L’Osteoporosi.

Chi non ha mai sentito questo termine? E tuttavia, va detto, che è un termine generico che sta a significare un’aumentata porosità dell’osso. Questa patologia è caratterizzata da una riduzione della massa ossea per unità di volume, sia pure vi sia un rapporto del tutto normale tra matrice ossea e la fase minerale; ovverosia, il rapporto tra massa minerale dell’osso e la densità minerale dell’osso.

OsteoCutout.png

Si tratta di una comunissima patologia metabolica dell’osso di noi comuni mortali. Si pensi che più del 25% delle donne, ne è affetta, e più del 18% degli uomini al di sopra dei 70 anni. Sia chiaro, si tratta di statistiche, e non di  regole Per onorare lo scopo divulgativo dell’argomento va detto che la massa ossea di noi umani raggiunge il massimo picco tra i 20 e i 35 anni per poi  intraprendere la fase decrescente in maniera graduale ma progressiva. Tale calo è significativo e si calcola che possa raggiungere il 50% a livello delle ossa lunghe(femore, omero, tibia, ulna ecc.) in età compresa tra i 60 e i 70 anni. Si è così  potuto evidenziare che la massa ossea raggiunge valori elevati nei soggetti di razza nera rispetto alla nostra; cosiddetta bianca, e che si manifesta più nel sesso femminile rispetto a quello maschile, oltre naturalmente appare deficitaria negli individui ipogonadici o malnutriti. Alla luce di queste ed altre evidenze la medicina è stata in grado di formulare diverse ipotesi circa le cause dell’osteoporosi. Si da molta importanza all’azione della calcitonina, in quanto i livelli di questo ormone nella donna sono più bassi. Altra ipotesi è quella determinata dagli estrogeni in quanto la terapia con questi ormoni tende a rallentare il riassorbimento osseo nella donna riducendo l’ipercalcemia nel caso dell’ eccessiva secrezione di paratormone; ovvero, Iperparatiroidismo. Nelle donne che sono andate in menopausa precocemente a seguito di isterectomia totale, si apprezza una comparsa precoce di osteoporosi.

Altra causa, va vista a seguito di prolungate terapie con Cortisone

E per ultimo vale la pena ricordare che una dieta eccessivamente ricca di proteine, quindi acida, potrebbe condurre a demineralizzazione dell’osso.

L’Osteoporosi.ultima modifica: 2021-04-13T13:11:34+02:00da un_uomonormale0

9 pensieri riguardo “L’Osteoporosi.”

  1. Il mio martirio ,l’osteoporosi, che ho sempre cercato di prevenire, a suo tempo, con indagini e cure, ha trovato un’ ottima alleata nella mia scoliosi, non avvertita affatto fino a qualche anno fa.Ora faccio come comunicato, tante cure, ma con esigui risultati.
    Non mi resta che la paziente sopportazione, specie per il ginocchio e il piede sinistro. Volentieri mi sarei sottoposta ad operazioni, ma i miei non l’hanno ritenuto , temendo complicazioni . Ok .Dott. Mi devo scusare con te per gli svariati errori di battuta dei miei precedenti commenti. Spesso non rileggo per correggerli. Cordialmente… Mt.

    1. Scusa Maria Teresa, parli di martirio, ma sotto quale aspetto. L’Osteoporosi dà le sue manifestazioni solo se ci sono fratture, diversamente non procura dolori particolari. Voglio dire, che non è una forma degenerativa artrosica, che riconosce l’effetto infiammatorio, quindi il dolore è inevitabile. L’Osteoporosi è la demineralizzazione dell’osso; cioè, la perdita con riduzione di Trabecole ossee della parte spugnosa, il che rende l’osso più poroso, quindi più debole, ma non doloroso. Buon pomeriggio MT.

      1. Ciao Peppe, se Maometto non va alla montagna, vuol dire che sarà la montagna ad andare da Maometto:))
        Da circa 10 anni sono in menopausa, e non avevo mai fatta una MOC. L’ho fatta l’anno scorso a Settembre con questo risultato: Femore t-score 2,6 e z-score 1,8, rischio frattura alto. Colonna vertebrale: T-score -1,0 e z-score -02. Classificazione Osteopenia. Per natura sono restia a farmaci. Che mi consigli fare ? Farmaci o è sufficiente una dieta bilanciata e stile di vita corretto ? T’abbraccio. Rosina

        1. Ciao Rosina, pazienza, ma la cosa mi sta infastidendo non poco. Ok.
          La dieta ti aiuterà sicuramente come pure lo stile di vita, ma considerati i livelli di T-score del femore questi richiede il sostegno farmacologico. Per la colonna vertebrale le cose non sono male. Ti consiglierei di andare a trovare la tua ginecologa di fiducia, magari ti può suggerire il supporto di una cura ormonale sostitutiva della Menopausa e che magari rallenta il processo di riassorbimento dell’osso. Ciao Rosina

          1. Caspita Peppe, alla mia età chi sarebbe mai la mia ginecologa di fiducia ? Seguirò il tuo suggerimento. Un caro abbraccio e a domani. Rosina

Lascia un commento