Credito alle imprese in calo, aumentano le domande di mutuo dalle famiglie

Gli ultimi dati resi noti da Banca d’Italia riguardo al mercato del credito, evidenziano una crescita dei mutui alle famiglie e un calo dei prestiti concessi alle imprese.

L’andamento del credito in Italia

creditoAl 31 maggio il livello complessivo dei prestiti concessi a famiglie e imprese è salito dell’1% su base annua. Tuttavia, per quanto riguarda i mutui c’è stato un aumento della domanda di 2,5% su base annua, mentre per i finanziamenti concessi alle imprese c’è stata una riduzione dello 0,6% su base annua. Nonostante i tassi di interesse a livelli storicamente bassi, le aziende quindi non ricorrono al credito.

A proposito di tassi di interesse, a maggio 2019 quello medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni è risultato pari a 1,84% quello per finanziamento alle imprese è risultato pari a 1,46% mentre il tasso medio sul totale dei prestiti è pari al 2,58%. Ricordiamo che quest’ultimo era giunto a 6,18% prima della crisi del 2007-2009.

Cala il credito in sofferenza

Il mercato del credito ha visto nel frattempo ridursi l’entità del problema delle sofferenze. Quelle al netto delle svalutazioni e accantonamenti già effettuati dalle banche con proprie risorse, sono scese a 32,7 miliardi (contro i 50,9 miliardi di un anno fa e i 77,4 di due anni fa). Un risultato ottimo, se pensiamo all’apice che venne raggiunto a novembre 2015, con la cifra record di 88,8 miliardi. Il rapporto tra le sofferenze nette e gli impieghi totali si è attestato all’1,87% (era 4,89% a novembre 2015).

Per quanto riguarda la raccolta da parte del nostro sistema bancario, quella complessiva risulta in crescita del +2,1% a maggio 2019. Tuttavia, bisogna fare delle distinzioni. C’è infatti stato un forte aumento dei depositi (+3,8% su base annuale), mentre continua a scendere la raccolta a medio e lungo termine, ovvero tramite obbligazioni (-19 miliardi, pari a -7,4%).

Credito alle imprese in calo, aumentano le domande di mutuo dalle famiglieultima modifica: 2019-06-19T09:27:42+02:00da nonsparei

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.