Imprese, in Italia quelle piccole danno lavoro a 8 milioni di persone

Il vero fulco dell’economia italiana non sono le grandi imprese, quelle che spesso finiscono sui giornali e sotto i riflettori, bensì le piccole imprese. Quelle con meno di 20 addetti infatti danno lavoro a circa 8 milioni di persone, ovvero più della metà dell’intero settore privato del Belpaese.

Le piccole imprese italiane

micro impreseL’analisi è stata fatta dalla CGIA, che ha evidenziato come queste micro-imprese sono giunte oltre quota 4 milioni, pari al 98,2% dell’intero comparto imprenditoriale italiano. I lavoratori dell’intero settore privato riconducibili ad esse è giunto al 56,4% del totale. Questa porzione è una peculiarità tutta del nostro paese, visto che nell’Eurozona nessuno può vantare di avere un panorama così ampio di micro aziende. Ne’ tantomeno che esse siano così importanti a livello occupazionale.

Nell’area Euro i lavoratori impiegati nelle piccole imprese arriva in media al 39,9% del totale, quindi 16,5 punti percentuali in meno rispetto all’Italia. E’ interessante osservare soprattutto la differenza tra l’Italia e la “locomotiva tedesca”, dove le micro aziende assorbono soltanto il 30,5% dell’intera forza lavoro privata, contro il 56,4% dell’Italia (come detto in precedenza). Siamo quindi a quasi la metà.

Ci sono altri aspetti interessanti messi in evidenza dalla CGIA. Anzitutto almeno il 70% di quelli che oggi sono piccoli imprenditori, prima di compiere il grande passo sono stati a loro volta dipendenti. Proprio grazie al loro lavoro hanno potuto maturare il know how necessario per sviluppare poi il proprio business in proprio. Questo incide anche sul rapporto che hanno con i loro dipendenti, fondato soprattutto su stabilità, rispetto e amicizia. cose che li rendono – a differenza delle grandi aziende – delle risorse umane vere e non dei semplici ingranaggi di un ampio meccanismo.

Imprese, in Italia quelle piccole danno lavoro a 8 milioni di personeultima modifica: 2018-09-02T11:21:12+02:00da nonsparei

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.