LE OPERE DELL’ UOMO E LE OPINIONI DEGLI ANIMALI S A N T A P A S Q U A 2 0 1 9 GAUDEAMUS IGITUR: VIVAT ET RESPUBLICA ET QUI ILLAM REGIT! “IL DIALOGO TRA LA TERRA E LA LUNA” C A P O D A N N O 2019 N A T A L E 2 0 1 8 UN FENOMENO DI “Déjà vu” LE NOZZE COI FICHI SECCHI PRESI A CREDITO TRA MATEMATICA, VACCINI, LUPI ED AGNELLI LA DECISIONE DEL GOVERNO ITALIANO, LA NAVE AQUARIUS ED IL PREVEDIBILE FUTURO PENSIERI IMPERTINENTI (O FORSE NO?) SU POLITICI E COMMENTATORI ATTUALITA’ INTERNAZIONALI, PENSIERI CONTROCORRENTE IL PICCOLO SFORTUNATO ALFIE ED IL SUO DIRITTO DI VIVERE LA MANCANZA DI COSCIENZA, LA LIBERTA’ E GLI INSEGNAMENTI DEL PASSATO LA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, L’OPINIONE DI UN COSTITUENTE P A S Q U A 2 0 1 8 LE ELEZIONI POLITICHE ITALIANE: ASPETTANDO GODOT NEL DESERTO DEI TARTARI IN RICORDO DI ALESSIA E MARTINA COSE DI QUESTO MONDO, ATTUALITA’ NOSTRANE E NON APPENDICE AL POST REMINISCENZE SCOLASTICHE…E VICENDE ATTUALI REMINISCENZE SCOLASTICHE …E VICENDE ATTUALI LA FAVOLA DEI PROGRAMMI ELETTORALI RACCONTATA AGLI ITALIANI. NATALE 2017, CAPODANNO 2018, AUGURI A TUTTI. IL CAMMINO DALLA FATTORIA DEGLI ANIMALI ALLA CORTE DEL GRANDE FRATELLO LE FAKE NEWS, “ER PADRE DE LI SANTI” E LE “ZEBBRE” CON DUE ZETA ICEBERG, IL PROFESSORE ED I CANI PERICOLOSI UN EFFICACE MANIFESTO DI DENUNCIA: LA SENTENZA IL REFERENDUM CATALANO E LA LEGGE ELETTORALE IN ITALIA IL REFERENDUM DELLA CATALOGNA E L’EUROPA: PROSPETTIVE ED INCOGNITE. IL TEMPO E’ DENARO ED A VOLTE ANCHE ALTRO UN EFFICACE MANIFESTO DI DENUNCIA I TOP-POST, LO IUS SOLI E GLI STUPRI PER NON DIRE DI PENSIONI. E’ POSSIBILE DETERMINARE IL NUMERO DI MIGRANTI DA ACCOGLIERE ? O E’ UN’UTOPIA? LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE ED I COMMENTI: NUN VE REGGAE PIU’ IL TERRORISMO, PIAZZA SAN CARLO ED IL CAVALLO DI TROIA LA TRAGEDIA DEL MEDIORIENTE, LA POVERA GENTE ED I GIOCHI DI POTERE LA SERRACCHIANI, LO STUPRO ED I SEPOLCRI IMBIANCATI IL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA DI CATANIA, LE ONG E LE VERITA’ APPARENTI REMINISCENZE CINEMATOGRAFICHE: LA SETTIMANA INCOM MIGRANTI: SALVATAGGI IN MARE ED INSERIMENTO NEI PAESI DI ARRIVO NON SONO VEGETARIANO NE’ ANIMALISTA, MA CONDIVIDO L’INVITO CON TUTTO IL CUORE I TEMPI DELLA GIUSTIZIA PENSIERI IMPERTINENTI SU UN ARGOMENTO SERIO LA DISONESTA’ IN BUONA FEDE AI NUOVI ISCRITTI AL MIO BLOG: BENVENUTI (CON RISERVA) PLATONE, LA LIBERTA’ E IL PAESE DEI BALOCCHI. IL BALLOTTAGGIO: OPINIONI A CONFRONTO GLI ANIMALI ED I TEST DI TOSSICITA’ COMMENTI DI RIPARAZIONE PRO RTEO LA BUONA SCUOLA, ALEX E SAMOA SALVIAMO IL LUPO: COMPORTIAMOCI DA POPOLO CIVILE LA LEGGE ELETTORALE, LA CULTURA E L’ETICA ESISTE ANCORA LA “PIETAS ROMANA”? Ahi serva Italia di dolore ostello,….non donna di province , ma bordello! PER NON DIMENTICARE LE INDAGINI DI UN MAGISTRATO DRAMMATURGO E L’ITALIA D’OGGI LA DEMOCRAZIA, IL REFERENDUM E LA SPERANZA LA CHIROMANTE SCIENTIFICA PROBLEMI DI SPAZIO: L’ATOMO, IL COSMO E LE MIGRAZIONI IL REFERENDUM COSTITUZIONALE ED I CONGIUNTIVI BENVENUTI A “VILLA ARZILLA” ELEZIONI USA VAURO, LA LEOPOLDA ED IL TERREMOTO LA POLITICA PARALLELA, cioè DUE PESI E DUE MISURE Buoni e cattivi: ci sono dittatori e dittatori? Pensieri sparsi Angelo martirizzato da balordi malvagi Yulin e simili A Cesare quel ch’é di Cesare ” IL PATENTINO “ De minimis…seconda puntata Le pensioni in Italia Breve panoramica sull’attualità Keynes e il capitalismo, note a margine Mattanza di cetacei e crudeltà gratuita Indovinelli e paradossi De minimis Precisazione Brevi considerazioni su un argomento di attualità
apparenze

GAUDEAMUS IGITUR: VIVAT ET RESPUBLICA ET QUI ILLAM REGIT!

candele-gialle-parigi-51e61418-8b11-44cc-bfc4-0e9baf5babe4

Chi ha letto “Candele gialle per Parigi”  di Bruce Marshall ricorderà certamente la particolarità del romanzo di avere parecchi capitoli che iniziano con l’espressione “Gli uomini politici cominciarono a far sul serio” o piccole varianti volte a dare la sensazione di una sostanziale immobilità mascherata da attivismo.

Non diversamente nel nostro paese ed ai nostri giorni si rinnovano riunioni di esperti economisti, ministri e capi politici o   vertici di governo per analizzare e confrontare costi e benefici della eventuale realizzazione della linea ferroviaria conosciuta come TAV, opera pubblica già molto avversata da parte di molti abitanti della val di Susa sostenuti dal movimento 5S , venuta in primo piano dopo dopo la negazione da parte della apposita giunta del Senato dell’autorizzazione a procedere a carico del vicepresidente del consiglio Matteo Salvini per il caso della nave Diciotti, dalla quale per alcuni giorni era stato impedito lo sbarco dei 177 migranti salvati il 16 agosto al largo di Lampedusa.

Grotta, Galleria, Metropolitana

Ritengo opportuno precisare immediatamente che non credo nel primato della magistratura, né nell’infallibilità, l’imparzialità e l’illibatezza dei giudici.

Dopo la riunione di martedì il presidente Conte ha dichiarato che una decisione definitiva circa la realizzazione dell’opera pubblica sarà adottata entro il prossimo venerdì, ha però subito precisato che in ogni caso non ci saranno conseguenze sulla tenuta del governo; analogamente anche il ministro Toninelli ha smentito la notizia di sue possibili dimissioni!

Per la verità queste affermazioni appaiono pleonastiche, visto che dall’incompetenza saccente e dal fanatismo arrogante dell’attuale compagine maggioritaria al governo (sebbene un detto popolare dica: in mancanza di uomini per bene fecero mio padre sindaco!)  traspare chiaramente il suo notevole “attaccamento alla poltrona”, come del resto é facile arguire non solo dalla decisione di non tener fede al principio di rimettere al giudice ordinario la cognizione di qualsiasi ipotesi di reato, eventualmente commesso da un parlamentare, ma  da tutte le altre ipotesi di modifica di altri principi fondamentali dello Statuto del movimento 5S, come il superamento del limite dei due mandati elettivi.

train-3169964__340 - Copia

Intanto il previsto venerdì é trascorso e, come nel romanzo sopra ricordato, nessuna definitiva decisione é stata adottata, ma si é solo provveduto a guadagnare tempo sottoponendo la decisione definitiva (?) ad accordi con le autorità francesi ed europee cointeressate, cosa che, com’é facile arguire, consentirà di superare le prossime elezioni europee, dalle quali i partiti al governo si attendono notevoli successi!

conte-salvini-di-maio-ape-210

A tale ultimo scopo si continuano a pubblicizzare, quasi  come positivamente attuati, i due provvedimenti bandiera della maggioranza al governo: “reddito di cittadinanza” e “quota cento”, di cui tuttavia a parer mio non é allo stato prevedibile il conseguimento  delle auspicate conseguenze ed, in particolare, della loro funzione espansiva.

Pistola, Mani, Black, Arma, Uomo

In compenso probabilmente avremo presto una nuova legge sulla legittima difesa ed un incremento del mercato delle armi, così da assimilarci anche per tale aspetto alla realtà degli Stati Uniti, conseguentemente, tenuto conto della quasi totale eliminazione dello sbarco di migranti sulle nostre coste, nel prossimo futuro, in ossequio al principio: “prima gli italiani”, sarà molto più probabile che le eventuali vittime designate sparino a ladri o molestatori nostrani! Ciò mi fa sentire come la mosca autarchica descritta da Trilussa.

Mosca Comune, Macro, Insetto, Natura

 

 

 

GAUDEAMUS IGITUR: VIVAT ET RESPUBLICA ET QUI ILLAM REGIT!ultima modifica: 2019-03-13T16:51:10+01:00da Quivisunusdepopulo

27 comments:

  1. Ho letto i tuoi passaggi che ritengo indispensabili per una corretta comprensione di quanto sta avvenendo non solo in Italia. Spero, fortemente spero che a breve qualcun altro non debba ripeterci la storica frase: ” siete solo un’espressione geografica…” Buona serata, Sal

  2. Ciao Sal, se l’Europa continuerà ad essere solo una unione commerciale e non si trasformerà in una vera unione politica non solo l’Italia, ma tutte le altre nazioni che la compongono diventeranno espressioni geografiche prive di autonomia. Buona serata anche a te.

  3. Caro Amico, buonasera. Poni vari problemi, col tuo post. Certa ed evidente è la critica al governo in carica. Lungi da me dall’azzardare una difesa d’ufficio. Escludo di fornire un sostanzioso contributo su tutte le diverse tematiche, e procederò a random. La TAV (o il Tav). Non ho sinora espresso alcun giudizio di merito. Dirò comunque qui qualcosa. Si sta dibattendo, ormai, sui “costi-efficacia” dell’opera e, a quanto pare, le conclusioni sono estremamente divergenti. Non so quanto in mala fede o in buona fede. Io penso, al riguardo, e come principio generale, che la scelta di un’opera pubblica debba sorgere da un’esigenza pubblica. In altri termini, non m’invento un’opera qualsiasi per dissipare danaro pubblico. Non ho elementi per capire come sia stata deliberata la decisione di traforare, ma per me tutto va ricondotto a tale decisione originaria. Mi si dirà, ma adesso si è già troppo avanti per fermare tutto ! E qui mi fermo, per evitare che il mio sforzo “intellettuale” possa essere soppesato in termini politici (non da parte tua, ovviamente, ma da qualche tuo lettore).
    Sul reddito di cittadinanza: come ben sai, io non mi sono affezionato allo slogan ma per me è fondamentale che un cittadino debba avere un reddito minimo di esistenza, a tutela della sua dignità di essere umano, prima di tutto, e per la sua sopravvivenza. Mi si dirà: è assistenza ! Ci vuole il lavoro (come ha sinora detto una parte radical chic di sinistra). Al riguardo replico sempre: d’accordo; diamo il lavoro ! Ma il lavoro non c’è per tutti, si dice. E allora ? Allora si abbia il coraggio di dire: chi non ce la fa deve morire di fame ! Io, invece, non lo dirò mai ! E finchè avrò ancora voce e capacità di scrivere, dirò sempre: o lavoro o reddito !
    La flat tax: La Costituzione sancisce il principio della progressività nel pagamento dei tributi. Più reddito guadagni e più contribuisci alle spese pubbliche. Se questo è giusto, e lo condivido, tuttavia sento il sacro dovere di oppormi agli sperperi di danaro pubblico; ad elargizioni folli, a privilegi di caste sacerdotali, come quelli di attribuire ad un comune cittadino pensioni di oltre 100.000 euro al mese. Non escludo che qualcuno possa anche dire che sono stati versati i contributi; in questo caso direi: cosa ha fatto costui di tanto utile per la collettività nazionale, visto che il debito pubblico ha quasi raggiunto la cifra di 2.500 miliardi ? Se il nostro bilancio fosse in attivo, non avrei argomenti; ma così non è, perciò, per me, nessuno – in senso assoluto – merita riconoscimenti economici di tale entità; saranno giuridicamente corretti ma sicuramente immorali, e forse anche una violenza nei confronti della generalità dei cittadini, e di quelli che soffrono la fame.
    Ora dovrei passare agli altri punti, ma mi sono reso conto di essermi dilungato, perciò non mi rimane che chiudere qui (per ora), augurandoti una Buona serata.

    1. Buonasera amico mio, mi sembra che sia necessario chiarire qualcosa che evidentemente non ho espresso in maniera facilmente comprensibile nei miei precedenti scritti e cioè che la mia critica prescinde da qualsiasi ideologia, ma riguarda esclusivamente i fatti e gli accadimenti concreti. In particolare, per quanto riguarda la linea ferroviaria ad alta velocità, io non ho ritenuto di dover esprimere un giudizio di merito in ordine alla sua realizzazione, ma ho solo censurato il rinvio di ogni decisione in proposito per motivi affatto strumentali ed estranei all’opera. Per il resto condivido il tuo pensiero, tranne che per l’affermazione secondo la quale “il lavoro non c’é per tutti” giacchè, a parer mio, lavoro potrebbe essercene per tutti se si provvedesse a tutte le reali esigenze della società im cui viviamo, come la manutenzione costante delle opere già realizzate, la costruzione e la corretta gestione delle case popolari, l’assistenza agli anziani non autonomi ed agli invalidi e così via, dato che dette ipotesi non sono esaustive! Naturalmente, come tu dici, a tal fine sarebbe necessaria una diversa distribuzione della ricchezza nazionale, che non é solo quella del pensionato paperone, ma quella rappresentata dalle centinaia di miliardi spariti dalle banche e trasferiti nei paradisi fiscali, quella di tutte le imposte evase con il lavoro in nero, quella altrettanto sottratta al fisco attraverso tutte le forme di corruzione ed elusione ed anche in questo caso l’elenco non é esaustivo! Naturalmente questa é la mia opinione, non la verità, ma certamente non può essere la giusta verità l’adozione della flat-tax teorizzata e sostenuta da un componente del governo già condannato per bancarotta fraudolenta. Un caro saluto.

  4. Caro Amico, buongiorno. Condivido in pieno tutte le tue deduzioni e argomentazioni. Circa la mia affermazione che alcune forze politiche potrebbero rispondere che “il lavoro non c’è”, e al tempo stesso eludere le esigenze di sopravvivenza economica dei cittadini, preciso che, come tu hai ben detto, si potrebbero impiegare i cittadini in tante attività socialmente utili, anche se non direttamente produttive. Il problema, comunque, della distribuzione equa delle risorse rimane. Io mi sono ormai arreso all’idea che ci debbano essere i ricchi e i poveri, ma non mi arrenderò di certo di fronte a chi vorrà negare anche ai poveri di avere un minimo di dignità umana da tutelare. Quest’ultima, credo, che non sia in rapporto alle ricchezze possedute ma appartenga ad ogni essere umano. E a maggior ragione è patrimonio inalienabile e incoercibile di ogni cittadino, che per il solo fatto di essere parte della civitas ha dei diritti/doveri. Tra i primi, quello di partecipare alla distribuzione delle risorse.
    Sullo sperpero di danaro pubblico, anche a causa di un malcostume tollerato quando non collusivamente agevolato, se ne scoprono ogni giorno di nuove: ieri ho sentito di una ASL calabrese che pagava più volte le stesse forniture di specialità medicinali. Un giro di centinaia di milioni. A volte preferisco non sentire certe notizie, perché sono al punto di saturazione. Non vi è dubbio che episodi simili si rinvengano sin dalla notte dei tempi (note anche le Verrine di Cicerone, di certo a te care), però sarebbe ormai il tempo per invertire la rotta e cominciare a ragionare in termini di “famiglia Italia”, e non di parenti serpenti!
    Voglio lasciarti con una mia “illuminazione” di questa notte, che dopo avermi svegliato di soprassalto mi ha fatto molto riflettere, anche perché avevo avanzato “riserve” nei giorni passati sul ruolo indifferente od estraneo della “Natura universale”: Il Bene vince sempre sul male… Noi a volte non ci crediamo; perdiamo la fiducia, perché non vediamo l’esito di ingiustizie prodotte a fin di male per il male. Ma bisogna credere che alla fine il male e le ingiustizie perderanno la guerra. Buona giornata.

    1. Buonasera amico mio, innanzitutto perdonami per il ritardo con cui faccio seguito al tuo sostanzioso ed accorato commento, purtroppo sono ancora afflitto dalle conseguenze della caduta del mese scorso (come certamente sai la caduta é una delle tre c pericolose per i vecchi!). Nel merito non posso che condividere i tuoi giudizi e le tue speranze, anche se, a giudicare da alcuni eventi più recenti, come certe sentenze che mostrano una crescente incapacità ad immedesimarsi nelle sofferenze e nelle necessità delle vittime di fatti di sangue, non credo che potrò avere occasione di assistere alla vittoria da te auspicata! Per amore di giustizia debbo tuttavia ricordare che la malversazione da te denunciata ha avuto illustri precedenti in Lombardia! Buona serata.

  5. Buongiorno, Caro amico. Mi dispiace che la tua guarigione stenti ad avvenire in tempi ragionevoli. Posso dirti che lo stesso sta accadendo a me, e tuttavia sto cercando di convincermi che abbia ragione la “Natura”di fronte alle mie aspettative. Ho lasciato da poco un caro amico – un generale in pensione- un po’ afflitto per una serie di fastidi che sta accusando allo stato di salute e, come puoi immaginare, le nostre riflessioni sono state quelle degli acciacchi nell’età “avanzata”. Ebbene, io, col dubbio, ho tentato di sostenere che “Tutto è a fin di bene”; non so dire se anche in senso individuale (visto che il mio amico era in disaccordo) ma con buona probabilità per il “bene universale”. D’altronde l’invecchiamento riguarda tutte le specie viventi, e anche gli “acciacchi”, ossia la perdita della funzionalità di alcune parti del corpo.
    Ad ogni buon conto, non escludo che si possa anche ritenere che tutto sia a fin di male, ma tanto non cambierebbe la realtà che stiamo vivendo.
    Consentimi, in chiusura, una breve riflessione sulle sentenze, lontane dalle necessità delle vittime di fatti di sangue. Non dirò che le sentenze sono soltanto l’esito delle prove processuali e che con esse l’organo e potere dello Stato non accerta alcuna “verità sostanziale”, ma dirò, invece, che le sentenze sono soltanto uno strumento giuridico riservato ad una categoria sociale di poter decidere, allo stato degli atti, se determinati fatti siano o meno addebitabili alla condotta di una persona. Tale “categoria” costituisce soltanto una parte del più ampio puzzle della vita umana organizzata. Nessuna verità, ma soltanto l’esercizio di un ruolo, come tanti altri, mentre per tutti (giudici inclusi) scorre inesorabile il tempo. A presto.

    1. Buonasera mio caro amico, io non mi chiedo se certi accadimenti siano teleologicamente determinati poichè ciò che conta per chi ne é interessato é il loro verificarsi, mentre ad esso rimangono assolutamente indifferenti sia la natura, sia l’intero universo. Credo perciò che questo non sia passibile di alcuna qualificazione, né in senso positivo né in senso negativo. Al contrario ben diversa é la mia opinione riguardo alle sentenze dei magistrati, dei nostri in particolare, non perché io non sappia che la verità processuale non coincide mai con la verità reale (ricordo in proposito un film di un grande regista giapponese in cui neppure il soggetto assassinato descriveva il reale andamento dei fatti accaduti!), ma perché ormai i nostri giudici, nella ricerca della norma che disciplina ogni singolo caso concreto, hanno l’abitudine il più delle volte di inserire loro personali e soggettive convinzioni o sensibilità che inducono a deviare dall’applicazione corretta della regola unica ed insostituibile di ogni singolo caso concreto. Uscendo dal teorico e riferendomi ad uno dei casi giudiziari tenuti presenti nella mia precedente risposta io non posso certo affermare l’inesistenza di una temporanea incapacità di intendere dell’omicida della sua ex compagna, ma ritengo che tale stato parzialmente esimente sarebbe dovuto essere accertato attraverso una adeguata consulenza e non affermato apoditticamente sulla scorta di una personale convinzione. Analogamente non ritengo che possa escludersi il reato di stupro in forza di un proprio giudizio circa l’assoluta mancanza di qualità esteticamente rilevabili da parte del soggetto offeso. In conclusione, come tu dici, quello dei giudici é solo l’esercizio di un ruolo, ma, secondo me, male interpretato da presunti esseri superiori ed infallibili! Buona serata.

      1. Caro Amico, Buongiorno. Colgo l’occasione della settimana santa sia per farti gli auguri di Buona Pasqua, anzitutto, sia per lasciare anche un breve commento alla tua replica, che precede. Sull’interpretazione del ruolo, bene o male, non saprei dire. Ormai mi è così tanto tutto lontano che non riesco ad individuare un modello che possa essere oggettivamente preso a riferimento per più di una volta. Tutto cangiante, così velocemente, nella vita, e così tutto è relativo. Mi sono convinto (quasi) che ciò che conta nel nostro peregrinare è di svolgere una certa attività, che la si svolga anche nella contemplazione, o nell’otium descritto da Seneca, poco importa, nè rileva. Nel cosmo, come dici, le attività umane sono del tutto irrilevanti. E così comprendo meglio anche Solone che puniva con l’atimia coloro che non prendevano comunque parte ai conflitti civili, oppure il senso del messaggio di Krishna ad Arjuna che esitava nel compimento di azioni che riteneva umanamente immorali. Gli uomini sono esseri imperfetti per scelta divina e tali devono restare. L’unica strada – credo – che possa illuminare il loro spazio-tempo è all’interno di se stessi. Tutto il resto è effimero e mere illusioni. Buona Pasqua.

        1. Buonasera amico mio, innanzitutto ricambio con molto affetto gli auguri di Buona Pasqua, indirizzati anche ai tuoi familiari. Quanto al tuo relativismo sono costretto ad osservare che l’atimia soloniana oggi é piuttosto una sindrome schizofrenica, che mal si concilia con la legge morale che secondo Immanuel Kant alberga in ognuno di noi. nonostante le deviazioni da essa che affliggono noi limitati mortali. Con riferimento a Krishna sono costretto ad imitare Pietro Aretino (non lo conosco!). Felice Pasqua.

  6. Ciao…Cicciolina è stata l’unico uomo politico italiano a farsi fare quello che gli altri uomini politici hanno fatto agli italiani. Al contrario le mogli dei politici fanno tutte beneficenza. Hanno il senso di colpa per quello che rubano i mariti. Ops…i politici non si toccano!!! Sorriso, Sal

    1. Ciao Sal, io non so se Cicciolina abbia mai messo a disposizione il suo concetto di ventennale memoria, ma dubito che tutte le mogli dei nostri politici facciano beneficenza! Ricambio il sorriso.

  7. Er sommo amplesso tra er guanciale e l’ova,mist’ar formaggio e ar pepe grattuggiati,è er “nunpiusurtra” pe gole e palati,da fà godé co un’emozzione nova.o sanno pure scapoli e ammojati,che mejo piatto ar monno nun se trova e che magnà la “carbonara” giova, a lingua, bocca e stommaco allignati.Usa le penne oppure li spaghetti, nun sò da disdegnà li rigatoni, basta ch’abbonni, quanno che li metti. Nun fà che la cottura s’appapponi! Ché de la pasta scotta, a denti stretti, è mejo un carcio in mezzo a li co…Magnifica domenica e buon appetito, Anna Paola

  8. Buongiorno…Bisogna usare le parole precise se vogliamo che la gente la smetta di trattare chi ha una disabilità fisica o mentale solo come un poveretto da compatire e non una persona con una vita da vivere. Un sorriso, Sal

  9. Ariciao…Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell’umanità.Toro seduto
    Serena serata, bye Sal

  10. Ciao…L’universo ama la velocità. Appena avete un’intuizione, agite. Dentro di voi sapete che volete fare qualcosa. Può essere iniziare un’attività, mettere in piedi un servizio, scrivere un libro, può essere qualunque cosa, ma una cosa tutta vostra. Sorriso, bye Sal
    PS. Per quanto riguarda ciò che è accaduto voglio precisare che se avessero rotto le palle ad uno di noi, iomini adulti, ci avremmo riso sopra, ma toccare una donna, chiunque essa sia, NO. Spero abbiano capito. Buona giornata, Sal

  11. Ciao Sal, non può sussistere alcun dubbio circa la velocità in essere nell’universo! Ciò dovrebbe indurre il genere umano a convincersi che non può esistere un suo futuro al di fuori di quell’atomo opaco rappresentato dalla nostra terra e, di conseguenza, a comportarsi nei modo più virtuoso per poterci vivere e poterlo conservare vivibile ai posteri. Quanto a ciò che é accaduto si può dire solo che é comunque inqualificabile indipendentemente dalle potenzialità di reazione del soggetto offeso. Ricambio il sorriso con affetto.

  12. Ciao. Oramai è una consuetudine del sabato: Una donna dice a suo marito: “portami 2 bicchieri uno pieno e uno vuoto” e il marito dopo averli portati chiede il perchè e la moglie risponde: “se ho sete bevo se non ho sete non bevo”. Il resto sul Blog…Sorriso per un sereno e allegro weekend. Bye, Sal

  13. Ciao. Il periodo che precede la Pasqua è il periodo in cui la vita si muove lentamente verso la sua pienezza e, con questa sua forza oggi così poco compresa, spinge anche noi a rinnovarci, ad abbracciare con una nuova visione lo scorrere incerto della vita.Ti auguro di trascorrere con le persone a te care una magnifca domenica, bye Sal

  14. Ciao. Oggi semplice post di indicazione del nostro imminente tour con luoghi, date e tv che riprenderanno alcune serate. Per il resto oggi tutti uniti ad urlare FORZA JUVE porta l’
    Italia in finale e se il sole cocente dura, questo primo pomeriggio, perchè no: la prima nuotata del 2019… Sorriso, Sal

  15. Ciao. Non so se mi o ci sarà possibile rileggerci considerata l’imminente partenza. Onde, e dato che è consolidato che Pasqua sia il simbolo del Rinnovamento, della Gioia e della Rinascita in quel giorno per tutti un po’ speciale, ti auguro di trasformare i tuoi sogni in una splendida realtà per sorridere ai giorni avvenire con quella gioia nel cuore che solo le cose autentiche e genuine sanno donarti.
    A te e tuoi cari i nostri migliori auguri. sal&allegraband

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).

2016 Name of Company