Verissimo, Giulio Berruti si confessa a Silvia Toffanin: «Soffro di fibromialgia. Ho pensato al suicidio»

Su Leggo.it le ultime novità. Verissimo, Giulio Berruti choc: «Ho una malattia cronica. Ho pensato a qualcosa di brutto». Silvia Toffanin reagisce così. Oggi, l’attore, compagno di Maria Elena Boschi, è stato ospite nel salotto di Canale 5 e ha raccontato di un aspetto molto delicato della sua vita.

«Soffro di fibromialgia – spiega Berruti – la chiamo la str***. È una patologia che nasce dalla mancanza di un neurotrasmettitore. I sintomi sono dolore generalizzato al corpo, ansia, depressione, attacchi di panico. Ho speso migliaia di euro l’anno in fisioterapia. Il sistema sanitario nazionale non la riconosce ancora. Ho avuto due momenti molto difficili, al punto che in un’occasione ho pensato qualcosa di brutto». Silvia Toffanin si commuove.

NvMViAtpF8b56YUyks

Poi, Berruti parla del rapporto con Maria Elena Boschi: «Sono felice, questo dice tutto. L’ho incontrata per la prima volta nel 2014, io uscivo dal cinema e lei entrava. L’ho salutata. Poi ci siamo visti tre anni dopo a un evento pubblico. Le ho mandato un mazzo di rose a Palazzo Chigi, ma lei non mi ha mai risposto. Ci siamo rivisti dopo il lockdown. Avevo idee poltiche diverse. Ho scoperto una persona molto umana, molto dolce, vulnerabile. Ci lega l’etica sul lavoro. Al primo appuntamento, lei era molto emozionata ed è caduta dalla sedia. Ha fatto cadere il vino sulla tovaglia e sulla camicia. In quella nostra goffaggine, c’è tutto. La prima notte insieme, mi ha chiesto di pregare per le persone più deboli. È una di noi, una ragazza».

Infine, l’attore conclude raccontando un episodio di bullismo vissuto a 14 anni: «Ho subito bullismo. Mi buttarono in un cassonetto con tutto il motorino, davanti alla ragazza che mi piaceva».

Verissimo, Giulio Berruti si confessa a Silvia Toffanin: «Soffro di fibromialgia. Ho pensato al suicidio»ultima modifica: 2020-11-01T12:39:11+01:00da manuela_man27

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.