Cliché

Spiagge umide, serrande chiuse e bar vuoti,
piove da due giorni a Lugano.

Pioveva davvero anche quella sera a Lugano, io ero alla guida, tu scavalcavi i sedili anteriori facendo attenzione all’abito da sera.

Ti spingevi fino all’abitacolo posteriore per fermare una bottiglia di Cordon Rouge che sbatteva nel retro del bagagliaio.

– ci sono danni? –
– no mio capitano… –

Poi ti eri fermata li come fossi viaggiatrice su un auto nobile ed io il tuo chauffeur. Mi mancava solo il berretto e prendevi di già a scherzare chiamandomi Ambrogio.

Non avevi mai viaggiato da quella prospettiva, neppure sopra la scema immaginazione di un cliché.

Io poi ho preso a chiamarti Marchesa ed abbassavo il retrovisore verso le tue gambe imprigionate da una rete scura; incominciavi così a intrattenere con il tuo desiderio, accavallandole, cercando in ogni minuto successivo di controllare il più possibile la tua impazienza…

In seguito, la macchina parcheggiava ad un angolo, i fari accessi e la pioggia torrenziale che suonava sul telaio.

Perché non andammo più al teatro quella sera?
Pioveva forte quella sera a Lugano.

Share via emailShare on Tumblr

Parole cancellate

…non c’è solo il desiderio, c’è di più… è quel di più qualche volta può destabilizzare un’esistenza…

leggendo i miei racconti, qualcuno si domanda chi sia mai colei alla quale le parole sono dedicate…

anche tu una volta dicesti che leggivi parole che ogni donna avrebbe desiderato sentirsi dire…

…eppure mi sembrano qualche volta così infinitamente inutili le mie parole… così tanto inutili….

Share via emailShare on Tumblr

Stamattina

Il rumore di uno scatto fotografico suona alle mie spalle. Rompe il silenzio della mattina, impressiona questa immagine di me ormai in piedi alla finestra dopo una notte di sesso.

Ti sei tolta la maschera da notte che ho voluto portassi. La mia schiena è la prima immagine di me che vedi visto che è il nostro primo incontro e ho voluto fosse così: al buio per te, ma io volevo vederci benissimo e comandare.

La notte è passata portandoci fino all’alba senza tregua, rimandando tutte le ore del sonno.

Per ore ti ho tenuta in quel letto disfatto che ora porta tutti i segni dei tuoi ripetuti amplessi.

Ora anche tu puoi guardare l’uomo che ti ha fatto questo.

Ti alzi trascinandoti il lenzuolo come una tunica, perché indosso ti ho tolto ogni cosa.

Ti avvicini a me che rimango immobile, non mi volto per non darti ancora questo vantaggio.

Tocchi con una mano la schiena che hai un attimo prima immortalato. Poi prendi il lenzuolo che hai indosso e lo avvolgi intorno a me, come un abbraccio di spalle, appoggiando la tua testa sulla mia schiena.

Ti chiedo se stai bene, con un tono di rassicurazione, il mio tono abituale, un tono diverso rispetto all’intransigenza che ho avuto durante la notte.

Sì sto bene – mi rispondi, inizi a baciarmi sul collo nell’intermezzo di un’altra conferma – sto bene – ripeti.

Le tue mani sfiorano il mio petto, si allungano in un abbraccio e carezze calme. Nei movimenti continui a trascinarti il lembo delle lenzuola che faticano a starci addosso, un lato cade liberando una tua e una mia tua spalla.

Le mani scendono e mentre lo fanno i movimenti diventano sempre più risoluti. In alcuni tratti le tue unghie graffiano delicatamente il mio sterno, il mio ventre…

Il tuo seno si schiaccia sulla mia schiena e avverto le punte della tua eccitazione.

Ti accompagni con dei baci lenti. Chiudo gli occhi vivendoti come un’onda. Le tue mani iniziano a varcare la cinta del jeans manovrando e facendo saltare il primo bottone.

Le tue mani si infilano nei pantaloni non trovando altri indumenti ostativi. I Jeans si reggono ancora precariamente sui fianchi, le tue mani sono entrate entrambe; la sinistra crea astutamente il varco l’altra afferra il membro.

Lo riconosci, è lui. Lo riconosci dopo aver preso confidenza nella notte. Lo hai preso, desiderato, avuto e sentito ovunque… ovunque…

Lo afferri come per ristabilire la tua proprietá.

É già pronto, ingrossato dai tuoi graffi e dalle tue carezze introduttive. Lo prendi con una mano e inizi a compiacermi con dei movimenti che in poco tempo lo portano a indurirsi e a ingrossarsi fino alla sua massima estensione. Le venature si evidenziano sulla pelle mentre i tuoi movimenti decisi si alternano di direzione, in avanti e in indietro.

Mi afferro a te, ai tuoi fianchi legandoti a me completamente. In quell’unione il mio e il tuo corpo sembrano un tutt’uno, sembra che il mio sesso sia diventato davvero tuo e lo dimeni con sicurezza come farebbe un uomo.

Mi sorreggo perché ne ho bisogno, le gambe mi tremano mentre tu continui a infliggere colpi, affondi e in quegli affondi la pelle di dilata come una guaina liberando la carne. La tua mano difficilmente lo contiene, ogni tanto.devi riprendere l’impugnatura. Il lenzuolo cade del tutto e anche i miei jeans ormai sono scesi alle natiche.

Nei movimenti ti spingi e ti strofini a me cercando il contatto fisico, sento che mi vuoi, ma non vuoi interromperti da questo lavoro.

La tua mano, quella sognata, quella vista mille volte in una foto, quella desiderata è ora qui con me e non si ferma. I secondi mi sembrano attimi infiniti di piacere, non si arresta e io rimango immobile conoscendo già le tue intenzioni e so bene quando solo tu deciderai di fermarti.

Share via emailShare on Tumblr

Il desiderio che traspare

Non era chiara quale fosse stata la premessa o il preambolo per questo appuntamento.

Credo che non aveva poi così importanza ricordare cosa avesse portato in quel preciso giorno a dirigerci verso quella meta d’oltre confine.

Riguardo la situazione, avevamo parlato a lungo durante tutto il tragitto in auto, non trovando alcuna soluzione che potesse andarci bene ad entrambi. Rimanere o perderci?

– Io e te possiamo essere solo amici ed è già tanto, ci consentirebbe di poter esserci l’uno per l’altro – affermavi con severità.

– non mi dai altre alternative? –

– L’alternativa è chiudere tutto, qui, subito. –

Ero andato troppo oltre, avevi ragione. Come si usa comunemente dire in queste situazioni: avevo fatto tutto da solo. Ero caduto nell’errore di considerare con troppa leggerezza quello che ci stava accedendo. Eppure sulla frase che asseriva con parole alquanto tangibili la cruda verità, mi ritraevo indietro rispetto ai sentimenti e alle emozioni che avevo fino ad ora speso per te.

Mi sottolineavi con attenzione parole come: – peccato – lealtà – fedeltà – la tua famiglia – la mia famiglia – cosa potremmo mai essere? – cosa finiremo per diventare? – quando potremmo mai vederci – dove? Come? – e il figlio che stai cercando? – diventeremo come gli altri? –

Termini che mi sembravano scorressero lungo la linea tratteggiata dell’autostrada frenando l’automobile in movimento. Tutte parole che portavano verso la tangibilità, l’oggettività, la razionalità. Tutto quello che avevo eluso fino ad ora, ingannando i ‘se’, i tanti ‘perché’ e qualche ‘ma’ di troppo.

L’albergo era tra i più lussuosi, sicuramente ti eri servita di qualche telefonata delle tue, sfruttando uno dei tuoi principali privilegi: la notorietà sul campo.

La mia camera non era pronta al nostro arrivo a differenza della tua per la quale ti veniva consegnato il pass. Per me c’era da attendere la tarda mattinata.

Avevi prenotato per due singole. Quel gesto evidenziava ancor di più le tue intenzioni nel prendere le distanze con me. Distanze che più che fisiche erano apprensive e sentimentali. Confini che ora disconoscevano qualsiasi fossero state le tue smanie passate nei miei confronti. Desideri cercati, dichiarati, sui quali io non riuscivo a distrarre l’idea di viverli.

– Intanto che ti preparano la camera, invece di aspettare nella hall, sali con me in stanza? – mi proponevi con un gesto carino che non poteva lasciare interpretazione ad intenzioni diverse, di conseguenza, accettavo con piacere.

Avevo preso i miei e i tuoi bagagli, stranamente pochi, ma del resto il tempo era davvero limitato per quel periodo.

L’ascensore dorato si chiudeva dietro di noi portandoci al piano più alto, quello delle suite.

Il movimento era comodo e quasi impercettibile nella sua veloce salita. Anche i miei occhi salivano su di te allo stesso modo, lenti e impercettibili. Ti fissavo dal riflesso dello specchio, partendo dal basso, salendo piano lungo i dettagli della tua forma, ti studiavo, mentre tu fissavi il menù del pranzo. Indossavi dei pantaloni di lino beige su una camicia bianca con alcuni dei primi bottoni aperti che lasciavano intravedere il tuo sensuale decolté. Su quell’apertura, mi ci perdevo sempre ogni volta, forse perché ero troppo stregato e forse perché ero molto soprappensiero. Turbato da quanto ci eravamo ripromessi, cercando di assimilare la sensazione e l’accettazione del distacco, che sentivo interiormente rifiutare e starmi stretto.

Amici – pensavo dentro me – cosa significava amici?

Solo la tua voce riusciva a distogliermi richiamando la mia attenzione ormai persa a lungo sulla piega del tuo seno.

– Sono stanca dal viaggio, non vedo l’ora di buttarmi sotto la doccia e rigenerarmi –

Il mio silenzio continuava incessante. Non mi domandavi neppure perché non parlavo più, credevo intuissi da la mia confusione mentale. La tua non la davi a vedere, ti difendevi come al solito, ma eri anche tu sconvolta allo stesso modo.

Quando hai aperto la porta, ti sei prontamente fatta strada nell’ambiente. La giacca che poco prima indossavi cadeva al centro del letto. Sui pochi passi avevi lasciato la scarpa sinistra e poco dopo, saltellando sul piede nudo, la destra afferrando il tacco con una mano. Il letto doveva avere una misura maxi, mi sembrava più grande del solito. Il lampadario al soffitto era di cristallo e rispecchiava la luce delle imposte sulla parete come infrangendo diamanti di alcuni colori attorno a noi. La stanza richiamava molti tratti di blue – il tuo tono preferito – consideravo.

Lasciavo la porta alle mie spalle per cercare un punto dove potermi accomodare, notavo che la doccia era di quelle a pareti, centrale nella stanza, separata dal resto del bagno. Era certamente scenografica e di grande effetto, ma non ti avrebbe restituito mai il relax che cercavi, conseguenza del fatto che fossi anche io nella stanza con te e soprattutto essendo bene a conoscenza della tua timidezza e riservatezza.

Anche tu in quel preciso momento te ne accorgevi; avevi un’espressione tra il dissenso e lo stupore. Mi rivolgevi così uno sguardo meravigliato che anche se vuoto di parole voleva intendere una cosa sola: – e adesso? –

– Dai scendo giù e aspetto che mi assegnino le chiavi per la camera, così tu puoi rilassarti e io inizio a prendere coscienza della situazione –

– Quale situazione? –

– Che siamo solo amici. Che tutto ci è negato. Che non abbiamo alternative. –

Lo dicevo con una voce rassegnata e tremante e un’espressione che riusciva a trasferirti tutto il mio stato di sconforto. L’avevo capito dal fatto che poco dopo ti avvicinavi a me lentamente per alzarmi il viso con una carezza, quello sguardo che ormai era rivolto verso il basso, un poco perso nel niente.

– Guardami, negli occhi, non fare così… tu sei importante per me –

– Lo sei anche tu, ma tu hai scelto, per me, per noi… forse era meglio non scegliere… –

– Che significa non scegliere? Rimanere in un limbo di privazioni? Non lo so, so solo che sono molto confusa, per tante cose e lo sai… –

Ti ho guardata negli occhi, intensamente. Uno di quegli sguardi che eravamo abituati fare, quelli che parlavano soli nel silenzio, in un dialogo dell’anima che intendevamo bene.

Ogni tanto i tuoi occhi si abbassavano un poco per guardare le mie labbra semiaperte. Con i miei occhi facevo ugualmente.

In quel momento di desiderio, compromettente, ingannavamo entrambi ogni altra possibilità anelata. Viravamo coscientemente in un abbraccio che sapeva di così tanta innocenza. Eravamo immobili, presi da quella stretta dove per un attimo ci sentivamo noi, i noi di sempre, i noi amanti, i complici e realmente poco amici.

Recuperate nuovamente le distanze, confermavo che sarei sceso lasciandoti nella tua privacy. Ti conoscevo e avresti avuto qualche imbarazzo forse anche con tuo marito a farti la doccia nuda davanti ai suoi occhi, figuriamoci ora che ero presente io.

– Sai che faccio? Non mi tolgo la camicia… faccio la doccia con la camicia indosso, ma tu rimani, non lasciarmi sola. – Davvero in modo inaspettato mi chiedevi così di rimanere?

Non so come ti è venuta in mente quell’idea, ma ho voluto assecondarla perché comprendevo che ti avrebbe fatto piacere che fossi lì a tenerti un poco di compagnia in un momento senz’altro di sconforto. Volevi rimanessi ancora un po’ in bilico a quella sensazione non definita, non risolta, dove era in dubbio capire cosa noi potevamo essere ancora.

– Sarà come fare una doccia al mare… – trascuravi con leggerezza.

Ti dirigevi verso la doccia aprendo il getto d’acqua bollente che in pochi minuti rilasciava uno strato di condensa su tutta la parete in vetro. Nel frattempo sfilavi lentamente i pantaloni di lino e le calze scure rimanendo con il cotone bianco della camicia che copriva leggermente la brasiliana.

Ti muovevi nei tuoi gesti lenti, pieni di finezza e non curante della mia presenza. Probabilmente per assicurarti di fare tutto in modo spontaneo. Ti eri imposta nella mente di essere sola in camera, un’astuta estromissione mentale che invece mi concedeva di sentirmi unito a te in quei minuti di intimità e purezza.

Io ero comodo sulla poltrona che dava fronte alla lastra ricoperta di vapore.

Nell’istante che entravi in doccia, la breve visione spoglia del tuo corpo scompariva come tutto il resto.

Il tuo fisico si mostrava solo come un’ombra sensuale e stilizzata oltre il vetro. L’esalazione componeva un acquerello ritratto sulle tue linee e sugli indumenti sfumati nel bianco. Le tinte lasciavano immaginare le tue forme e i tuoi movimenti puri, annebbiando tutto il resto del dettaglio.

Nei primi minuti l’immagine di te era somigliante ad un’opera d’arte da contemplare con piacere e alla giusta distanza. Le linee sfumavano dal bianco al rosa, aprendo sfere sfumate in acqua. Le pennellate astratte e casuali cambiavano rispetto a nuove colate sul tessuto che sembravano fossero di colore chiaroscuro.

Successivamente passavi la tua mano sul vetro per lasciare uno spiraglio di visibilità. Aprivi così una piccola finestra di dettaglio sul tuo viso che potevo osservare. Da quel cerchio nitido tu potevi intravedere me ancora seduto e distante; notavo che mi sorridevi maliziosamente e mi ricercavi con lo sguardo.

Sono bastati pochi altri secondi per riannebbiare lo spiraglio concesso, uno spiraglio che aveva acceso in me il desiderio acceso di avvicinarmi. Abbandonavo dietro me la poltrona da spettatore per avvicinarmi al vetro che ci univa e ci disuniva allo stesso tempo.

Ero io ora che provavo a scostare il vapore dal vetro, ma con insuccesso poiché il velo rimaneva interno dal tuo lato. Tuttavia il movimento della mia mano aveva richiamato la tua attenzione.

Tu stessa per effetto riproponevi il medesimo movimento, probabilmente con la voglia di inseguire il mio palmo che si muoveva sul cristallo, oppure per permettere di riaprire un nuovo varco dove potevamo guardarci negli occhi ancora per un po’.

Mi accorgevo inoltre che qualsiasi direzione potesse prendere la mia mano, tu continuavi a seguirla con la tua scoprendo così nuove parti di te distinguibili oltre il vetro. Mi sembrava seguissi i movimenti come uno specchio.

Di questo gioco voluto o casuale, io mi sentivo quasi in dovere di approfittarne. Non era forse un’opportunità concessa?

Nei miei e nei tuoi movimenti ondulatori che seguirono, liberavo interamente il tuo viso in modo da poterti guardare negli occhi intensamente.

Il vetro ci separava. Ci slegava e ci univa. Ci rassicurava rispetto a quanto stavamo facendo, tutto diventava eccezionalmente puro, corretto e lecito.

Proseguivo a scendere scoprendo nuove parti del tuo corpo, come se stessi togliendoti un abito di fumo. Scendevo lungo il collo mentre ti lasciavi un movimento all’indietro con la testa, come se in quell’istante stessi percependo la mia mano che scorreva sulla pelle.

Anche l’altra mano, la sinistra, l’appoggiavo per ricercare un sostegno. Simmetricamente tu posavi la destra alla stessa speculare altezza. La mia fede liberava un suono sul vetro attutito subito dallo scroscio dell’acqua.

Con l’altra mano mi calavo all’altezza del tuo seno, il sinistro.

Il dettaglio rimaneva coperto dal tessuto bianco attaccato al petto come una resina trasparente. Si potevano vedere sia le diverse sfumature della pelle, da quelle più chiare a quella più scura del capezzolo, sia l’altezza della punta che spiccava trafiggendo di eccitazione.

Continuavo a muovere la mano, fremevo, come se volessi cercare un contattato con quella parte del tuo corpo. Lo capivi e contraevi così quei venti centimetri che separavano il corpo dal vetro. Teneramente appoggiavi il tuo seno all’altezza della mia mano illudendo il tocco. Il poggiarsi del tessuto con il cristallo metteva ancora di più in evidenza tutti i particolati.

Mi sembrava di morire in un gioco tra piacere e impazienza. Tra l’averti così vicina e il non poterti toccare. Sapevamo entrambi che potevamo varcare in un attimo quel vetro, ma con l’effetto di sentire quel senso di immoralità con noi stessi, con le nostre scelte di vita. Sapevamo che non potevamo permettercelo. Allo stesso tempo rimanevamo così stupidamente incoscienti rispetto a quanto il confine del proibito fosse già stato abbondantemente superato dalle nostre azioni.

Palpavo con la mia mano come mimando il gesto e seminando impronte indefinite sul vetro. Tu continuavi a spingere il tuo seno morbosamente sul mio palmo aiutandoti nel movimento con la tua mano. Sorreggevi e stringevi la massa ridirigendola emettendo un suono scivoloso. Nei movimenti la camicetta si scostava liberando tutto il tuo nudo ardore.

Ti addossavi con tutto il corpo sulla lastra completamente in balia del desiderio. Avresti dato tutto per sostituire il contatto astratto con il mio corpo.

Preso dallo stesso trasporto, mi abbassavo con il viso e con la bocca simulando un bacio intenso sulla punta del capezzolo. Tu prendevi ancora di più a dimenarti come se il movimento potesse sciogliere quella voglia che non contenevi più. Il delirio scorreva nelle vene come l’acqua sul tuo corpo.

La mia lingua leccava il vetro caldo, umidiva la lastra dove rimaneva schiacciato il seno da tutto lo spasimo. Continuavi a premerlo su di me, sulla mia lingua guardandomi fisso con gli occhi e in altri istanti li chiudevi per smarrirti nel piacere.

Tutto il corpo poggiava a tratti sul bagnato. La stoffa si colorava di rosa sulla pelle bagnata. Gli sguardi si rimiravano.

Ti piaceva che ti guardassi e mi piaceva guardare ogni dettaglio.

Poco dopo, non sapevo più che direzione prendere.

Se scendere ancora, calandomi e lasciandomi andare più giù, abbandonandomi nel desiderio, protetto da quel vetro di separazione che in qualche modo tutelava tutte le nostre intenzioni.

Non sapevo se fermarmi, razionalmente tornare al mio posto su quella poltrona distante, tornare alla mia vita di tutti i giorni, giusta e privata di molto, tornare ad essere amici.

Non sapevo… se varcare il limite. Entrare nella doccia con te per perdermi in un abbraccio interminabile, una stretta sotto la pioggia scrosciante che sapesse solo di infinito, che sapesse solo di amore.

Quello che era stato poi, è oggi un mistero che nessuno potrà conoscere mai.

 

Share via emailShare on Tumblr

La gita

Oggi c’è il sole, la giornata è di una primavera ormai esplosa ideale per una gita fuoriporta Milano.

– farà caldo al lago? Se indosso le calze con una rete ampia le gambe respireranno… –

Quello che mi piace di Lei e la sensualità nella sua naturalezza d’espressione, frasi semplici, sintetiche, sempre pronunciate senza furbizia, ma nell’assoluta confidenza del nostro rapporto amicale.

– Mi allacci la collana? –

I suoi capelli sono di color londra che diviene ancora più particolare nelle giornate così piene di luce. Anche le unghie in giornate come queste sono colorate di azzurro.

Oggi indossa un vestito di lino e una camicia con un disegno d’edera blu che si ramifica su un corpo sempre troppo incontenibile. La tela aderisce a quelle rotondità contenendole, ma l’impressione è quella di una corporatura trattenuta che voglia improvvisamente venire fuori dai vestiti ed esporsi a nudo, come un’esplosione imprevedibile, che renda libera la forma agli occhi e ai desideri della natura.

Il suo stile è tra lo stravagante e l’elegante. In giornate così non fa a meno di portare qualcosa di aperto, di arioso come ad esempio un ricamo a filo o uno spacco.

Io a differenza sono tra il classico e il casual, un po’ retrò. Quando siamo vicini la dissonanza è evidente, ma questa differenza di look che abbiamo, non intacca in alcun modo la nostra ambigua armonia.

Tra le vie ogni uomo la guarda e questo mi crea imbarazzo, ancora di più quando lei passeggia tenendosi sottobraccio.

Sono io difatti a non sentirmi mai al sicuro quando sono fuori al pubblico, lei è più non curante e riconduce sempre un po’ tutto alla nostra amicizia; io ci leggo sempre molta più malizia.

I suoi atteggiamenti vanitosi fanno di tutto per ingannare la folla rispetto a quanto una donna stravagante, possa camminare con un uomo classico accanto; di questo contrasto lei si compiace, la diverte e me ne rende così partecipe senza trattenere alcun segreto.

Io questa situazione invece la subisco un poco, forse perché mi imbarazza e un po’ perché i suoi gesti sono una recitazione che vede sempre lei come prima protagonista ed io come semplice comparsa sottoposta ad una sceneggiatura (sempre molto improvvisata).

Basta pensare a tutte le volte che mi chiede di aiutarla nel salire o scendere su un tragitto disagevole, dove sul fine corsa, con un’espressione di fatica conclusa – uff… finalmente! – si sbilancia con le sue protuberanze su di me, qualche volta anche atterrando per essere frenata, fino ad abbracciarmi, baciarmi sul viso, soddisfatta del mio aiuto premuroso  – …se non ci fossi tu! –

I suoi seni si schiacciano spesso su di me qualche volta sbuffo tra imbarazzo e eccitazione. Nelle salite altre volte mi precedere mettendomi in una situazione di coprirle la rotondità posteriore, lei stessa mi dice – stammi dietro, molto vicino, altrimenti mi guardano – e io le ubbidisco sottostando alla vicinanza lussuriosa del suo didietro che si muove al ritmo dei gradini, anche troppo davanti ai miei occhi, ma sempre molto lentamente come fosse una danza.

Ma dove le riesce di più di esprimere questa sua vanità di possesso, davanti agli altri è nella fotografia. Questo è il suo spasso preferito, mettersi in una posa e chiedendomi di fotografarla.

Nelle pose mi accorgo che mentre io la inquadro con la macchina fotografica, altri si soffermano a fotografarla con gli occhi che divengono teleobiettivi prolungati di desiderio.

Quanto ci gioca in questo! Nelle sue performance da esibizionista, facendo sempre credere a tutti che quegli spacchi, quei ricami che spesso si intravedono siano solo una disattenzione.

Allora il rituale è sempre il medesimo: le faccio un cenno, lei abbassa lo sguardo e poi porta una mano di scatto a ricoprirsi un dettaglio uscito sotto la stoffa alzata dal vento; esclama – oh accipicchia, mi si vede tutto! – io sorrido, lei mi fa la linguaccia dove fuoriesce evidente il piercing, poi strizza un occhio sorridendomi come per dirmi – L’ho fatto apposta – e quando mi volto allora vedo la faccia colpita di un qualche passante a cui ha voluto attirare la sua attenzione.

Non posso che sentirmi allegro, la giornata comunque è magnifica…

Da questo promontorio il panorama verso il lago è incantevole. Il senso di leggerezza di questa giornata è in equilibrio con tutto il senso di spensieratezza che vivo in questi momenti con lei.

Il vento muove questa leggerezza, soffia attraverso le sue gambe e la rete delle calze, raccontando che non è di certo oggi il tempo dei ‘se’ dei ‘ma’ dei ‘perché’ o i ‘percome’; questo è il tempo di una serenità di cui entrambi necessitiamo e su cui vogliamo che questa unione tra noi si fondi; fosse anche per distogliere qualche brutto pensiero che nel quotidiano ci turba.

– Ancora uno scatto? –

Share via emailShare on Tumblr

Incipit

Ogni volta che scrivi un incipit, mi metto a leggerlo e rileggerlo con attenzione per ricercare qualche assonanza di noi, dei nostri dialoghi, delle nostre fantasie.

Certe volte mi accorgo di alcuni dettagli che possono sembrare i nostri, ma forse in realtà è solo una strana fatalità…

Altre volte leggo qualcosa del tuo passato e penso che poteva appartenerci, ma forse è solo una mia invidia per qualcosa che non ho vissuto…

Poi ci sono le parole scritte forse con leggerezza, sulle quali tu dici di non dare peso, ma sulle quali qualcuno un peso ce lo mette…  …ed io finisco stupidamente per ingelosirmi….

Ci sono quelle parole piene di desiderio, che anche se non lo sono, io le faccio mie, le rendo nostre, avidamente…

…perché mi piace pensare di poter essere all’interno di ogni tuo desiderio.

Share via emailShare on Tumblr

il buio

– Ho notato che mi hai assecondato sull’indossare la mia camicia –

– E’ vero, ero restia inizialmente, ma poi ho deciso di fare la ragazzina ubbidiente –

– Mi chiedo fino a che punto tu possa essere così disponibile –

– Dovremmo provare per saperlo entrambi, non trovi? –

Il sussurro delle parole si perdevano nel buio, cosi intimo e cosi al riparo.

Ti sentivi bene e ti sentivi mia. Quella sensazione di oscurità ti faceva pensare a tanti significati.

Ti faceva pensare al mio lato nascosto, quello che forse non conoscevi ancora. Ti faceva pensare alla tua zona buia, quella che anche tu non comprendevi ancora, ma che sentivi emergere in te in quell’istante, ora che trovavi protezione nella condizione favorevole di un’ombra.

Sì – quel buio in qualche modo ti intimidiva e ti proteggeva.

L’oscurità ti facilitava lasciando emergere quella parte di te, quel tuo alter-ego, che non avevi mai liberato prima.

– Cosa vuoi che faccia per te? Dimmi… –

Nel momento che pronunciavi quelle parole, mi sentivo conferire un ruolo al quale non volevo in nessun modo rinunciare. Non ho impiegato molto tempo a pensare cosa volessi. Nell’immaginario volevo vivere, condividere con te, uno dei tanti momenti che ci tenevano durante la distanza vicini, uniti. Volevo lasciartelo fare in quel momento, dove potevo avvertire il tuo respiro, ascoltare le tue parole… e offrirti il vantaggio del buio.

– Siediti sulla poltrona e allarga le gambe per me, in modo che io possa vedere –

Non ti sei neppure domandata come avrei potuto vederti in assenza totale della luce. Non te lo sei chiesta perché intendevi qual era il mio gioco: pensare di osservarti, senza violare il tuo pudore e la tua timidezza.

Sentivo il suono dei tuoi tacchi che con due passi indietro si allontanavano da me. Io intanto mi sedevo comodo sull’angolo del letto, cercando di capire attraverso i suoni la direzione verso la quale avrei dovuto guardarti.

– Allarga le gambe per me e scosta gli slip, voglio guardartela… –

Non parlavi, sottostavi… e sentivo il suono del cotone muoversi e il battere dell’elastico sulla pelle. Immaginavo quanto doveva essere bello pensarti li, distesa sulla poltrona morbida, con il lembo scostato delle tue mutandine e una gamba poggiata sul bracciolo e un’altra sospesa in aria. Potevo solo immaginarlo.

– Va bene così? Mi stai guardando? –

– Sì, ti sto guardando, mi sto godendo lo spettacolo… –

– Sono brava? –

Mi sono alzato nel buio per avvicinarmi alla tua voce e dopo un passo avvertivo premere la punta sospesa del tuo tacco sui miei jeans. In quel contatto, piantavi entrambi i piedi per trovare una posizione più comoda.

– Continua così, lo sai che sei proprio brava e ubbidiente… –

Dal movimento che calcavi su di me si poteva intuire che ti stavi frugando, coccolando con le mani la fenditura umida e rosea della tua carne. Lo capivo anche dal rumore; era un missaggio di suoni alternati, tra un tono umido di un succo spremuto e una vibrazione di un corpo pressato. Il suono era anche accompagnato dai tuoi spasimi che non contenevi per l’eccitazione.

Anche l’odore era intrigante, tra la tua fragranza di Casmir e l’aroma dell’eccitazione.

– Sono tutta un lago… guarda… sono tutta un lago per te… –

Le tue gambe si dimenavano tra le contrazioni e la voglia di avvinghiarmi. Il suono del tuo piacere si faceva sempre più intenso; voleva pronunciarmi qualcosa che rimaneva trattenuto nelle labbra per il tuo insensato pudore.

Il piacere viaggiava verso un limite osteggiato solo dalla tua intransigenza. Pensavo che ti piaceva andare oltre ogni violazione, verso la trasgressione, provare a varcare quei confini con me, che fino a quel momento ero riuscito ad accompagnarti distesa su quella poltrona. Ma io non avevo intnzione alcuna di sollecitare una decisione che volevo fosse solamente tua.

E mentre con una mano accarezzavo con un gesto tenero e delicato le tue caviglie, un avviso inaspettato e complice accese il tuo cellulare poco distante.

La luce debole lasciava intravedere appena i miei e i tuoi occhi. Si guardarono per la prima volta e per alcuni secondi. I tuoi erano spalancati e avidi. I miei rincuoranti e austeri. Nel momento successivo, mentre provavo a abbandonare la tua vista per contemplare l’amore tra le tue gambe, la luce si spense fatalmente.

E io ricordo bene che in quel secondo non feci in tempo a guardarti, ma nell’istante dopo, tutto quello che mi sembrava ormai destinato, fu ridiretto dalla tua volontà, dal tuo coraggio e dalle tue parole:

– Accendi la luce… ti prego… accendi la luce e guardami… –

Share via emailShare on Tumblr

Il mio ingresso

Ero entrato nell’appartamento poco in anticipo rispetto alle sedici.

Dopo aver chiuso la porta alle spalle, ho udito la tua voce provenire dalla stanza da letto:

– Sei tu? –

– Sì sono io, ma rimani li… non muoverti… –

Come da copione studiato, mi ero avvicinato all’interruttore generale facendolo volontariamente scattare. Un abile gesto, programmato e allo stesso tempo per te inaspettato.

Volevo che fosse così il nostro primo incontro: ‘al buio’ – nel termine abituale del nostro frangente – e anche: ‘nel buio’ – a figurare ancora di più la situazione che avevamo creato.

– …ehi ma che succede? –

– devo aver fatto saltare la luce, non ti muovere rimani lì che controllo –Cercavo di rassicurarti e rasserenarti, ma le mie intenzioni erano ben diverse e ben stimolanti.

Sapevo bene come muovermi nella mia casa, anche nell’oscurità più completa. Le imposte non davano esito ad un barlume di luce; non c’erano luci di emergenza o spie luminose. La mia direzione non era di certo quella verso il contatore; mi avvicinavo lentamente nel senso della stanza facendomi strada con una mano lungo la parete.

– sono io tesoro, non preoccuparti – te lo dicevo a pochi metri ormai da te, mentre ancora mi muovevo per provare a trovarti.

– ma la luce? –

– l’ho spenta, lasciala così, …dove sei? –

– ma che succede? Cosa stai facendo? – Su questi tuoi incerti interrogativi finalmente trovavo il contatto con te e ti prendevo per una mano.

– sono qui, non preoccuparti, se vuoi la riaccendo o se vuoi fidarti di me… la lasciamo così, ma dimmi tu… cosa vorresti fare? –

Nel tuo silenzio ambiguo e nell’oscurità di quell’istante, prendevo la tua mano e l’alzavo per poterle dare un bacio. In quel momento rimanevi dubbia tra timore di non sapere e il piacere di poterti affidare.

Te lo ripetevo: – dunque? Accendo la luce? –

Esitavi ad una facile e possibile risposta.

Volevi forse rispondermi infastidita: – cosa stai facendo, voglio vederti! –forse pensavi a qualche inganno. Potevi anche pensare che potessi non essere io, ma la voce lo era, era quella che tu conoscevi molto bene.

– ma sicuro che sei tu? …ma sei tu? – me lo ripetevi con un sorriso, divertita, mentre muovevi le mani su di me per cercare i lineamenti del mio viso. Riprendevi il possesso dei segni di riconoscimento, i capelli che mi accarezzavi, gli occhiali, il naso… le mie labbra, che le disegnavi con un dito.

E proprio sulle labbra stesse sentivi ormai ogni tua certezza.

– si sei tu, queste sono le tue labbra –

– inconfondibili? – ma non sono riuscito neppure a pronunciarlo quell’interrogativo del tutto che in un attimo ti ho sentito stringerti a me e un’istante dopo che le tue labbra prendevono a baciarmi assecondate e compiaciute di quel momento.

Share via emailShare on Tumblr

Il soggiorno inaspettato

Ti avevo proposto di vederci in quell’appartamento che affittavo giornalmente. Potevi essere tranquillamente un’ospite fra tanti e nessuno poteva sospettare qualcosa sul nostro piano.

Ti avevo mandato le istruzioni per il check-in come normalmente avveniva per ogni prenotazione:

– Puoi ritirare le chiavi in via Enrico del Pozzo al Bar Marconi dal proprietario Lorenzo, ti offrirà un caffè e ti consegnerà il pacchetto con dentro le istruzioni; seguile diligentemente. –

All’interno del pacchetto nero le istruzioni non erano tuttavia quelle abituali; non spiegavano di certo le regole dell’appartamento, erano riformulate su misura rispetto al nostro incontro e soprattutto erano reinventate con attenzione a te.

Il Bar Marconi sapeva di tabacco e spezie. Al posto del caffè avevi preso del tè nero.

Lorenzo dall’altra parte del bancone ti aveva domandato qualcosa con la sua solita curiosità e forse anche incalzando dell’interesse verso una donna che veniva a soggiornare sola. La cosa ti aveva alquanto infastidita e glissavi risposte per tagliar corto, cercando di non dare allusioni a proseguire. Tu non eri lì per nessuno se non per me.

– Ringrazi il proprietario per il tè di benvenuto, ci terrei che lo venga a sapere –

Lo dicevi trattenendo l’ironia dentro di te, un’ironia in quel momento affine solo ad un pensiero occultato che custodivi in te molto scrupolosamente.

Avevi salutato Lorenzo incamminandoti così verso il civico dell’alloggio.

Nel pacchetto appena aperto erano presenti due chiavi: una verde del portone condominiale, l’altra blu per la porta dell’appartamento a destra del secondo piano.

Appena entrata prendevi un momento l’orientamento ricollegando immagini ed oggetti che avevi visto in foto con gli spazi circostanti che ora sfioravi; le mie fotografie, i libri, i quadri, tutto un po’ sapeva di me.

Lasciavi la tua borsa e il tuo paltò sulla poltrona per avvicinarti al tavolo e svuotare il pacchetto frettolosamente e mettere mani alle istruzioni ancora da leggere.

I quattro lati del fogliettino si aprivano con fretta curiosità tra le tue mani.

“Apri l’armadio in camera e troverai una sola cosa: una mia camicia.
Vorrei che tu la indossassi e per il resto lascio fare a te…
Chiuditi a chiave. Togli le chiavi dalla serratura, io entrerò con le mie.
Non aprire le imposte, lascia tutto chiuso come hai trovato.
Aspettami comoda in camera da letto; arrivo alle 16.00 in punto.”

Leggevi quelle parole dapprima un po’ titubante e subito dopo con un senso di eccitazione e strana remissività. Ti trovavi in una situazione nuova. Mai avevi pensato a come ti potesse accendere l’idea di darti delle istruzioni da seguire con dedizione.

Nel momento che aprivi l’armadio e ti ritrovarti davanti la mia camicia appesa, hai iniziato a riflettere se dovevi farlo oppure no. A te piaceva portare sulla pelle le mie camicie; me lo avevi svelato più di una volta e più di una volta lo raccontavi come una tua particolare fantasia e allora perché privartene in un momento come quello dove tutto era possibile?

Non hai esitato ulteriormente.

Hai iniziato con condiscendenza a sbottonare il tuo vestito intero per ritrovarti indosso solo il mio cotone che cadeva come una sottana sopra i tuoi slip. Hai ricalzato le scarpe Décolleté con disciplina per farti trovare ancora più accattivante e in po’ semplicemente perché ti infastidiva sentire il freddo pavimento sotto piedi.

Davi l’ultimo sguardo all’orologio da muro che segnava ormai le 15.50.

Ti sedevi paziente ed impaziente ad attendermi.

Share via emailShare on Tumblr

Il castigo

Non ti avevo mai vista alla guida.

C’eri tu in quel momento al posto di chi conduce, le mani strette sul volante della tua macchina nuova.

La strada aveva qualche disconnessione di carreggiata a tratti per colpa dello sterrato, altre volte causa dei dossi spuntati dalle radici. Dei grandissimi pini secolari ci accompagnavano sull’orlo del tragitto.

La campagna si apriva verso un’area incontaminata naturale e si riempiva di colori in fiore. L’orizzonte si univa alla distesa di un prato verde. Il tuo maneggio abituale distava ancora pochi chilometri; eri solita trascorrere qualche pomeriggio con il tuo cavallo.

L’abbigliamento che indossavi era tipico dell’occasione a differenza mia che ero solo un visitatore curioso delle tue passioni. La tua camicia era bianca e aderente; aveva un colletto orientale alto che tu lasciavi sbottonato fino alla quarta asola. Eri solita e abituata a fare così, dicevi che il tuo décolleté era una delle tue parti migliori e su questo fatto, più di una volta, il mio sguardo interessato e affascinato te ne aveva data piena certezza. Il cotone era di un candido ancora più bianco alla luce primaverile; aderiva ad ogni tua forma rafforzandola voluminosamente.

Sopra portavi una giacca di velluto blu sbottonata per guidare più comoda. Il pantalone colore fango attaccava perfettamente ad ogni tua piega. Aveva il rinforzo interno demarcato da delle cuciture che tratteggiavano la particolarità dello stile. In parte il pantalone veniva coperto da dei stivali di pelle alti fino al ginocchio. Quel tuo abbigliamento ti faceva molto più risoluta del solito e metteva forse troppa evidenza di rigore verso ciò che disapprovavi:

– Non dovresti scrivermi di notte soprattutto se sei stanco di giornata! –

– Beh scusami, ma stanotte avevo un’ora in più da recuperare per via del cambio d’orario legale –

– Rischi poi di addormentarti nel momento in cui dovresti essere più sveglio, a quel punto mi arrabbierei davvero – mentre mi pronunciavi queste parole imboccavi la stradina d’ingresso del ranch facendo sobbalzare l’auto da una cunetta.

– e se poi ti arrabbi che fa? – te lo dicevo con intenzione di sfida pur non comprendendo se effettivamente in quel momento fossi alterata davvero o se stessi solo scherzando con indifferenza.

Per un attimo rimanevi in silenzio. Il mio sguardo rivolgeva verso il tuo per nulla condizionato dal mio e attento nell’ultima manovra. La mia insolenza unita anche forse ad un maliziosa provocazione non trovava sosta: – quindi? Se ti arrabbi che fai? –

Improvvisamente frenavi di colpo parcheggiando l’auto. Per il terreno sconnesso le ruote presero a slittare sull’ultimo metro. Un polverone di coda si alzava dietro i nostri retrovisori.

Ora eri tu a cercare il mio sguardo allarmato dalla frenata; ti voltavi verso di me con una risposta secca e coraggiosa:

– ti metterò in castigo, chiaro? –

Lo riferivi tra il serioso e un leggero ghigno di sorriso che non lasciava intendere cosa stavi mai tramando nella mente. Lo stavi dicendo con ironia? E se fosse un rimprovero o un’intimazione? Deformazione professionale pensavo, da maestra, ma allo stesso tempo iniziai a valutare, in maniera del tutto sciocco e inappropriato, un intento malizioso della ipotetica penitenza.

– beh allora dipende tutto dal castigo – provavo a risponderle con chiara istigazione.

Dopo essere scesa la tua portiera si chiudeva bruscamente; che ti fossi innervosita sul serio? Ragionavo dentro di me rispetto a quanto poco ti conoscevo.

Io uscivo più prudentemente e cautamente mi avvicinavo a te seguendoti, mentre ti ridirigevi verso la scuderia. Il tuo passo era sostenuto, gli stivali battevano a terra con vigore.

Non cercavo di raggiungerti, ti tenevo a due metri. Un po’ perché non avevo ancora intuito lo stato d’animo della tua conversazione, un po’ perché quel pantalone da fantino ti stava magnificamente indosso e non volevo di certo perdermi il movimento dei fianchi che ondulavano poco sotto la giacca.

– mi stai guardando il culo? –

– Cosa? – rispondevo quasi incredulo perché forse era la prima volta che ti rivolgevi così a me.

– mi sembra che tu abbia bisogno di una lezione –

Poco dopo eravamo nella scuderia.
Il profumo del fieno era inebriante; il suono del respiro vivo dei cavalli interrompeva a tratti il silenzio. La fila dei box ai lati rimanevano taluni aperti e altri chiusi. Lo zoccolo dei tuoi stivali risuonava lungo il corridoio andando a sfumare rispetto al mio passo. Ti avevo per un attimo perduta nel momento che arretravo per scorgere meglio i cavalli. Alcuni erano bianchi, bruni… altri neri. Non mi ero mai interessato a questo mondo e non conoscevo affatto nulla di tutto ciò.

E’ avvenuto verso la metà del corridoio, in un istante nel quale ero affacciato ad uno scomparto vuoto, che improvvisamente avvertivo una energica frustata sui glutei. Nel momento che mi sono girato ti ho vista con il tuo frustino in mano stretto dai guanti neri.

– ma che fai? Ma sei pazza? Mi hai fatto male! –

Nel vederti così non pensavo altro che indietreggiare mentre tu all’opposto venivi avanti, sempre più, pressandomi volontariamente verso l’interno del box e chiudendoti così alle spalle l’unico varco di uscita.

– ma che fai? Ma sei impazzita? –

– te l’ho detto, mi sembra che tu abbia bisogno proprio di essere ben educato –

Nei pochi passi che mi rimanevano per addossarmi ad un angolo, agitavi la frusta davanti a me, lanciandomi qualche colpetto sulle gambe e sulle braccia, ma erano più leggere rispetto alla prima per la quale ero ancora indolenzito. In quel momento mi accorgevo che avevi anche un sottile sogghigno sulle labbra, un dettaglio che mi rassicurava su una volontà meno dolente rispetto a quanto sembravi asserire inizialmente.
Allo stesso tempo, oltre ad agitare il frustino, mi accorgevo che con una mano facevi saltare ulteriormente qualche altro bottone della tua camicetta scoprendo ancora di più la fenditura di pelle tra i due seni che si spalancava senza nulla indosso. I capezzoli rimaneva invece coperti sotto il cotone e nella penombra si poteva scorgere visibilmente la punta del loro fermento.

Arrivato in fondo alla stanza, l’ombra si faceva più fitta e lasciava alludere a quel lato d’oscurità che oltre ad essere caratteristica di quel frangente, lo era anche in corrispondenza alle nostre personalità e ai nostri intenti.

Con le spalle ormai al muro facevi l’ultimo passo verso me con il tuo corpo quasi pungendomi con i tuoi capezzoli a punta. Alzavi la frusta con l’estremità del cuoio portando la linguetta sotto il mio mento. Con quel fare ancora sinistro e risoluto avvicinavi il viso a pochi centimetri da me. Gli occhi erano affamati.

In quel momento capivo che c’era una sola volontà e in pochissimo tempo il silenzio fu rotto dal tuo ultimo invito: – sei pronto per la penitenza? –

 

 

Share via emailShare on Tumblr

in viaggio

Questo uomo sul treno posa lo sguardo oltre il finestrino.
E’ qui davanti a me e finisco per studiarlo.

Ha un’aria nostalgica, forse malinconica.
Fuori piove, a dirotto.

Lo sguardo é perso nel grigio; me ne accorgo dal fatto che alberi, case, macchine sfrecciano davanti ai suoi occhi senza provocare distrazione. alcuna

I suoi occhi sono quelli della mente.
Varcano ogni possibile orizzonte, ogni cosa materiale.

É lo sguardo dell’anima quello li.

Quello scuardo che cerca nell’infinito l’inconsistenza di una realtá.

Quest’uomo varca chilometri di etere per riuscire a raggiungere un pensiero profondo.

Forse un pensiero caro, forse indispensabile alla sua vita, forse tanto inseguito e forse tanto illusorio.

Che cosa sta cercando quest’uomo?

Share via emailShare on Tumblr

La Barba

…improvvisamente mi sveglio…

…non è una di quelle scene nel sonno che di soprassalto uno si sveglia da un sogno, no… è esattamente il contrario; io mi sveglio – mi sveglio dal quotidiano all’interno di un sogno.

Sono in una casa che non riconosco, ma è come se l’orientamento l’avessi nella memoria e in breve lasso di tempo recupero qulla sensazione di cognizione e appartenenza propria del sogno.

Tutto l’ambiente diventa così familiare e nostro.
Nostro nel senso di mio e suo, perché so già che lei è qui, nelle stanze, nel mio sogno.

Mi sveglio dicevo e sono in un letto, somiglia al risveglio di una qualsiasi mattina di domenica.
La luce passa tra le finestre di questa stanza shabby, bianca, con le tende che fanno un leggero movimento mosse da un’aria impalpabile.

C’è un tiepido clima che sembra voler preannunciare la conclusione di una stagione fredda e l’apertura della prossima primaverile. E’ tutto in penombra, si sente il rumore di una lavatrice nel mio dormiveglia e l’acuta interpretazione di una musica di James Last.

Mi alzo e mi avvio verso il bagno. Il corridoio è illuminato dalle finestre laterali. Alle pareti quadri riprendono dettagli di lei – fotografie in bianco e nero dei suoi capelli, dei suoi occhi… dei suoi fianchi… delle sue gambe – che li abbia scattati io?

Ho i piedi scalzi, il pavimento è freddo. La camicia del pigiama ha i bottoni aperti… l’aria mattutina che soffia nel corridoio mi risveglia come beccandomi il petto.

Arrivo allo specchio e mi guardo la barba incolta – so che a lei non piace.
Prendo il rasoio e cerco il barattolo di sapone Panama.

Sul mobile non c’è.

Controllo nella pochette che utilizzo per i viaggi, che l’avessi lasciata a Mestre?

Non c’è.

Poi mi accorgo che anche il pennello da barba non è al suo posto e ricordo benissimo di averlo visto la sera precedente. Mi riavvio verso il corridoio per andare nel bagno di Rebecca.

Oltre la porta a vetro piombato si nota il muoversi delle sue ombre corporee; busso delicatamente e le parlo dall’uscio sottile:

– hai visto per caso il mio sapone e pennello da barba? –
– Li ho presi io… vieni, entra pure… –

Si lascia così sorprendere in accappatoio con le creme aperte sullo sgabello il legno, un piede si sorregge sulla vasca mente le mani massaggiano la parte superiore della gamba, come se tutto fosse naturale come sempre.
– Guarda è li, te li ho presi in prestito stamattina, non potevo svegliarti… dormivi così bene: Buongiorno! – lo dice con un sorriso ed un timbro di rimprovero per il mio solito difetto: irruzione senza prima aver la gentile educazione di salutare.

Il pennello è bagnato e il barattolo ha un residuo di schiuma bianca sulla scritta.
– ma da quando in qua ti fai la barba? – Le dico con un ironico timbro su un risolino accennato, ma non riuscendo bene a comprendere perché non avesse utilizzato la sua ceretta abituale.

– da stamattina… erano folti e li ho tagliati tutti… – mi risponde.
– ma non usi la ceretta? –
Mi guarda e poi scoppia a ridere – sai che dolore…!

Ride, ma io non capisco.
Dopo le risa, chiude il coperchio della crema aprendo invece qualche altra lozione oleosa. Abbassa la gamba destra trattenuta fino in quel momento variando sulla sinistra che si alza a raggiungere l’orlo della vasca da bagno.

In quel preciso istante l’accappatoio si apre leggermente sull’inguine scoprendo il triangolo nudo e latteo di contrasto con l’abbronzatura.Improvvisamente riesco a ricollegare tutto; l’inguine non ha può alcun pelo, è nitido, pallido, mostra distintamente la fenditura rosa, carnosa.

Poi improvvisamente Rebecca si alza dando una stretta alla cinta di spugna. Distolgo lo sguardo imbarazzato per il tempo in cui sono rimasto intontito.

Si avvicina… abbracciandomi da prima sul collo e poi toccando il dito la mia barba.

– Ora vai a toglierti questa barba così trascurata e comunque grazie! Non ti dispiace se lo prenderò in prestito ancora vero? E’ un’ottima schiuma e poi il pennello massaggia divinamente bene…  –

Esce verso la casa… mentre io rimango imbambocciato e con il solito senso di assoluto disagio, con il pennello ed un barattolo in mano.

Share via emailShare on Tumblr

il commesso inaspettato

Ero uscito dall’ufficio poco prima delle dodici anticipando di gran lunga il pranzo. Avevo imboccato una via secondaria per evitare la tanta gente che popolava il sabato di Milano.

La temperatura autunnale di novembre era tiepida eppure mi ero allentato la cravatta per un fastidioso caldo provocato forse dal passo più svelto.

E’ stato ad un incrocio che l’ho vista passare.

Aveva un cappottino giallo che lasciava intravedere un tailleur forse di colore verde scuro. Camminava con un passo intervallato, su un decolté con un tacco che batteva il suono sull’asfalto. I movimenti erano alternati da brevi pause o altre più prolungate che la catturavano oltre le vetrine dei negozi. Aveva i fianchi generosi, delle forme classiche, un cappello che le stava bene, non era di certo una signora di una magra monotonia.

Non so da quanto una donna non mi avesse rubato così lo sguardo. E’ stato in quel momento che ho deciso di seguirla; i passi che l’allontanavano mi trascinavano a lei come con una forza misteriosa e attrattiva. Non sono state tante le donne che avevo deciso di rincorrere con discrezione, lei era una di queste.

Per non dare sospetti, mi fermavo anche io di tanto in tanto a guardare oltre una qualsiasi vetrina, ma nella maggior parte dei casi il negozio non faceva per me: borse da donna, accessori, articoli per fumatori, rischiavo con molta probabilità di lasciare molti più dubbi di quanti ne volessi coprire. Mi veniva da sorridere trattenendo un leggero imbarazzo.

Lei non si curava molto di ciò che la circondava attorno, sembrava l’unico tono di colore in una fotografia di Milano in bianco e nero. Avevo deciso di saltare il pranzo per dare ancora più tempo a quel frangente, ma mai avrei potuto immaginare cosa mi sarebbe capitato a breve nei minuti a seguire.

E’ stato un istante dopo che entrò in quel negozio.

Mentre camminavo sul marciapiede sullo stesso lato non riuscivo a scorgere l’insegna e quali articoli merceologici si vendeva. Comprendevo solo all’ingresso che si trattava di una boutique di intimo, di un genere molto raffinato. Manichini slanciati nelle vetrine indossavano tessuti succinti di uno stile retrò. All’interno si potevano scorgere diversi indumenti figurati da prosperose pin-up.

Una barriera a lama d’aria mi spettinava fastidiosamente mentre ero fermo all’ingresso.

Dovevo decidermi se andare via o entrare. Mi decisi a seguito della sciocca preoccupazione che avvertivo quando mi accorsi di averla perduta tra gli scaffali. Entrai con un certo imbarazzo, ma giustificavo il mio ingresso dal fatto che potevo essere lì anche solo per fare un regalo, che male c’era? Certo ero l’unico possibile acquirente uomo in quel momento.

Camminavo fingendomi incuriosito dagli articoli (molti di questi davvero catturavano la mia attenzione) in realtà tentavo di individuarla tra quelle persone che intravedevo precariamente dietro a qualche espositore.

– Mi scusi un’informazione –

Quando mi sono sentito chiamare di spalle, non avrei mai pensato che girandomi mi sarei trovato proprio lei davanti a me. In mano teneva un capo che facevo fatica a distinguerne la tipologia. Ad un passo da me era ancora più affascinante. Non so a che battiti il cuore ormai pompava, ma era bella quell’emozione così improvvisa e inaspettata per un uomo sempre imperturbabile e austero come ero.
Nella trepidazione e nel leggero impaccio sono riuscito a risponderle: – mi dica, come posso aiutarla? –  

– Stavo cercando modelli simili a otto giarrettiere, ne avete? –  

Capivo solo in quel momento dell’equivoco che si stava venendo a creare. Forse era la giacca e la cravatta che consentivano di confondermi per il commesso del negozio. C’era poco tempo per decidere come replicare, ma non ero più capace di ritrarmi da quell’utilità del ruolo che mi era stato conferito dalla casualità.

Avrei dovuto comunque essere all’altezza di rispondere alla domanda comprendendo quanto potessi essere ignorante sull’argomento, diversamente lei ne era piuttosto competente. Dovevo farmi trovare pronto quindi esclamai un ‘no’ secco che le fece cambiare espressione del viso assumendo un profilo di delusione molto evidente. Il suo sguardo era poco chino sull’indumento che teneva in mano, pensieroso su cosa fare.

– Che stupido – mi dicevo tra me e me, e sentivo di voler in qualche modo rimediare con una rassicurazione: – Mi dia comunque il tempo per verificare a catalogo –
Lo dicevo con un leggero sorriso che contagiò anche il suo. Gli occhi ripresero ad illuminarsi e compresi che era soddisfatta della risposta e della speranza riposta.

– Entro in camerino a provare qualcosa nel frattempo –

Il camerino era proprio lì a pochi passi. La vidi aprire la tenda, appoggiare la cruccia sul gancetto, sfilarsi di dosso il cappottino giallo che finalmente lasciava intravedere il tailleur che indossava.

Dovevo allontanarmi per fare finta di verificare quanto mi aveva chiesto. Avevo anche pensato di inoltrare la richiesta alla commessa vicino la cassa, ma ero dubbioso su quanto stessi domandando e soprattutto avevo il timore che potesse chiedermi altri dettagli che assolutamente non conoscevo. Feci quindi solo un giro attorno agli espositori mirando di tanto in tanto verso il camerino chiuso dalla tenda.

Da lontano si poteva scorgere bene il movimento delle gambe slanciate sulle scarpe alte, i movimenti che alzavano una gamba e poi l’altra per scavalcare la gonna caduta a terra. Ogni gesto era in equilibrio sulle scarpe che non sfilava mai per nessun motivo, forse per non far toccare il piede a terra o forse perché le faceva piacere provare gli indumenti indosso senza privarsi di quell’artifizio così femminile.

Da un altro indumento a terra avevo compreso che stava indossando delle sottovesti di pizzo nero. Provai ad avvicinarmi, un poco rassicurato dal mio nuovo ruolo, ma in realtà ero catturato da quella leggera fessura che si era creata tra la tenda e la parete del camerino.

Mi sentivo molto voyeur, sapevo che non era una cosa moralmente corretta, ma per ogni passo indietro che facevo, tre mi portavano poi più avanti. Alla fine raggiunsi un punto ideale per i miei occhi.

Lo spacco della tenda da muro, ancora più aperto da un suo involontario movimento, permetteva di vederla bene in déshabillé. Indossava delle calze fermate da un reggicalze che non doveva aver scelto in negozio. Intuivo che era una habitué di quel genere di abbigliamento erotico. Mentre una bretella saltava liberando la calza, delicatamente alzava la gamba fermandola sull’orlo dello sgabello per ricomporre il delicato nylon nella sua abituale posizione; infilava le unghie rosse in modo delicato all’interno del tessuto, per afferrarne il ricamo e delicatamente riportarlo al livello dell’inguine dove lo imprigionava con una abile pressione al fermo. Le giarrettiere segnavano delicatamente la pelle chiara sui rosei glutei. Indossava quell’abbigliamento come fosse un’armatura, come a prepararsi ad una battaglia passionale.

Per un attimo mi sembrò che nel riflesso dello specchio si accorse della mia presenza, ero indubbio se mi fossi confuso o se veramente si fosse accorta che la stessi spiando.

Il dubbio era ancor più enfatizzato dalla sua noncuranza; non la notavo affatto sorpresa.

Quella stessa noncuranza poteva anche essere legata a quanto poteva essere naturale mostrarsi così davanti ad un commesso? Oppure iniziai a pensare che avesse intuito che non ero quello che sembravo. Allora potevamo essere complici ad un gioco del vedo non vedo? Un gioco di intenti, di sguardi, abilmente creato dal caso e enfatizzato dalle nostre volontà.

Pensavo che le piaceva avere i miei occhi addosso, che le correvano lungo le forme generose, che si soffermavano attenti tra i dettagli e sulle movenze che rappresentava per me.
Troppi pensieri e troppi dubbi.

L’unica certezza, l’unica realtà era quella che potevo osservare.

 

Share via emailShare on Tumblr