Meghan alla prima uscita pubblica con la Regina: mistero sulle scarpe. Uguali a Kate?

Prima uscita pubblica con la regina Elisabetta per Meghan Markle, l’attrice americana che a metà maggio convolerà a nozze con il principe Harry. La famiglia reale si è ritrovata, quasi al completo, alla messa di commemorazione per il Commonwealth’s Day presso l’abbazia di Westminster.
Solita accoglienza festosa, tra urla e applausi, per il secondogenito di Carlo e la fidanzata, ormai diventati i beniamini di quei sudditi britannici che sono soliti assieparsi fuori dagli eventi ufficiali nella speranza di salutare i loro reali preferiti. Come spesso accade in occasione delle uscite pubbliche dei giovani Windsor, più che sull’evento in sè i tabloid (e non solo) si sono scatenati sulle mise delle due ‘infiltratè, Meghan e Kate.
Le pagine di moda del conservatore e paludato Daily Telegraph sottolineano che questa volta l’attrice americana ha scelto un outfit, bianco e blu, ‘made in Britain’ dalla testa ai piedi. E insinua che il copricapo indossato, un baschetto bianco disegnato dal leggendario cappellaio britannico Philip Jones, sia un riferimento all’impegno di Meghan per i diritti e l’uguaglianza delle donne.
D’altronde dello stesso designer sono i baschetti che hanno riempito le passerelle di tutte le collezioni della stilista più femminista del momento, Maria Grazia Chiuri, direttore creativo di Dior. Mentre continuano le speculazioni sui veri rapporti tra le due future cognate, ‘amiche o rivalì, qualcuno ipotizza che alla funzione oggi indossassero persino le stesse scarpe: decolleté di nappa blu. Notizia presto smentita dai più attenti. Erano sì due paia di scarpe molto simili ma Kate, incinta di otto mesi, indossava un paio di Rupert Sanderson (485 sterline) già utilizzate a febbraio del 2016, Meghan dei vertiginosi tacchi a spillo di Manolo Blahnik (450 sterline).

Meghan alla prima uscita pubblica con la Regina: mistero sulle scarpe. Uguali a Kate?ultima modifica: 2018-03-12T21:47:46+01:00da giorgio662015
Share on Tumblr

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.