Telecamere nascoste in hotel: «1.600 clienti spiati nelle loro camere». I video in streaming sui siti hard

Filmavano segretamente e illegalmente i clienti d’albergo nella loro camera da letto: le immagini registrate, o spesso anche in diretta streaming, venivano trasmesse e postate su una piattaforma a pagamento con base all’estero. I clienti, ignari di tutto, sono circa 1.600: protagonisti inconsapevoli di un Grande Fratello in salsa piccante grazie alle telecamere montate in 42 stanze di ben 30 strutture alberghiere, sparse in 10 città.

4376512_1225_video_porno

L’incredibile storia è avvenuta in Corea del Sud: il «business», operativo da novembre fino agli inizi di marzo, ha permesso ai sospettati di raggranellare circa 7 milioni di won (6.210 dollari). Dietro tutta l’organizzazione c’erano quattro persone, che sono state arrestate dalla polizia che ha reso nota l’operazione: se riconosciuti colpevoli, i quattro rischiano una pena fino a 7 anni di carcere.

Gli hotel si trovano in 10 città del centro e del sudest del Paese: la Korean National Police Agency ha fornito in una nota anche i dettagli dell’attività messa in piedi: i video erano realizzati da telecamere spia sistemate nelle scatole dei televisori, negli appoggi degli asciugacapelli e in altre apparecchiature elettriche.

Telecamere nascoste in hotel: «1.600 clienti spiati nelle loro camere». I video in streaming sui siti hardultima modifica: 2019-03-21T13:22:03+01:00da cristina_a2016

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.