Valeria Marini vittima de Le Iene, la showgirl su tutte le furie: «Quello che avete fatto è peggio di uno scherzo»

Valeria Marini vittima dello s3729423_2327_valeria_marini_le_iene (1)cherzo de Le Iene. Grazie ad alcuni suoi amici complici le è stato organizzato un appuntamento galante con un uomo e Valeria accetta di conoscerlo, subito dopo averlo incontrato però nota qualcosa di strano. Notoriamente molto superstiziosa, la showgirl nota che l’uomo che le è stato presentato in realtà porta sfortuna.
Appena lo incontra si rompe uno specchio, l’uomo commenta un’automobile e quella ha un guasto, durante la cena ci sono una serie di disavventure fino a quando un’amica di Valeria la chiama e le consiglia di allontanarsi il prima possibile da quella tavola perché la persona in questione è nota per portare sfortuna. La cena si conclude e gli amici di Valeria trovano una scusa per lasciarla sola con il suo corteggiatore, ma prorpio nel tragitto in auto di ritorno succede l’impensabile.

L’uomo inizia a sostenere che la Marini si è “lasciata andare” in auto e l’accusa di aver fatto un peto. Valeria si innervosisce e nega chiaramente aggiungendo: «Non so nemmeno come si fanno, io non puzzo, tutti sanno che profumo di vaniglia». A quel punto il suo corteggiatore insiste e prega l’autista di lasciare Valeria in strada perché quanto accaduto è inammissibile.

La showgirl scende ed è proprio a quel punto che Le Iene svelano il segreto e le sorridono ma Valeria non sembra felice: duramente si allontana e sottolinea che lo scherzo non è stato affatto gradito. «Quello che avete fatto è molto peggio di uno scherzo» e se ne va imbronciata.

Valeria Marini vittima de Le Iene, la showgirl su tutte le furie: «Quello che avete fatto è peggio di uno scherzo»ultima modifica: 2018-05-14T09:56:26+02:00da cristina_a2016

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.