Mercati emergenti, l’effetto contagio si fa sentire

La pressione sui mercati emergenti è tornata a farsi bella forte. Se Argentina e Turchia sono i due paesi maggiormente sotto i riflettori, in realtà è l’intero settore che sta vivendo un momento difficile. L’effetto contagio quindi c’è, anche se affianco alle cause più note (come l’escalation della guerra commerciale Cina-USA o l’andamento dei prezzi delle materie prime), ci sono altre concause che aggravano determinate situazioni rispetto ad altre.

Fuga dai mercati emergenti

mercati emergentiLa crisi dei mercati emergenti quindi è tornata a mordere. I due casi evidenti sono quello del peso messicano e della lira turca, che hanno registrato perdite spaventose nell’ultimo mese e mezzo. Basta prendere una qualsiasi delle trading online piattaforme migliori e verificare i loro grafici per rendersi conto di un declino che non ha fine. La lira turca ha già bruciato il 40% del suo valore, mentre il peso argentino ha perso il 50% contro il dollaro. Malgrado i provvedimenti presi da Buenos Aires e da Ankara, gli investitori comunque sono rimasti scettici e hanno preferito allontanarsi dalle due valute, ma anche dal fronte azionario.

Solo una modesta parte degli investitori è rimasta, attirata dagli alti rendimenti che solo i mercati emergenti possono offrire (già, ma a quale rischio?). A molti, però, la situazione appare abbastanza critica. Secondo i più recenti dati dell’Institute of International Finance, il debito delle economie emergenti è arrivato a 63 miliardi di dollari, dai 9 miliardi del 2002.

Consiglio: per fare investimenti online occorre conoscere bene gli strumenti. Ad esempio, scoprite come usare il MACD indicatore trading.

Le sofferenze dei mercati emergenti hanno diverse radici, ma gli stessi effetti: deprezzamento delle relative valute nazionali, inflazione altissima, deficit di bilancio sempre più ampi e tassi di disoccupazione imponenti. L’indice MSCI, utilizzato per tracciare l’andamento delle maggiori valute emergenti, è scivolato per il secondo consecutivo lasciando sul terreno più di 0,2 punti percentuali. Non è andata certamente meglio al comparto azionario che ha continuato a scambiare sulla via del ribasso.

Mercati emergenti, l’effetto contagio si fa sentireultima modifica: 2018-09-04T10:06:07+02:00da nonsparei

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.