«Checco Zalone morto in un incidente», ma la verità è un’altra: ecco cosa è successo

Una bufala, che ha visto come vittima inconsapevole Checco Zalone: l’attore e comico pugliese, al secolo Luca Medici, è stato vittima, a sua insaputa e suo malgrado, di una fake news di pessimo gusto che si è diffusa sul web nelle ultime ore. Un sito specializzato in bufale, infatti, aveva riportato la notizia della morte dell’attore in seguito ad un incidente stradale.
La realtà, ovviamente, è che Checco Zalone, amatissimo comico capace di descrivere con genialità le debolezze degli italiani, è vivo e vegeto e non è rimasto coinvolto in un incidente d’auto. Si tratta di una vera e propria bufala, decisamente di cattivo gusto, che aveva come obiettivo quello di ingannare e puntare sull’emotività degli utenti meno attenti ai particolari.
A diffondere la notizia, infatti, è stato un sito chiamato Il Messangero, che richiama in qualche modo la testata romana Il Messaggero. Non è una novità che siti del genere, con nomi simili a quelli dei grandi quotidiani italiani, utilizzino questo stratagemma per ingannare gli utenti. Basti pensare, ad esempio, a quei siti come Il Giomale e Il Fatto Quotidaino. La bufala, poi, è stata rimossa e il link non è più raggiungibile.
In questo caso, però, si è sfruttata l’emotività di chi, in buona fede, ha creduto davvero che Checco Zalone fosse morto. Non è così, per fortuna, ed il nome dell’attore pugliese, divenuto leggenda del cinema italiano grazie a film come Sole a catinelle e Quo vado?, si va ad aggiungere ad una lunga lista di vip che hanno dovuto smentire la notizia (falsa) della propria morte: da Gigi Buffon a Lino Banfi, passando per Franco Battiato, Owen Wilson, Zucchero, Barack Obama, Britney Spears, Brad Pitt, Sylvester Stallone e Paolo Villaggio. L’attore genovese, prima della morte, avvenuta nel luglio 2017, era stato più volte chiamato in causa da questi bufalari del lutto.

«Checco Zalone morto in un incidente», ma la verità è un’altra: ecco cosa è successoultima modifica: 2018-10-02T21:47:30+02:00da giorgio662015
Share on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.