Banche, gli italiani preferiscono accumulare: conti correnti oltre 1000 miliardi

Gli italiani non si sentono ancora fuori dalla crisi e preferiscono accumulare nelle banche anziché spendere. Il denaro infatti circola poco, mentre allo stesso tempo i conti correnti sono arrivati oltre il muro di 1000 miliardi. Questo è il quadro che emerge da una analisi di Unimpresa, circa l’andamento delle riserve di famiglie e aziende. Anche queste ultime infatti tendono più ad accumulare rispetto al passato. In banca le riserve sono infatti cresciute di quasi 55 miliardi di euro in un solo anno.

I dati su italiani e banche

bancheSecondo i dati che emergono dalla ricerca, dal 2016 al 2017 il totale dei depositi di cittadini, aziende, assicurazioni e onlus è aumentato di circa il 4%. Le famiglie hanno lasciato in banca 23,1 miliardi in un anno (+2,5%), le aziende circa 29 miliardi (+12%), le imprese familiari quasi 4 miliardi (+7%), i depositi delle organizzazioni non lucrative (onlus) sono aumentati da 26,1 miliardi a 26,7 miliardi in crescita di 676 milioni (+2,59%). Gli unici fondi in calo sono stati quelli delle assicurazioni, scesi di 2 miliardi (-9%). Come detto, i conti correnti nel frattempo hanno sfondato la soglia dei 1000 miliardi. Sono saliti di oltre 73 miliardi negli ultimi dodici mesi (+7,76%), passando così da 949 miliardi a 1.023 miliardi.

Va evidenziato anche un altro aspetto. I depositi pronti contro termine sono scesi di 12,2 miliardi (-8,05%), mentre quelli rimborsabili con preavviso sono stabili e quelli con durata prestabilita sono scesi sensibilmente (-18,34%). Questo dimostra che le disponibilità finanziarie delle aziende e delle famiglie italiane sono congelate. Ma cosa ha spinto questa tendenza dei depositi bancari? Diversi fattori.Il timore di dover fronteggiare nuove tasse, le molte incertezze riguardo al futuro.

Banche, gli italiani preferiscono accumulare: conti correnti oltre 1000 miliardiultima modifica: 2018-01-27T09:30:40+01:00da nonsparei

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.