Serena Grandi, il racconto choc degli abusi: «A dodici anni un amico di famiglia mi ha fatto spogliare…»

Un ricordo molto doloroso per Serena Grandi, che a dodici anni ha subito degli abusi da parte di un amico di famiglia. Serena Grandi torna nel suo passato e racconta: “A distruggere la mia innocenza fu un amico di mio padre…”

serena_grandi_gay_adozioni_gay_utero_in_affitto_transessualismo-2

I fatti risalgono a quando era solo una bambina di dodici anni: “Avevo dodici anni – ha raccontato a “Nuovo” – anche se ne dimostravo di più, tanto da ritrovarmi addosso fin troppi sguardi maschili. A distruggere la mia innocenza fu Bruno, un amico di mio padre, uno di famiglia. Avevo fiducia in lui, ero troppo piccola per percepire i segnali dell’attrazione morbosa di cui ero oggetto. Fino la giorno in cui mi chiese di spogliarmi in cambio di tanti bei regali. Mi teneva per mano e gli occhi esprimevano i suoi pensieri sporchi da cui mi sentita contaminata fiutando il pericolo. Disgustata e impaurita raccontati tutto a mia madre”.

La reazione della mamma non si è fatta attendere: “Rincasai prima del previsto e sentiti grida all’interno. Mi nascosi e sbirciai da uno spiraglio da cui vidi i miei genitori che a causa mia litigavano con lo “zio” Bruno. Mia madre tirò fuori un coltello da cucina per puntarlo alla gola di quel mascalzone: “Se ti permetti di toccare mia figlia, ti ammazzo!”, disse…”.

Alla violenza subita si è aggiunto la vicenda di cui è stata spettatrice: “Mi rannicchiai su me stessa e rimasi nascosta finché in casa tornò la tranquillità. Cercai di tonare alla vita normale, ma non ci riuscii e vissi un paio d’anni con disagio. Superai lo shock a 15 anni con un ragazzo della ma età: grazie alla sua dolcezza mi convinse a fare l’amore per la prima volta. Ma non fu facile…”.

Serena Grandi, il racconto choc degli abusi: «A dodici anni un amico di famiglia mi ha fatto spogliare…»ultima modifica: 2020-11-26T16:25:57+01:00da manuela_man27

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.