Silenzio.

 

Stare.
La magia di poter vivere questo stare, sola.

L’ansia dei primi giorni e il desiderio di evadere, forse più per senso di abitudine che non di bisogno reale.

Così passano i giorni e ogni cosa riprende un suo ritmo, c’è un adattamento crescente.

La necessità e la frenesia di rimanere collegato continuamente alla rete, ai cellulari, al computer, alle serie TV e di riempirsi per forza di mille stimoli perché altrimenti è difficile stare, lascia oggi spazio al respiro.

Respiro.
Spazio.

Luogo in cui è possibile fare una scelta. Seguire le passioni, riappropriarsi dei desideri, e anche comprendere perché ci viene così difficile fermarci, perché ci agita tanto questo isolamento, perché ci annebbia. La fretta che tutto passi è davvero solo collegata alla crisi sanitaria, economica che dovremo certamente attraversare, oppure è più l’evanescenza di questo momento e il non poterne controllare il flusso, la durata, la fine? o ancora il non poter programmare, progettare, controllare, il non potersi porre obiettivi, e anzi di dover reinventare un modo di stare, diverso.

Abbiamo davvero desiderio che torni tutto come prima?

Io forse no.

E’ un tempo che riscopre il proprio ritmo, è un tempo che svela capacità e possibilità, ingegno e adattamento. E si scopre che in fondo non abbiamo la necessità di avere tutta questa “roba”. E più banalmente che la spesa è possibile farla una volta a settimana, se non ogni due, addirittura.
E forse impareremo anche ad ascoltare di più, a non farci distrarre da schermi che si illuminano e suonano in continuazione, che ci astraggono e frettolosamente ci portano via. Forse ritorneremo più “qui”, presenti, che non “lì” sovreccitati.

Forse impareremo a sentire un abbraccio, a desiderarlo e a cercarlo davvero.
Forse avremo il tempo di accogliere una voce tremante ed essere rifugio.
Forse impareremo ad essere più autentici.

Forse impareremo ad ascoltare la musica del Silenzio e allora… sarà un grandissimo concerto.

 

 

Silenzio.ultima modifica: 2020-03-27T20:39:37+01:00da viaggio_in_passi

Lascia un commento