Raoul Bova e Chiara Francini, a Catania i cellulari non smettono di suonare: l’attore furioso non torna sul palco

raoul_bova_chiara_francini_due_catania_teatro_13131754

«Chi non è capace di spegnere il cellulare resti a casa». Si può cominciare dalla fine, con le parole stizzite di un produttore, per raccontare un episodio decisamente poco edificante avvenuto a Catania due sere fa, al teatro Metropolitan, durante lo spettacolo Due, con Raoul Bova e Chiara Francini.
Alcuni spettatori, infatti, non solo non avevano spento il cellulare, continuando ad utilizzarlo anche durante lo spettacolo, ma avevano lasciato attive anche tutte le suonerie. Durante la performance i due attori sono stati disturbati continuamente dai vari suoni provenienti dagli smartphone e più volte il pubblico era stato richiamato a disattivare le suonerie. «Al prossimo disturbo, interrompiamo lo spettacolo», l’avvertimento di un membro della produzione durante una pausa. Al rientro degli attori, Raoul Bova, decisamente stizzito, dopo aver sentito l’ennesimo suono provenire dalla platea durante un monologo della collega, ha lasciato il palco.
Lo spettacolo si è concluso del tutto, nonostante ennesimi disturbi da parte del pubblico. Com’è possibile notare anche in questo spezzone girato da una spettatrice, dalle poltrone provengono diversi suoni di smartphone, tra cui quello inconfondibile di WhatsApp. Alla fine, al momento di prendere gli applausi, Raoul Bova, ancora decisamente infastidito, è tornato dietro le quinte prima di Chiara Francini.

Raoul Bova e Chiara Francini, a Catania i cellulari non smettono di suonare: l’attore furioso non torna sul palcoultima modifica: 2018-03-13T14:54:08+01:00da giorgio662015
Submit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.