Palma, morta di Covid dopo il parto. Il marito: «Rubati la fede, un anello e il cellulare»

Non bastava la tragedia della morte per Covid di Palma Reale, avvenuta poco dopo il parto. La famiglia della 28enne di San Prisco (Caserta), ora è alle prese anche con un episodio vergognoso: in ospedale a Napoli sono stati rubati la fede nuziale, un anello e il cellulare della ragazza, che aveva da poco dato alla luce il suo quarto figlio.

x6199566_1315_palma_reale_morta_covid_parto_rubati_fede_cellulare.jpg.pagespeed.ic.hseVJ-4OU7

A denunciare l’accaduto è stato il marito e coetaneo di Palma, Alfonso Vozza, che dopo il decesso ha chiesto la restituzione degli effetti personali ma mancavano «il cellulare, la fede e un anello ‘solitario’ che le avevo regalato quando è nata la nostra prima figlia». L’uomo ha reso noto di aver intrapreso un’azione legale. «Mi domando con quale coraggio si possa commettere un’azione così crudele. Oggetti che, oltre a quello materiale, avevano un gran valore sentimentale».

Intanto, Maria Reale, la sorella di Palma, ha lanciato un appello sui social: «Restituiteci almeno il suo cellulare, anche in forma anonima, non privateci anche dei ricordi».

Palma, morta di Covid dopo il parto. Il marito: «Rubati la fede, un anello e il cellulare»ultima modifica: 2021-09-16T14:12:55+02:00da manuela_man27

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.