la flat tax

Allora con la flat tax un ricco imprenditore, pagando meno tasse, potrebbe assumere nuovi operai, venire nel tuo negozio e comprare nuovi vestiti, nella tua concessionaria e comprare una macchina. Potrebbe. Se invece decidesse di investire in cocaina e mignotte siamo fottuti.

ACCADDE OGGI

ACCADDE OGGI:
1 maggio 1994. Muore Ayrton Senna.
Il primo Maggio di 24 anni fa scompare Ayrton Senna durante il Gran Premio di San Marino corso a Imola. Nella foto è ritratta la Williams-Renault del pilota brasiliano diversi minuti dopo lo schianto. Ayrton è stato già portato all’ospedale di Bologna in elisoccorso. Sull’asfalto, all’esterno della fatale e pericolosa curva Tamburello, rimane il sangue del campione morente. Sono le 14 e 17 quando, a causa della rottura del piantone dello sterzo, la vettura di Ayrton prosegue ad oltre 200 orari contro il muro della Curva Tamburello. Nell’impatto, il puntone della sospensione destra penetra nella visiera del casco del pilota provocandogli un gravissimo e fatale trauma cranico. Ayrton spira alle 18 e 40 di quella domenica. Neanche 24 ore prima era scomparso l’austriaco Roland Ratzemberger, sconosciuto ai più, a causa di un tremendo urto alla curva Villeneuve durante le qualifiche. In suo onore Senna aveva deciso di portarsi nell’abitacolo una bandiera austriaca per sventolarla a fine gara. Purtroppo non andò così. In Brasile vengono proclamati 3 giorni di lutto nazionale. Migliaia di brasiliani si riversano il 5 Maggio all’aeroporto di San Paolo per salutare il loro campione di ritorno da Imola. Viene seppellito al cimitero Morumbi ed una targa sulla sua tomba recita una citazione presa dalla Lettera dell’Apostolo Paolo ai Romani 8,39: “Niente mi può separare dall’amore di Dio”. Circa due mesi dopo, la nazionale di calcio brasiliana vincerà il Mondiale contro l’Italia dedicando la vittoria all’amato Senna. Nel suo testamento destinava parte del suo patrimonio in beneficenza. Infatti tutt’ora esiste un ente con il suo nome che raccoglie fondi per i bambini brasiliani bisognosi. A tal proposito Senna stesso affermava: “I ricchi non possono vivere su un’isola circondata da un oceano di povertà. Noi respiriamo tutti la stessa aria. Bisogna dare a tutti la stessa possibilità”

persone che potresti conoscere….

… certo che fb a volte riserva grandi sorprese…

… tra le persone che “potresti conoscere ” c’è lei..
…. rimango un po’ titubante se chiederle l’amicizia o no, magari dopo 40 anni nemmeno mi riconosce più… però mi piacerebbe almeno salutarla… e le mando l’invito…
… la risposta arriva quasi subito con messanger ringraziandomi per la richiesta di amicizia.. seguono messaggi di rito su come stiamo in salute e su come è stato bello sentirsi…..poi i saluti e a risentirci presto…

… il giorno dopo mi arriva da parte sua una faccina sorridente sulla chat di messanger…. chattiamo del più e del meno… mi dice che lei è diventata nonna… mi scrive qualcosa della sua vita e chiede della mia… poi mi dice che ci sentiamo presto…

… il giorno dopo mi richiama ancora su messanger .. chiacchieriamo bene tra noi… sento che è contenta di parlare con me.. allora mi azzardo a chiederle il nr. di telefono… così parliamo meglio senza pigiare tasti… la sua risposta dopo un attimo interminabile di silenzio e di imbarazzo è stata : ci devo pensare…

…. il giorno dopo mi arriva un messaggio :
– tra 10 minuti al cimitero dai tuoi….
io : nn so.. mi tremano le gambe…
lei: anche a me… ma cerca di muoverti… ci vediamo là…
… e arriva su un fuoristrada… bionda, bella e in jeans… sembriamo due pesci fuori dall’acqua… la timidezza e l’emozione si tocca con le mani… c’è un bar li vicino… le chiedo se le va un caffè almeno ci sediamo..
… mi chiede come va… mi confessa che si teneva informata su di me tramite mia mamma che ogni tanto trovava in giro ( mia mamma nn mi ha mai detto niente… conosceva i miei sentimenti e di sicuro voleva tenermi tranquillo)… mi dice che è stata dura i primi tempi con lui… che mi ha cercato tanto… ma nn sapeva dove e come trovarmi…

… poi mi ha detto che con il tempo tutto si è sistemato e adesso sta bene con lui… è felice… mi ha chiesto se anch’io sono felice… le ho mentito…

….poi abbiamo parlato di noi… sembravamo due ragazzi di vent’anni.. come se il tempo nn fosse passato…
… abbiamo cercato di dirci molte cose… piccoli e grandi nostri segreti… immagini e situazioni vissute tanto tempo fa… rimpianto per quello che nn è stato… ci siamo dette tante cose sottovoce e di corsa… perfino sovrapponendoci con i discorsi… con premura… poi scoppiando a ridere… come per fermare il tempo che inesorabilmente stava passando…

… un bacio sulla guancia… frasi di cortesia come : adesso nn perdiamoci più… un : ciao mentre saliva sulla sua macchina girandosi per un ultimo sorriso…

….. sono stato li a guardarla mentre tornava alla sua vita… e la magia si era dissolta…