Andiamo a votare, ma continueremo a contare un emerito fico secco.

I governi vogliono tecnici efficienti, non esseri umani, perchè gli esseri umani diventano un pericolo sia per i governi, come per le organizzazioni religiose. Questo perchè sia lo Stato,e allo stesso modo le religioni hanno interesse a controllare l’educazione dei cittadini. E il mondo ha già sperimentato questo con l’epidemia di Covid  prima, ed ora con la guerra in Ucraina, dove non si tollerano dissidenze di pensiero e ragionamenti logici sulle conseguenze spaventose e insostenibili a cui vengono costretti i cittadini dei paesi atlantisti. Tutto questo per una guerra che non si è voluta fermare perchè programmata o per incapacità delle diplomazie internazionali, tutte volte soltanto a fare gli interessi dei loro paesi. Se si osservano i vantaggi miliardari, che sta avendo la Norvegia, patria del banchiere Stoltemberg, capo della Nato , viene spontaneo chiederselo. Che ci faccia  poi un banchiere in quel posto, dove vedrei meglio un generale, dovrebbero spiegarmelo-

orwell

Andiamo a votare, ma continueremo a contare un emerito fico secco.ultima modifica: 2022-09-22T15:49:03+02:00da g1b9

Un pensiero riguardo “Andiamo a votare, ma continueremo a contare un emerito fico secco.”

  1. Presumo tu abbia voluto ispirarti all’aforisma di Mark Twain pubblicato nella mia bacheca ieri. Contiamo meno di un fico secco e specie da quando è in vigore il Rosatellum, ancora meno di un fico secco! E’ il sistema che va cambiato: i giochi delle liste, la corsa è adulterata proprio dalla dinamica attualmente in vigore. Siamo alle comiche e alla fine saranno sempre i soliti noti. Ma che lo dico a fare? Subiamo un trattamento da mentecatti, non possiamo aspirare a facce nuove, giovani magari più capaci di costoro che possono basarsi solo su “alleanze” più o meno desiderate e delle quali a noi, non importa un…fico secco!!!!
    Bella serata mia cara.

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.