Loretta Rossi Stuart e le foto hot rubate: «La mia battaglia per le donne dà i primi frutti»

loretta rossi stuart-foto-sabato italiano_05183615Loretta Rossi Stuart, dopo la denuncia su Leggo.it, ha parlato della sua battaglia legale a Sabato Italiano. La sorella del noto attore posò per un servizio fotografico di nudo per la rivista Boss, ma dopo anni le foto sono finite online e Loretta, che ha avviato una causa, non solo l’ha persa ma ha rischiato di vedersi pignorare la casa per sostenere le spese legali.
Intervistata da Eleonora Daniele spiega: «Ho saputo l’esito della sentenza e dopo 3 giorni in cui sono stata paralizzata ho deciso che volevo combattere, ed è quallo che sto facendo». La donna sostiene che la sua è una battaglia che fa a nome di tutte le donne. «Da quando è uscito questo articolo su Leggo mi hanno contattato per sapere cosa sia successo e io ho parlato e voglio raccontare come sono andate le cose». Loretta spiega di essere stata in condizioni economiche difficili, così ha fatto quelle foto anche perché non erano solo foto di nudo, ma erano contestualizzate in un’intervista in cui emergeva anche la sua personalità.

La Daniele le chiede anche del rapporto con Kim, ma spiega di sapere che tra i due fratelli non c’è un buon rapporto, motivo per cui Loretta non si sofferma sull’argomento. Eleonora in conclusione le chiede cosa vuole dire alle donne che come lei si sono trovate, o potrebbero trovarsi, nella stessa situazione e lei replica dicendo che sta già avendo le sue prime piccole vittorie: «Posso annunciare che grazie a un mdc ci sarà una petizione per raccogliere esperienze e una maggiore tutela per tutte le donne».

Loretta Rossi Stuart e le foto hot rubate: «La mia battaglia per le donne dà i primi frutti»ultima modifica: 2018-05-07T00:08:45+02:00da cristina_a2016

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.