Community
 
asu1000
   
 

Truncare sas cadenas

cun sa limba e sa cultura sarda - de Frantziscu Casula.

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 3
 

GUSANA

 

GUSANA

 

UN'ISPANTUUUUUU

 

GENNARGENTU

 

 

Franco Carlini recensisce il saggio storico di Francesco Casula "Statuto sardo e dintorni"

Post n°803 pubblicato il 29 Luglio 2014 da asu1000

Una circa  a pizzus de su Statudu Sardu

 

de Franciscu Carlini

 

    De Franciscu Casula si connoscit s’impignu politicu, sindigali e culturali po sa lingua e sa cultura sarda, e no de oi. Prus pagu connotu est su traballu chi issu at fattu, i est sighendi a fai, in sa scola, chi ddu pòrtat in donnia bidda de Sardigna po attobius cun maistrus, professoris e scientis, e prus pagu puru est connotu, bogaus is amigus, su chi est fadendi in sa scola sua, s’Istitudu Martini de Casteddu, aundi est professori de unus binticinc’annus.

    Est stetiu unu de is primus chi at fattu intrai sa litteradura sarda (in sardu) in d’un’aula de una scola manna, fadendi connosciri autoris chi is piccioccus de 17-20 annus no sciriant nimmancu ca esistiant, e aici po sa storia, sa cultura e sa lingua sarda.

   S’urtimu traballu fattu de issu in sa scola pertòccat su Statudu de sa Regioni sarda chi at analisau e studiau in pari cun d’una classi V in s’annu de scola 2000-2001, e chi s’est cuncruiu cun sa prentadura de unu liburu de importu mannu, siat po su valori didatticu siat po cussu culturali prus in generali. Su liburu tenit a titulu Statuto Sardo e dintorni (sa prefazioni est de Eliseu Spiga) i est nasciu de sa idea de fai connosciri su Statudu Sardu a is giovunus de sa scola.

   Tempus passau, tempus presenti e tempus benideru sunt cumpresentis in su traballu de is piccioccus de Franciscu Casula, chi sunt andaus a biri cali sunt is raixinis storicas, partendi de sa nascida de su Stadu italianu finas a is istanzias regionalisticas chi sunt intradas in s’Assemblea Costituenti e ant fattu nasciri su Statudu.    

   Sa circa acàbat cun duus scrittus de Emiliu Lussu chi pertòccant is autonomias regionalis e su federalismu, scrittus de importu mannu, disconnotus in sa scola e in medas aterus logus puru chi no siant cussus de is ispecialistus. A s’acabu de su liburu ddoi at su Statudu in sardu, tradusiu in campidanesu de Matteu Porru e in logudoresu de Franciscu Masala.

    S’insufficienzia a respundiri a is esigenzias de sa Sardigna de su 2000, sempiri prus crara a is politicus, a is intellettualis e povinas a sa genti comuna, pòrtat is scientis de Casula  a concruiri ca su Statudu est becciu e ca tòccat a ddu mudai. I est in custu puntu chi sa circa insoru si sàldat cun d’una chistioni politica de oindì, est a narri a su dibattu a pizzus de sa necessidadi de ndi pesai un’Assemblea Costituenti Sarda in sa prospettiva de fai prus agili i cunformada a is tempus e a is problemas suus un’aina cunsiderada arruinada de diora.

    Unu bellu traballu, cussu fattu in s’Istitudu Martini de Casteddu, poita Franciscu Casula est unu maistru in su significu prenu de fueddu, unu chi scit fueddai cun is scientis, chi arrenescit a ddus imburdigai in chistionis no fazilis, prus pagu puru po giovunus casi sempiri no avvesus a s’impignu scolasticu, chi ddus scit organisai in d’una circa longa, ammostendisì ghia segura candu tòccat a intramesai argumentus de genia differenti, a ddis donai sanguni rimandendi de s’unu a s’aterus, a sciolliri argomentus trobeddaus chi prus de una borta scoràggiant povinas professoris armaus de bona voluntadi.

   Su chi ferrit in su liburu est sa capassidadi ammostada de is iscientis de intricciai una sia longa de argumentus storicus culturalis linguisticus, fadendisì a cumprendiri ca is giovunus circadoris sunt arrenescius a biri is interrelatas chi esistint intre storia sarda e storia italiana (sa cosa prus pagu diffizili), ma finas cussas intre storia e cultura, cultura e lingua, lingua cultura e identidadi, e totu custu in su grandu quadru politicu de is urtimus 150 annus, studiau in sensu diacronicu e sincronicu, e su totu bistu in d’una prospettiva chi no est scéti italiana ma europea e, po certas caras, mundiali.

    In donnia argumentu, in donnia pagina s’intendit sa passioni manna de un’intellettuali chi de prus de bint’annus est gherrendi po chi sa storia, sa cultura e sa lingua de Sardigna achistint sa dignidadi prena chi ddis minescit i essant ainas de unu modellu de sviluppu nou.

   Su speru, a pustis de ai liggiu Statuto sardo e dintorni, est chi custu liburu no abarrit arrimau in sa bibliotega de sa scola aund’est nasciu ma chi ndi essat a foras e andit in ateras scolas, totus cussas de s’Isula, si est possibili, po chi, cun sa forza de s’esempiu de chini ddoi at traballau, professori e scientis, donit s’impellida po fai sa matessi cosa in aterus campus, cussus de sa storia, de sa cultura, de s’arti e de sa lingua de Sardigna.

 

 

 
 
 

Antonio Simon Mossa, l'indipendenza e la lingua sarda di Francesco Casula

Post n°802 pubblicato il 19 Luglio 2014 da asu1000

Antonio Simon Mossa, l’Indipendenza e la lingua sarda

di Francesco Casula.

Simon Mossa è un architetto di talento, arredatore, urbanista e artista di genio, insegnante dell’istituto d’arte e scenografo, intellettuale dagli interessi pressoché enciclopedici e dalla forte sensibilità artistica, viaggiatore colto e curioso del nuovo e del diverso tanto da spaziare con gusto e competenza nell’ambito di una pluralità vastissima di arti: dalla letteratura alla pittura e alle arti popolari. Ma è anche brillante ideologo indipendentista e di un nuovo Sardismo, giornalista e polemista ironico e versatile, viaggiatore colto e aperto alle problematiche delle minoranze etniche mondiali, ma soprattutto europee. Conoscendole direttamente, si rende conto della drammatica minaccia di estinzione che pesa su di loro: oramai sul bilico della scomparsa. Contro di esse è in atto infatti un pericolosissimo processo di “genocidio”, soprattutto culturale ma anche politico e sociale. Si tratta di “minoranze” che “l’mperiale geometria delle capitali europee vorrebbe ammutolire”.

Simon Mossa aveva infatti verificato la tendenza del genocidio culturale e non solo, dei popoli senza stato, delle piccole patrie, incorporate e chiuse coattivamente nei grandi leviatani europei e mondiali, “entro un sistema artificioso di frontiere statali, sottoposti a controllo permanente, con evidenti fini di spersonalizzazione, ridotti all’impotenza e di continuo minacciati delle più feroci rappresaglie, se mai tentassero di rompere o indebolire la sacra unità della Patria”.

All’interno di tali minoranze colloca la Sardegna che considera una “unità o comunità etnica ben distinta dalle altre componenti dello Stato Italiano” Per annichilire l’identità etno-nazionale dei Sardi è in atto –secondo Simon Mossa– “un processo forzato di integrazione che minaccia l’identità culturale, linguistica ed etnica”, anche con la complicità di molti sardi che “si lasciano comprare”.

  Uno degli elementi che per Simon Mossa devasta maggiormente l’Identità di un popolo è l’attacco alla cultura e alla lingua locale: in Sardegna dunque il divieto e la proibizione della cultura e della lingua sarda, segnatamente dell’uso pubblico del Sardo.

   L’ideologo nazionalitario e indipendentista sa bene che un popolo senza Identità, in specie culturale e linguistica, è destinato a “morire”: “Se saremmo assorbiti e inglobati nell’etnia dominante e non potremmo salvare la nostra lingua, usi costumi e tradizioni e con essi la nostra civiltà, saremmo inesorabilmente assorbiti e integrati nella cultura italiana e non esisteremo più come popolo sardo. Non avremmo più nulla da dare, più niente da ricevere. Né come individui né tanto meno come comunità sentiremo il legame struggente e profondo con la nostra origine ed allora veramente per la nostra terra non vi sarà più salvezza. Senza Sardi non si fa la Sardegna. I fenomeni di lacerazione del tessuto sociale sardo potranno così continuare, senza resistenza da parte dei Sardi, che come tali, più non esisteranno e così si continuerà con l’alienazione etnica, lo spopolamento, l’emarginazione economica. Ma questo discorso è valido nella misura in cui lo fanno proprio tutti i popoli parlanti una propria originale lingua e stanzianti in un territorio omogeneo, costituenti insomma una nazione che sia assoggettata e inglobata in uno Stato nel quale l’etnia dominante parli una lingua diversa”.

      Poliglotta e appassionato studioso di lingua e di linguistica - fra l’altro traduce in Sardo il Vangelo e scrive ottave deliziose – ritiene che “Il sardo lungi dall’essere un dialetto ridicolo è già, ma in ogni modo può e deve essere una lingua nella misura in cui sia parlato e scritto da un popolo libero e capace di riaffermare la propria identità”. A questo proposito pone questo interrogativo “Hai mai meditato su ciò che significa l’esclusione della nostra lingua madre dalle materie di insegnamento delle scuole pubbliche e il divieto di farne uso negli atti “ufficiali”? Ci regalano insegnanti di un italiano spesso approssimativo e zeppo di provincialismo e noi non abbiamo il diritto di esprimerci adeguatamente nella nostra lingua! Ci hanno privato del primordiale e più autenticamente <autonomista> strumento di comunicazione fra gli uomini!”.

   Sostiene ciò nel Luglio del 1967, molto prima che in Sardegna la questione del “Bilinguismo perfetto” diventasse oggetto di discussione prima e di iniziativa politica poi: a buona ragione possiamo perciò considerare Simon Mossa, il vero profeta e anticipatore delle proposte prima e della Legge regionale 26 sul Bilinguismo poi. Con acume e perspicacia aveva capito che il problema della Lingua sarda non era tanto o soltanto parlarla, magari nell'ambito familiare, ma scriverla e soprattutto insegnarla nelle Scuole e usarla nella Pubblica Amministrazione: il problema era cioè la sua ufficializzazione.

   Oggi noi nel 2014 sappiamo bene che la Lingua sarda, al di fuori di questa prospettiva è destinata a morire o, al massimo, a vivacchiare e languire, marginalizzata e ghettizzata. Simon Mossa questo lo aveva capito ben più di 45 anni fa.

 
 
 

Sa Batalla de Seddori de Frantziscu Casula

Post n°801 pubblicato il 29 Giugno 2014 da asu1000

SA BATALLA DI SANLURI DEL 30 GIUGNO 1409

di Francesco Casula

Domani  30 giugno ricorre il 605° anniversario di Sa Batalla  di Sanluri: forse la data più infausta dell’intera storia della Sardegna perché segnò l’inizio della fine della indipendenza e della libertà dei Sardi e della Sardegna. Una fine comunque tutt’altro che tutt’altro che scontata ed ineluttabile. Infatti con l’ultimo Marchese di Oristano, Leonardo d’Alagon,  (dal 1470 al 1478) sarà ancora scossa e attraversata da momenti di dissenso e di ribellioni nei confronti dei catalano-aragonesi, culminati in opposizione armata prima con la battaglia di Uras (1470) e infine con la sfortunata e definitiva sconfitta di Macomer (1478).

Una data infausta insieme al 238 a.C. che segnò l’inizio dell’occupazione e del brutale dominio romano; al 1297, quando il papa Bonifacio VII, con la Bolla Licentia invadendi, infeudò del regno di Sardegna e Corsica, appositamente e arbitrariamente inventato, Giacomo II d’Aragona, invitandolo di fatto a invadere e occupare militarmente le Isole, cosa che puntualmente avverrà, almeno  per la Sardegna; al  1820, quando furono emanati gli Editti delle Chiudende, che posero fine al millenario uso comunitario delle terre da parte di tutto il popolo, usurpate dai nuovi proprietari, in un ciclonico turbinio di inaudite illegalità, sopraffazioni e violenze; al 1847, quando con la Fusione perfetta, la Sardegna fu privata del suo Parlamento.

Il 30 giugno 1409 infatti presso Sanluri, si scontrarono l'esercito siculo-catalano-aragonese, guidato da Martino il giovane, Re di Sicilia e Infante di Aragona, e l'esercito sardo-giudicale, al comando di Guglielmo III visconte di Narbona, ultimo giudice-re del Giudicato d'Arborea, che fu battuto e disfatto in quella atroce battaglia. Finiva così la sovranità e l’indipendenza nazionale della Sardegna che,  dopo cruente battaglie i Sardi-Arborensi, prima con Mariano IV e poi con la figlia Eleonora, erano riusciti ad affermare, prevalendo sui Catalano-Aragonesi e dunque riuscendo di fatto a ottenere il controllo su tutto il territorio sardo e coronando in tal modo il sogno, di unificare l’intera nazione sarda.

Il regno d’Arborea infatti dal 1392 al 1409 comprenderà l’intera Isola, eccezion fatta per Castel di Cagliari e di Alghero: Isola governata e gestita sulla base di quella moderna e avanzata Costituzione che fu la Carta de Logu, che promulgata dalla stessa regina Eleonora, rimase in vigore per ben 435 anni, fino al 1827, quando entrò in vigore il Codice feliciano.

Ma ritorniamo alla battaglia di Sanluri: lo scontro finale cominciò all’alba di Domenica 30 Giugno del 1409, (al alva de Domingo del mes de Junio: così infatti scrive negli Anales della Corona d’Aragona lo storico aragonese Geronimo Zurita); quando l’esercito siculo-catalano-aragonese, lasciato l’accampamento cominciò ad avanzare ordinatamente (con horden) fino a un miglio a sud est di Sanluri (Sent Luri).

Davanti stava Pietro Torrelles (en la avanguardia Pedro de Torrellas), il capitano generale,  con mille militi e quattromila soldati (con mil hombres de armas, y quatro mil soldados),  mentre il re Martino il Giovane, più indietro guidava la cavalleria e il resto formava la retroguardia. A loro si contrapponeva, sbucando improvvisamente da dietro un poggio, appena a Oriente di Sanluri e chiamato ancora oggi Bruncu de sa Batalla,  l’esercito giudicale comandato dal re arborense Guglielmo di Narbona-Bas con i fanti e i cavalieri (con toda la gente de cavallo, y de pie), nascosti dietro una collina. Quanto durò esattamente la battaglia non ci è dato di sapere, Geronimo Zurita parla genericamente di “por buen espacio”.

Certamente fu dura e accanita. E, purtroppo, perdente per i Sardi. La tattica degli Aragonesi infatti, il cui esercito assunse una formazione a cuneo, sfondò il fronte delle forze sardo-arborensi che investite al centro, fu diviso in due tronconi. La parte sinistra si divise a sua volta in due parti: la prima ripiegò a Sanluri dove trovò rifugio nel borgo fortificato e nel castello di Eleonora; le mura però non resistettero all'assalto e le forze aragonesi irruppero massacrando a fil di spada gran parte della popolazione civile, senza distinzione di sesso e di età, mentre 300 donne furono fatte prigioniere. La seconda parte, guidata dal re  Guglielmo III, si rifugiò nel castello di Monreale, a poche miglia di distanza, senza che gli Aragonesi riuscissero a inseguirli. Così: “el Vizconde con los que escaparon huiendo de la batalla, al castillo de Monreal” si salvò.

Morirono invece sul campo ben cinquemila Sardi (y murieron en el campo hasta cinco mil) mentre quattromila furono catturati: sempre secondo i dati di fonte storica aragonese e dunque da prendere prudentemente, cum grano salis. Di contro solo pochissimi nobili iberici persero la vita ((Murieron en esta batalla de la
Parte del Rey muy pocos, y los mas senalados fueron, el vizconde de Orta, don Pedro Galceran de Pinos, y mossen Ivan de Vilacausa).
Le fonti aragonesi non riportano alcun dato sui soldati semplici: evidentemente contano poco o, niente.

La località, una collinetta subito dopo il bivio “Villa Santa” guardando verso Furtei,

dove avvenne una vera e propria strage conserva ancora oggi, in lingua sarda, un nome sinistro e tristo: Su occidroxiu. Ovvero il mattatoio: dove insieme a migliaia di sardi fu “macellata”  non solo la sovranità e l’indipendenza nazionale della Sardegna ma la stessa libertà dei Sardi.

Ci sarebbe, a fronte di tutto ciò, da chiedersi cosa ci sia da “celebrare” in occasione della ricorrenza del 30 Giugno prossimo, segnatamente a Sanluri, come da anni avviene. Da celebrare niente. Molto invece da rievocare per conoscere la nostra storia: nelle sconfitte come nelle vittorie. Per conoscere il nostro passato, per troppo tempo sepolto, nascosto e rimosso: dissotterrandolo. Perché diventi fatto nuovo che interroga l’esperienza del tempo attuale, per affrontare il presente nella sua drammatica attualità, per definire un orizzonte di senso, per situarci e per abitare, aperti al suo respiro, il mondo, lottando contro il tempo della dimenticanza e della smemoratezza.

Proite unu populu chi non connoschet s’istoria sua, su tempus colau, non tenet ne oje nen cras.

 

 

 

 
 
 

LA TRUFFA SEMANTICA di Francesco Casula

Post n°799 pubblicato il 25 Giugno 2014 da asu1000

 

La manomissione delle parole e la truffa semantica

di Francesco Casula

Gianrico Carofiglio,ex magistrato ed ex senatore ed oggi scrittore e romanziere di successo, nel 2010 ha scritto un saggio-panflet su “La manomissione delle parole” (Rizzoli editore). In esso analizza e denuncia il logoramento e la perdita di senso del lessico, viepiù utilizzato in modo sciatto..

Io direi di più: siamo ormai di fronte a una vera e propria truffa semantica con cui –soprattutto da parte della “lingua” del potere e della sopraffazione, segnatamente dei politici, giornalisti e in genere dei media –  deliberatamente  si mistifica e si falsifica la realtà, stravolgendo il senso e il significato delle “parole”, sempre meno aderenti alle “cose”.

Evidentemente chiamare le “cose” con il loro “nome” è – per il Potere – pericoloso. Ecco perché è urgente – e rivoluzionario – ripensare il linguaggio.

Faccio solo due esempi con una breve premessa.

Nella politica odierna tende sempre più a dominare un uso più consolidato e più spregiudicato dei nuovi mezzi di comunicazione di massa, di tecniche più sofisticate di psicologia di massa, di linguaggio, di controllo dell’informazione, di sondaggi. In essa attraverso tali tecniche e linguaggi, Partiti, uomini politici e programmi vengono “venduti”, prescindendo dai contenuti: quello che conta, che si valorizza – come in tutte le operazioni di marketing – è l’involucro, la confezione, l’immagine, il look. Per essere più “appetibili” e dunque conquistare il consenso, con messaggi semplificati e un lessico suadente si stravolge così il senso delle parole, truffando l’opinione pubblica.

1. E’ il caso del termine “Riforme”, foriere di magnifiche e progressive sorti e del “Nuovo”, contrapposto al “vecchio” del passato. E dunque da rottamare.

Così viene presentata la Riforma Fornero sulle pensioni: in realtà un vero e proprio scempio, con cui si prendono a roncolate i diritti dei lavoratori, facendoli precipitare in un rovinoso precariato senza fine.

Così viene presentata la nuova Riforma elettorale, che fa strame del diritto di rappresentanza e stravolge il verdetto popolare assegnando al Partito “vincitore” un premio spropositato di maggioranza che fa impallidire persino la “Riforma” fascista di Acerbo del 1923.

E il “Nuovo”? Altra falsità e mistificazione: viene gabbato come tale – ma è solo un esempio – il sistema elettorale uninominale, in vigore negli anni scorsi (e oggi ancora preferito dal Pd di Renzi e “scartato” solo perché sgradito a Berlusconi). Ma quale nuovo? Il sistema uninominale e maggioritario è in realtà un vecchio arnese dell’Italia prefascista, uno dei principali strumenti di potere del Partito liberale di allora, dato che i suoi esponenti, in genere appartenenti alle élites locali, riuscivano a raccogliere senza troppe difficoltà – grazie anche a rapporti personali, di amicizia e di clientele – l’appoggio di un esiguo manipolo di elettori.

Con l’introduzione del suffragio universale (maschile) nel 1913 e del sistema elettorale proporzionale nel 1919, il vecchio sistema politico finì gambe all’aria e si affermarono proprio quei grandi Partiti democratici e di massa, quello Socialista e quello Popolare, che si erano battuti contro il Partito dei notabili,  delle clientele, della corruzione e della malavita e dunque, contro il sistema uninominale e maggioritario che lo favoriva.

Tutto ciò è stato dimenticato e non si conosce la storia?

2. E’ il caso del termine “Populismo”. Populista è diventato ormai un termine denigratorio, al limite dell’insulto e della contumelia. Ebbene, si tratta dello stravolgimento e della falsificazione della storia e della realtà prima ancora che del significato lessicale. Il Populismo è stato ben altro. Fu fondato dal grande intellettuale russo Aleksandr Herzen nella metà dell’800, come movimento politico-culturale mirante alla emancipazione e liberazione delle masse contadine dal feudalesimo e dall’oppressione autocratica zarista e alla creazione di una società socialista. Perché scriveva Herzen alla base della vita del popolo russo c’è la comunità rurale con la ripartizione dei campi, col possesso comunista della terra, con le amministrazioni elettive, con l’uguaglianza giuridica di ogni lavoratore.

Mi chiedo cosa c’entri con tutto ciò “il populismo” con cui politici di bassa o mediocre “taglia” e giornalisti pisciatinteris, (sempre pronti a salire sul carro (o tir) dei nuovi Cesari), apostrofano chi si oppone o comunque non vuole rassegnarsi alla miseria del presente e alla restaurazione neoautoritaria in atto.    

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: asu1000
Data di creazione: 12/06/2007
 

BB

 

INNU

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

placebamenteantistene1bici100RedPoison0antropoeticoesetidicessi_checinzia230psicologiaforenseserialsingleRudyComaandraxasu1000irccostruzioniSky_EagleIlbevitoreraffinato
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

GENNARGENTU

 

UN'ISPANTUUUUUU

 

GUSANA

 

GUSANA

 

UN'ISPANTUUUUUU

 

GENNARGENTU

 

GUSANA

 

UN'ISPANTUUUUUU

 

BATTOR MOROS

 

BATTOR MOROS

 

BATTOR MOROS

 

BATTOR MOROS

 

MORI

Questo blog, bilingue ( in Sardo e in Italiano) a disposizione, in modo particolare, di tutti i Sardi - residenti o comunque nati in Sardegna - pubblicherà soprattutto articoli, interventi, saggi sui problemi dell'Identità, ad iniziare da quelli riguardanti la Lingua, la Storia, la Cultura sarda.

Ecco il primo saggio sull'Identità, pubblicato recentemente (in Sardegna, university press, antropologia, Editore CUEC/ISRE, Cagliari 2007) e su Lingua e cultura sarda nella storia e oggi (pubblicato nel volume Pro un'iscola prus sarda, Ed. CUEC, Cagliari 2004). Seguirà la versione in Italiano della Monografia su Gramsci (di prossima pubblicazione) mentre quella in lingua sarda è stata pubblicata dall'Alfa editrice di Quartu nel 2006 (a firma mia e di Matteo Porru).

Frantziscu Casula