Sara Tommasi si è sposata con Antonio Orso: guarda le foto del sì

Una cerimonia semplice e intima immersi nel verde dell’Umbria e giurarsi amore eterno davanti a pochi famigliari. Sara Tommasi ha detto sì al suo manager Antonio Orso nel Comune di Massa Martana, in provincia di Perugia, poi la coppia di sposi si è rifugiata in un resort di lusso per una giornata speciale di coccole e amore.

htr-kPfG-RLD90cLCrckWQAWw476KeFN-656x492@Corriere-Web-Sezioni

Sara ha indossato un abito dal décolleté ricamato di pizzi e organza, che metteva in risalto le curve generose dell’attrice e coperta da un coprispalle di pelliccia bianca per ripararsi dal clima fresco. Capelli sciolti e occhi che brillavano di felicità per la Tommasi che teneva tra le mani un bouquet di rose rosse e fiori da sposa bianchi. In blu il novello sposo che poco prima delle nozze aveva scritto sui social: “Nel borgo medievale di Massa Martana, io e Sara ci sposiamo, con rito civile nel pieno rispetto delle norme Covid”.

Infatti, alla cerimonia hanno partecipato solo con pochissimi parenti e hanno rinunciato anche alla famiglia dello sposo che vive in altra regione, mentre Sara vive proprio in Umbria. “Non è ciò che avevamo immaginato, ossia un bel pranzo nuziale e una grande festa con i nostri cari e amici a cui vogliamo bene, ma abbiamo pensato che magari potremmo farlo a giugno (si spera!)” ha spiegato Orso che confida di poter recuperare con una bella festa in estate. Intanto, la coppia si è accontentata di un sì intimo e riservato.

Sara Tommasi si è sposata con Antonio Orso: guarda le foto del sìultima modifica: 2021-03-22T11:18:29+01:00da manuela_man27

4 thoughts on “Sara Tommasi si è sposata con Antonio Orso: guarda le foto del sì

  1. L’abito bianco non è indicato, per una pornostar:-))).si porta se si è illibata. Vabbè. Allo sposo li va bene così, anche se c’è andata su la quinta cavalleria, compreso il cannone. Ahahahaha.

  2. la cafoneria, la delicatezza è un optional, il rispetto delle regole della civile
    convivenza è finito nel dimenticatoio, in nome di una società in cui la crassa maleducazione mascherata da odio contro la cosiddetta ipocrisia hanno creato una società in cui la superficialità e la mancanza di riguardo verso la gente che non si conosce e che avrà bene il diritto di vivere i suoi momenti importanti in riservatezza senza commenti malevoli e al cianuro. E per piacere, abbiate il buongusto di non parlare della salvezza delle apparenze…..

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.