Paolo Polidori butta le coperte del clochard nel bidone sbagliato: per il vicesindaco multa da 450 euro

http___media.polisblog.it_b_bed_vicensidaco-trieste-contro-senzatetto-cittadini-rispondonoVoleva fare un gesto simbolico di disprezzo, gettando le coperte di un senza fissa dimora dentro il cestino: tolleranza zero, aveva tuonato il vicesindaco di Trieste Paolo Polidori. E così, la tolleranza zero si è ritorta contro di lui.

Alcuni potrebbero chiamarlo Karma, altri invece solo distrazione. Fatto sta che il vicesindaco leghista ha sbagliato il cestino dove lo scorso 4 gennaio ha buttato i pochi oggetti del clochard preso di mira dall’amministratore del comune di Trieste. E per questo, secondo Repubblica.it, sarebbe pronta per lui una sanzione: la polizia municipale infatti potrebbe multarlo fino a 450 euro per aver conferito un piumino e una bottiglia di plastica del senza tetto nel cassonetto per la raccolta indifferenziata. Quella di Paolo Polidori è quindi una chiara violazione del regolamento comunale triestino: solitamente è difficile scovare i cittadini meno attenti alla differenziazione dei rifiuti. Eppure le prove della sua infrazione le ha fornite lo stesso vicesindaco leghista, fotografando e caricando le sue gesta in un post sul suo profilo Facebook, che poi ha prontamente cancellato.

Non è la prima volta che il Friuli Venezia Giulia finisce nell’occhio del ciclone delle polemiche: poche ore dopo Polidori infatti un altro leghista, l’assessore comunale alla sicurezza del Comune di Monfalcone Massio Asquini, aveva scritto una poesia in rima contro i migranti: lui, ex poliziotto, ha deciso per la sonora retromarcia. «È uno scherzo in tema con la leggerezza del giorno della Befana», si è scusato l’assessore del comune in provincia di Gorizia.

Paolo Polidori butta le coperte del clochard nel bidone sbagliato: per il vicesindaco multa da 450 euroultima modifica: 2019-01-09T11:19:10+01:00da cristina_a2016

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.