Tasse, la svolta di Facebook: pagherà in Italia le imposte

Arriva una volta nel rapporto tra Facebook e il fisco italiano. Il colosso dei social network infatti dal prossimo anno contabilizzerà i ricavi nei paesi dove sono stati realizzati e non più nella sede centrale di Dublino. Ciò significa che le tasse sui ricavi pubblicitari verranno pagate direttamente in Italia. Arriva così la svolta che Facebook aveva promesso riguardo la trasparenza sul pagamento delle imposte, dopo le polemiche che hanno accompagnato il discorso sulla Web tax.

Facebook e la svolta sulle tasse

tasseQuello che verrà fatturato in Italia sarà dunque sottoposto alle disposizioni fiscali del nostro paese. Le casse del Tesoro otterranno così milioni dalle tasse che invece oggi erano pagate solo all’Irlanda. Il nuovo regime fiscale verrà progressivamente definito nei prossimi mesi, e verrà completato entro la prima metà del 2019. Dal colosso di Menlo Park fanno sapere che “il passaggio a una struttura di vendita locale consentirà maggiore trasparenza ai governi e ai policy-maker di tutto il mondo, che hanno chiesto di avere una maggiore visibilità sui nostri ricavi”.

Senza dubbio l’impegno assunto da Facebook richiederà un grosso dispendio di risorse per poter essere realizzato in tutto il globo. Con questa mossa il colosso del social ha voluto anticipare eventuali situazioni simili a quella che ha coinvolto la Apple, che solo pochi giorni fa ha avviato il pagamento di 13 miliardi di dollari di tasse arretrate all’Irlanda, dopo un duro scontro con la UE. Una risposta quindi alla crescente pressione internazionale sul tema della fiscalità dei colossi del web. Secondo fonti del Tesoro Italiano, la decisione di Facebook è molto positiva giacché “si tratta di un cambiamento importante che va nella direzione giusta: assicurare che i redditi siano dichiarati e tassati dove vengono prodotti”.

Tasse, la svolta di Facebook: pagherà in Italia le imposteultima modifica: 2017-12-13T09:39:39+01:00da nonsparei

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.