In quella lontana estate 2003, il professore Fauci, immunologo di fama mondiale disse riguardo alla Sars-Cov-1:” Immaginare scomparsa la SARS-COV-1 è pura illusione!”

Anthony Fauci nuovo Cavaliere di Gran Croce
L’emergenza di una delle malattie infettive che ha molto impegnato le attenzioni avvenne nel 2002 nel sud della Cina, che si presentò come malattia infettiva atipica ma molto grave. La malattia molto presto si diffuse già a partire del mese di Febbraio dell’anno successivo; cioè, 2003 come forma di Polmonite contagiosa di gravità elevata con diffusione in molti paesi confinanti come Taiwan, Hong Kong, Singapore e Canada. Il 12 Marzo del 2003 l’OMS, pose in essere lo stato di allerta a livello mondiale. Il Virsu venne identificato  come nuovo Coronavirus col nome SARS-COV per significare l’agente causale dell’evento Epidemico. L’identificazione del virus avvenne in maniera rapida, il che consentì l’immediato isolamento di tutti i casi  di contagio, quindi posti in isolamento. Questa rapidità, e l’individuazione di tutti i viaggiatori provenienti dalle zone colpite, permisero l’interruzione della catena di trasmissione dell’infezione appena solo dopo 5 mesi dall’adozione delle misure di prevenzione a livello mondiale. L’Epidemia, venne dichiarata terminata il 5 Luglio del 2003. L’evento, fece registrare 8098 contagiati dei quali 774 morti. Sars-Cov-1 a differenza dell’attuale Sars-Cov-2 era  poco contagioso, ma terribilmente mortale. La profezia del professore Fauci si rivelò fallimentare.
In quella lontana estate 2003, il professore Fauci, immunologo di fama mondiale disse riguardo alla Sars-Cov-1:” Immaginare scomparsa la SARS-COV-1 è pura illusione!”ultima modifica: 2021-05-15T19:33:09+02:00da un_uomonormale0

8 pensieri riguardo “In quella lontana estate 2003, il professore Fauci, immunologo di fama mondiale disse riguardo alla Sars-Cov-1:” Immaginare scomparsa la SARS-COV-1 è pura illusione!””

    1. No, Carlo, Fauci ha sbagliato totalmente perchè Sars-Cov-1 scomparve spontaneamente. Si conosce bene che fra questi due coronavirus: Sars-Cov-1 e Sars-Cov-2 non c’è “familiarità” biologicamente sebbene entrambi patogeni infettivi verso specie diverse, inclusi i cani, suini, topi, pipistrelli e…uomo. Buona e tranquilla domenica

  1. E’ questa una informazione di importanza capitale per rendersi conto di ciò che, dopo tanti anni, è avvenuto. Ricordo che in quegli anni , oltre alla vaccinazione per l’influenza , il mio medico mi consigliò di vaccinarmi anche contro la polmonite e seguii il consiglio.Per me, il Prof. Fuci aveva ragione e ciò è stato evidente, come al solito ” col senno di poi”. Grazie, Dott. e buona giornata.

    1. La Sars-Cov del 2002-2003 avrebbe dovuto insegnare molto, ma, come ho avuto modo di dire in altre circostanze, ha prevalso la scelta “Amnèsica” Infatti, la domanda che la scienza deve porsi, secondo me è:” Durante le malattie infettive emergenti, quali la SARS-L’EBOLE, L’AVIARIA, cosa abbiamo imparato ? Chi non ricorda l’uscita del ministro della Sanità degli Sati Uniti in una prematura ondata di fiducia verso il potere della scienza medica di combattere i microbi ebbe a dichiarare la “Fine delle malattie infettive!” Ebbene, mai aspettativa così clamorosamente malriposta. Grazie cara. Piacevole domenica

    1. Le malattie emergenti hanno messo in risalto l’impreparazione dei sistemi sanitari, e non solo italiano, ma internazionale. Sono necessari comportamenti che risaltino il nostro senso di responsabilità perchè, Sars-Cov-2 c’è. E tuttavia, questa Pandemia da Covid-19 che si è imposta con crudele autorità sui nostri sistemi sanitari richiede urgenza a fare passi indietro e fare fronte alle lotte oncologiche, cardiovascolari ecc..ecc.. Questo si da subito deve essere l’imperativo. Grazie Elena, soprattutto per la tua difficoltà di accedere ma che manifesti lo stesso il desiderio di intervenire. Buona serata

Lascia un commento