«Ho il cancro al cervello, devo curarmi». Invece sta bene e ruba alla famiglia 250 mila euro

finge-cancro-soldi_15113225

Finge di avere il cancro per prendere soldi dalla sua famiglia e da dei benefattori. Jasmin Mistry, 36 anni, ha detto ai suoi cari che aveva solo sei mesi di vita dopo che i medici le avevano diagnosticato un cancro il cervello. La donna ha messo in piedi una truffa studiata nei dettagli utilizzando anche una sim in cui si è auto inviata dei messaggi di un presunto medico che diceva che per lei poteva esserci una chance di vita negli Stati Uniti.
La donna di Loughborough, nel Regno Unito, aveva detto di avere un cancro alla spina dorsale, che si era ormai esteso al cervello. Ha chiesto aiuto ai suoi cari e ha chiesto loro di supportarla anche in una raccolta fondi online. I fatti risalgno al 2013 e per 4 anni ha tenuto in piedi questa raccolta fondi arrivando ad intascare oltre 250 mila euro spesi però in beni di lusso e viaggi, visto che in realtà era perfettamente sana.
Secondo quanto riporta la stampa locale, la donna avrebbe simulato una serie di sintomi: vomito, malessere, sangue nelle feci, facendo sembrare effettivo il suo cattivo stato di salute. Dopo un po’ il marito ha iniziato ad insospettirsi però e ha mostrato la radiografia della moglie a un dottore che ha immediatamente detto che si trattava di un’immagine presa da Google. L’uomo ha quindi smascherato l’inganno, ha denunciato la donna e ha chiesto il divorzio: «Psicologicamente ed emotivamente, è qualcosa di cui non mi riprenderò mai», ha dichiarato, «È qualcosa che non augurerei a nessuno». Ora la donna è in attesa di giudizio dopo il processo.

«Ho il cancro al cervello, devo curarmi». Invece sta bene e ruba alla famiglia 250 mila euroultima modifica: 2018-12-16T01:16:54+01:00da giorgio662015
Share on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.