Mercati finanziari, la settimana comincia con il boom dei listini cinesi

La settimana dei mercati finanziari comincia in tono ridotto, visto che in questo lunedì rimangono chiuse alcune Borse europee (prima fra tutte quella di Germania). A catalizzare l’attenzione degli investitori sono le tensioni che negli ultimi giorni hanno scosso gli Stati Uniti. Sia quelle interne, visto che l’assassinio di George Floyd ha fatto riemergere la questione razziale negli Usa. Sia quelle esterne, visto che il rapporto con la Cina rimane freddo.

Borse asiatiche e mercati finanziari

I primi gong a suonare sui mercati finanziari internazionali, sono quelli delle Borse asiatiche. Che hanno chiuso in territorio positivo malgrado l’annuncio di Trump di eliminare il trattamento speciale nei commerci relativo a Hong Kong. Proprio l’Hang Seng sorprende, perché viaggia in netto rialzo: +3,50%, a 17.774,54 punti. Bisogna comunque evidenziare che Trump – malgrado qualche minaccia – non ha dato segni di volersi tirare indietro dagli accordi commerciali di “Fase 1” siglati con la Cina a metà gennaio. Per il momento quindi non fanno paura le minacce del presidente USA.

In generale però sono tutti gli indici asiatici ad aver chiuso positivamente la prima sessione del mese. L’indice di riferimento della borsa di Tokyo ha chiuso la sessione di oggi ai massimi di tre mesi, guidato soprattutto dalle ricoperture. Il Nikkei infatti sale dello 0,81% a 22.062,39, la chiusura più alta dal 26 febbraio. Il più ampio indice Topix è salito dello 0,3% a 1.568,75. Bene anche il Kospi coreano, che guadagna l’1,75%.

Parentesi tecnica: uno dei modelli di analisi grafica più interessanti è senza dubbio il megafono trading broadening pattern, che può essere sia di continuazione che inversione.

Brilla la Borsa cinese

Nel panorama asiatico sono però soprattutto gli azionari cinesi a balzare in avanti, e non ci sono pattern inversione candlestick all’orizzonte. La Borsa di Shanghai chiude in rialzo del 2,21%, Shenzhen +3,26% e China A50 +2,59% dopo che l’istituto di ricerca Caixin ha pubblicato i dati sull’indice manifatturiero PMI di maggio, che ha segnato un rialzo rispetto al mese precedente e è tornato a 50,8 – confermando il ritorno all’espansione dell’economia cinese, anch’essa gravemente danneggiata dalla pandemia di coronavirus.

Mercati finanziari, la settimana comincia con il boom dei listini cinesiultima modifica: 2020-06-01T11:49:20+02:00da nonsparei

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.