Simona Ventura confessa: «Volevano farmi del male, per anni ho fatto test antidroga perché volevano togliermi i figli»

simona ventura-droga-figli_05134724

Simona Ventura confessa di aver subito controlli antidroga e che volevano toglierle la custodia dei figli. Oggi Simona Ventura è tornata sulla cresta dell’onda, grazie anche al successo di Temptation Island Vip, ma non dimentica i periodi bui vissuti in passato. Dopo il divorzio e la crisi lavorativa Simona Ventura sembra finalmente poterci mettere una pietra sopra.
A raccontarlo è lei stessa in un’intervista al Corriere della Sera: «Avevo fatto una scelta rivoluzionaria e sono stati anni duri, non per colpa mia, ma di congiunzioni astrali e politiche. Non ho mai detto per chi voto e questo è stato un minus non un plus. C’è stato chi, per non farmi lavorare ha fatto porcate». Simona confessa di essere stata presa di mira, anche per quanto riguardava la custodia dei figli dopo il divorzio con Stefano Bettarini: «Per tre anni, ho fatto l’analisi del capello per dimostrare che non mi drogavo. Ho sopportato fango e fake news ante litteram. Forse volevano togliermi i figli per farmi male da ogni punto di vista».
Il divorzio è stato sicuramente un periodo molto difficile, anche per le incomprensioni tra i due. Oggi i rapporti sono distesi e sereni, soprattutto nell’interesse dei loro figli. Recentemente tutta la famiglia è stata scossa dall’accoltellamento di Niccolò, che però ora sta bene e la stessa Ventura sottolinea quanto in questo periodo Stefano sia stato vicino al figlio e anche a lei.
Sul Mee Too la sua posizione è molto chiara, ovviamente condanna ogni forma di molestia sul lavoro e non, ma chiarisce: « Non divento ipocrita a 53 anni. Di donne così ne ho viste. Quelle che lo fanno apertamente mi fanno anche simpatia, ma odio le sante per finta».

Simona Ventura confessa: «Volevano farmi del male, per anni ho fatto test antidroga perché volevano togliermi i figli»ultima modifica: 2018-10-05T20:13:20+02:00da giorgio662015
Submit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.