Altermoderno Il cimento della E

Share on Twitter

Alighiero-Boetti-Gemelli-Twins-1968-fotografia-b-n-17-x-13-cmArchembolo dell’Axis mundi. Alighiero e Boetti, il cimento della E è congiunzione, replica, eppiù diventa linkage virtuoso all’idea originale che si dipana attraverso intuizioni aggregate. È il suffisso  internettiano per eccellenza. Alighiero e Boetti antesignano del virtuale in cui la copia è l’assunzione di identità altra, e potenziale espressivo, perdendo in qualche modo la radice originaria. Nella replica, negli attributi nelle chiavi, tag tuttavia il rafforzamento della personalità nell’altermoderno.  Il suo lavoro ha messo in discussione il ruolo tradizionale dell’artista, interrogando i concetti di serialità, ripetitività e paternità dell’opera d’arte. Precursore del doppio digitale, Id e alter ego vengono alla ribalta ogni volta che l’artista ritrae se stesso.

Manipolatore di carte, di opere senza limiti di combinazioni di cifre e pattern, tutti elementi che vanno a comporre una sorta di costellazione significante attraverso cui l’artista racconta il Mondo e le sue contraddizioni. Qualunque osservazione di Alighiero e Boetti diventa arte. Raddoppia dimezzando, creare copie è “miracoloso” ( Sciamano e Showman, Sky art); le ripetizioni sono in qualche modo eterne ( Flavio Favelli).

Cover Alighiero e Boetti

AInT

Boetti all’incanto|Non come Beeple
Altermoderno Il cimento della Eultima modifica: 2021-05-01T11:59:40+02:00da Dizzly

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.