Melone

Share on FacebookPin it on Pinterest

melone-liscioNome ortaggio: Melone

Famiglia: Cucurbitacee

Genere: Cucumis

Specie: Melo

Origine: L’origine non è nota con certezza, secondo alcuni autori arriverebbe dall’Asia.

Varietà: Retato degli Ortolani, Retato senza fetta, Liscio “Jolly”, Cantalupo.

Trapianto: Da Aprile a Giugno.

piantine-meloni-in-campoRaccolta: Da Luglio a Settembre. La coltivazione richiede 120/160 giorni circa tra dal trapianto alla raccolta. Il frutto del melone quando è maturo si stacca da solo. Oppure si esegue quando il peduncolo inizia a raggrinzire e la buccia assume il colore tipico della varietà ed emana il suo profumo caratteristico. Si fa tagliando nettamente il ramo poco sopra il frutto stesso ed è necessario recidere anche il peduncolo che tiene collegato il frutto alla pianta.

Sesto d’impianto: 80 cm sulla fila, 150 cm tra le file.

Posizione: In pieno sole.

Innaffiamento: I meloni vanno bagnati subito dopo il trapianto, poi via via si aumenta perché le foglie grandi traspirano molto e il melone cresce nelle stagioni più calde. Quando i frutti dal verde virano al giallo o al bianco/grigio si riduce l’apporto di acqua per ottenere i frutti più dolci. Il frutto va tenuto distante dal terreno, per evitare che marcisca o che venga attaccato da parassiti.

coltivare-meloni-2Lavori da eseguire: Concimazione neccessaria con concime super stallatico pellettato interrato per tempo con la vangatura. Richiede sarchiature frequenti, se si vuole evitarlo si può pensare alla pacciamatura. Cimatura (alla fine della scheda trovi delle immagini) non è indispensabile ma affretta l’emmissione di rami di terzo ordine che portano i frutti femminili fecondi. All’emissione della quarta foglia si cima lo stelo subito sopra la seconda foglia, all’ascella delle due foglie rimaste si formeranno due nuovi rami sondari che quando avranno emesso la quinta foglia verranno recisi subito sopra la terza foglia. Per questa pianta si lasciano svilluppare da 2 a 6 frutti avendo cura di cimare il ramo sopra la prima foglia che si sviluppa dopo il frutto.

Consociazioni Favorevoli: E’ possibile coltivare il melone insieme ad altri ortaggi a ciclo breve; ma solo all’inizio dello sviluppo.

Rotazione: Pianta da rinnovo che apre una rotazione. E’ bene non ripetere la coltura sullo stesso terreno prima che siano trascorsi 4 anni.

Avversità: crittogame: peronospora, fusariosi, marciume radicale, oidio; insetti: maggiolino, afidi, grillotalpa; altri: nematodi terricoli, acari, lumache, limacce.

Luna: Luna Crescente

Curiosità

Pianta rustica e vigorosa che garantische abbondanti produzioni di frutti molto dolci. Il melone è una pianta che predilige terreni fertili, assolati e con un’elevata disponibilità idrica.

 

IMMAGINI PER LA CIMATURA DEL MELONE

cimatura-sotto-foglia-cinque
1.Cimatura all’emmisione della quarta foglia si asporta l’apice subito sopra la seconda foglia
cimatura-ascella-sotto-quarta-foglia
2. All’ascella delle due foglie rimaste si svilupperanno due nuovi rami che quando avranno emesso la quinta foglia verranno cimati subito dopo la terza foglia
cimare-sopra-lòa-foglia-cresciuta-dopo-il-frutto
3. Per ogni pianta si lasciano sviluppare da 2 a 6 frutti avendo cura di cimare sopra la prima foglia cresciuta dopo il frutto.
Meloneultima modifica: 2020-05-08T13:45:43+02:00da Admin4