2 dicembre 2021- Una pagina della nostra vita

Firenze 21 novembre 2021 small

C’era una volta il grande giardino infantile con i gelsomini schizzati nel sole, i sogni, le paure e l’avventura che stava per cominciare, un’avventura chiamata esistenza, con i suoi fervori e le sue delusioni, le sue esaltazioni e le sue discese. Nell’ora della maturità con tutto il cuore vorrei elargire ai miei figli le soluzioni più adatte per vivere con serenità  e certezze, ma non è un compito facile perché ciascuno di noi affronta in prima persona le vicende della vita. Oggi, 2 dicembre 2021, la mia deliziosetta compie trent’anni, trent’anni di felicità che ci ha donato, perfino nei momenti difficili. Oggi non scriverò per lei una poesia, come di consueto, piuttosto esprimerò di getto quello che  mi suggerisce il cuore, istintivamente, come uno zampillo di fonte che fuoriesce dalla vena montuosa senza ostacoli che possano trattenerlo, con spontaneità e naturalezza, con sincerità e slancio dell’animo. La poesia contiene  un mondo non detto, lascia in sospeso sentimenti inespressi. Voglio parlarti a ruota libera, abbracciandoti fortemente con le mie parole perché siamo lontani, ma presto ci riabbracceremo davvero.
A volte quando ti vedo sorridere, e mi abbracci, e l’espressione dei tuoi occhi sembra voler dire “grazie per avermi salvato” da non so cosa, provo la sensazione di comprendere fino in fondo il  bene e il male del mondo, l’essenza della vita nella profondità, quel rapporto integro dei sentimenti buoni che ci appartengono. Tuttavia siamo costretti a fare i conti con il nostro tempo, con le azioni, perfino con le nostre idee, più o meno vittime del giudizio altrui, delle sentenze morali e immorali del prossimo. Un filosofo diceva che quando fai o dici qualsiasi cosa trovi contro di te  quelli che vogliono fare la stessa cosa, quelli che vogliono fare la cosa opposta e quelli che non vogliono fare proprio niente. Tu vai per la tua strada, ragionando con la tua testa, consigli gli amici a fare la cosa giusta e soprattutto non permetti a nessuno di ostacolare il bene che ci vogliamo, questo legame inscindibile, questa storia di sentimenti che ci plasma in maniera irreversibile, che ci infonde quotidianamente il desiderio  di stare insieme, di approfondire la serenità del nostro scambio di vedute. La vita non è vivere di ricordi, ma i ricordi si rimettono in scena e arricchiscono il nostro presente. Augurarti buon compleanno è una delle mille occasioni per manifestare il piacere di genitore e l’orgoglio di avere una figlia deliziosa e brava come te. Tu sei la rivincita dei miei fallimenti.
Trenta quest’anno. Trent’anni di soddisfazioni e di correttezza morale, nonostante l’età che dovrebbe giustificare qualche frivolezza in più rispetto a quella della maturità. Anche per questo sei la cura per le mie debolezze.
Buon compleanno piccola mia, ti auguro la  felicità che meriti, sentirai la mia voce dovunque  andrai, le mie mani ti sosterranno lungo il cammino. Once upon a time. Le fiabe belle cominciano così. Il resto lo stiamo vivendo.

2 dicembre 2021- Una pagina della nostra vitaultima modifica: 2021-12-02T00:07:45+01:00da bon.accorso

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.