsi nell’annulamento,nell’essere-per-la morte.Il pensare ci porta dentro il tempo e realizza l’individualità.Il pensiero incastona il tempo nell’eterno ,fuori della sintesi tra io e mondo c’è soltanto il nulla e il vuoto che è il mondo senza di noi e noi senza il mondo.

12\05\2019ultima modifica: 2019-05-12T16:34:53+02:00da domeniconipaolo

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.