LA CURA

COCCIdiNUVOLE2Allestire è amare. Harald Szeemann.

Ognuno che cura uno spazio lavora per esso, gli artisti e per se stesso. La cura è nel riflesso e di riflesso. In Raffaele Gavarro – L’arte senza l’artel’arte si è talmente raffinata da porsi oltre il semplice concetto di site specific… il cascame dei dati analogicodigitale che evade la rigida univocità di senso delle opere d’arte, crea veri e propri eventi, accadimenti che sono al contempo rappresentazioni, immagini, e non meno esperienze di contatto diretto con il, e nel, mondo e che ovviamente danno forma alla vita.

E si aggiunge R-ESistenza dell’ARTE  non solamente perché impressa nella retina – nella visione di un’esposizione – ma costantemente ALLESTITA. La riproduzione continua dell’evento (l’evento stesso contingentato negli Hub sacrificali, per esempio), e come narrano le mostre che hanno fatto la storia delle esposizioni: 

gli atteggiamenti diventano forma. 
Così la cura, nel riflesso delle nuvole replica l'esistenza il vaso rotto, col timbro d'infanzia. 

.

 

Cocci di Nuvole, tecnica mista: Nuvole, gelo, allestimento del coccio, disegni a matita, ph/ph 2021

“When Attitudes Become Form” at Kunsthalle Bern, 1969
Mario Merz, Robert Morris, Barry Flanagan and Bruce Nauman

LA CURAultima modifica: 2021-02-16T18:46:18+01:00da Dizzly
Share on TwitterShare via email

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.