Manuela Villa, il dramma segreto a Oggi è un altro giorno: «Sono diventata obesa. Non volevo più emettere un respiro»

Manuela Villa, il dramma segreto a Oggi è un altro giorno: «Non volevo più emettere un respiro». Oggi, la figlia di Claudio Villa è stata ospite nel salotto di Serena Bortone per promuovere il suo libro L’Alimentatore, nel quale parla degli effetti che la mancanza di figure di riferimento può scatenare, tra cui i problemi alimentari.

x6002536_1439_manuelavilla.jpg.pagespeed.ic.BR53kX5UQJ

Manuela Villa parla del rapporto con il padre e della battaglia per il riconoscimento: «Abbiamo spizzicato il tempo insieme, sognavo di mangiare la pizza con lui. Non c’è mai stata possibilità. La rabbia che ho provato era da ragazza, per non riuscire a prenderlo. Mi rasserenavo a casa, avendo una famiglia completa. Non mi sono mai sentita una sorellastra. Sono arrivata a essere obesa, dovevo compensare».

Poi, la cantante parla della scomparsa del padre a 61 anni: «Dopo la sua morte comincio a cantare le sue canzoni. Era il mio compleanno, quando ho saputo che mio padre era morto, pensavo fosse uno scherzo. Esplosi in un pianto, ma nessuno sapeva perché. Venne un uomo che mi diede un calice di spumante. Lo spumante più amaro della mia vita. Non volevo più emettere un respiro. Per riprendermi mio padre, ho ripreso i suoi respiri iniziando a interpretare i suoi duetti».

Manuela Villa, il dramma segreto a Oggi è un altro giorno: «Sono diventata obesa. Non volevo più emettere un respiro»ultima modifica: 2021-06-04T17:56:06+02:00da manuela_man27

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.