Le Tartarughe marine possono ammalarsi di tumore.

Ambiente: crescente numero di tartarughe con fibropapillomatosi - Faxinfo

Capisco gli  animalisti e quale dolore provano quando un animale è gravemente malato. Nel corso dei miei anni universitari ho avuto modo di seguire un mini corso- conoscitivo –  di veterinaria. Compresi un po’  più avanti di non avere abbastanza passione su questo campo. Tuttavia, il poco, mi consentì di capire un aspetto della scienza in genere, e cioè, che soltanto dallo studio è possibile aprire e allargare gli orizzonti i quali si fanno anche più ambiziosi. Studiare  veterinaria significa occuparsi della salute degli animali. Capii, come detto appena sopra che era una disciplina che non si adattava alle mie predisposizioni.  Mi rimasero comunque  molti testi scientifici che molto spesso apro  per studiarne le verità  scientifiche dentro ogni rigo. Da qualche giorno mi vedo aprire volentieri qualche testo di mio interesse. E così, mi sono visto attirato sulla conduzione indagativa sui  Parassiti che ammalavano le scimmie della specie “ragno”  e delle scimmie conosciute come “urlatrici”, ma su questi voglio sorvolare perchè un attimino complicate. Dunque, studio con  interesse quei Virus con il mantello dell’invisibilità, ovvero, una categoria di virus che nascondono l’infezione.

La maggior parte delle malattie tumorali delle tartarughe erano abbastanza note ed individuate  dal mondo scientifico del secolo scorso. Tuttavia, da poco tempo si è apprezzata una recrudescenza, ovvero, un aggravamento di questi bellissimi animali acquaticiUn notevole numero di tartarughe  sono state messe in regime di ricovero in strutture ospedaliere specializzate, in particolare presso l’Ospedale Marathon, nella Florida. Le tartarughe colpite presentano lesioni spaventose a guardare. A volere tentare una analogia queste  tartarughe presentano escrescenze simili  a ciuffi di cavolfiore ma che crescono in maniera incontrollata sulla pelle, a partire dalla bocca agli occhi, fino alle pinne. Capisco chi sta leggendo- qualora ve ne fosse qualcuno -che fa ribrezzo solo a leggerlo, ma penso agli studiosi  a cui questo ribrezzo non è consentito e non si fermano davanti a niente ! Ebbene, queste escrescenze sono altamente mortali, in maniera particolare quando ad essere colpiti sono gli organi sensoriali. In questo caso, le tartarughe perdono completamente l’orientamento, e non sono più capaci di  migrare per lunghi “viaggi” per guadagnare le acque più calde, quindi impossibilitati a procurarsi di che cibarsi. Questa malattia viene chiamata ” Fibropapillomatosi , la cui causa è un Herpes Virus che conosce come target solo le tartarughe. Ma questa famiglia di virus, non è composta da una sola famiglia bensì, da una “grande famiglia” capacissima di infettare pure altre tantissime specie, compresa quella “umana”.

Le Tartarughe marine possono ammalarsi di tumore.ultima modifica: 2021-09-27T18:18:04+02:00da un_uomonormale0

2 pensieri riguardo “Le Tartarughe marine possono ammalarsi di tumore.”

    1. Bruttissima malattia la Fibropapillomatosi, ma, tranquillizzati, non avviene nell’uomo, ma soltanto nelle tartarughe. L’uomo viene infettato dall’Herpes che è virus della stessa famiglia. Ad esempio, saprai benissimo che la varicella viene causata da un virus di questa famiglia di herpes Virus ? Pure l’herpes labiale, cioè quelle lesioni che manifestiamo sulle labbra e che noi chiamiamo “familiarmente” FEBBRI ? In conclusione la Fibropapillomatosi purtroppo, è di sola spettanza delle tartarughe marine. Le tartarughe marine, a causa della loro natura molto fragile vivono dentro un equilibrio assai delicato. E così, ogni piccolo cambiamento si può rivoltare contro esse con gravi ripercussioni. Sai benissimo che le t tartarughe fanno parte della famiglia dei rettili, per cui risentono molto di qualsiasi sbalzo di temperatura, come pure di mutamenti climatici in genere. Per fare un piccolo esempio con il surriscaldamento globale alcuni habitat come ad esempio le spiagge dove questi simpatici rettili depongono le loro uova sono diventati ostili alla loro sopravvivenza. Bene, mia cara, anche per stasera ce l’abbiamo fatta. A domani. Ciao

Lascia un commento