Community
 
asu1000
   
 

Truncare sas cadenas

cun sa limba e sa cultura sarda - de Frantziscu Casula.

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 3
 

GUSANA

 

GUSANA

 

UN'ISPANTUUUUUU

 

GENNARGENTU

 

 

ABOLIRE IL 25 APRILE?

Post n°794 pubblicato il 23 Aprile 2014 da asu1000

25 APRILE:ROBA VECCHIA?

di Francesco Casula

Un’orgia e un’onda revisionista, storica, politica e ideologica, montante oramai da anni, vorrebbe abrogare la ricorrenza del 25 Aprile o, per lo meno, una volta sterilizzata, ridurla a rito unanimistico, puramente celebrativo e retorico.

   C’è di più: qualche falsario e cialtrone, autoaccreditatosi  storico, vorrebbe persino cancellare e azzerare l’olocausto e i lager, negandone addirittura l’esistenza. Evidentemente Primo Levi, nei suoi deliri onirici si è inventato Auschwitz e tutti gli storici – dico tutti – hanno fantasticato su ben 900 campi di sterminio e di concentramento disseminati soprattutto in Germania e nell’Europa orientale ma anche in Italia (Fossoli, Bolzano, Trieste, Borgo San Dalmazzo <Cuneo>).

   Si dirà che è roba vecchia, consegnata ormai al passato remoto; che il Fascismo è morto e dunque serve solo all’antifascismo per vivere di rendita, parassitariamente.

   Può darsi. Ma pensiamo veramente che siano morte e sepolte le coordinate ideologiche, culturali e persino economiche e sociali che hanno fatto nascere, alimentato e fatto crescere e vivere il fascismo? Pensiamo sul serio che la cultura – o meglio l’incultura - della guerra e della violenza, del sopruso, della sopraffazione e dell’intolleranza, dell’ipocrisia e del perbenismo, del servilismo e dell’informazione addomesticata e velinara, sia morta per sempre?

  Si dirà che comunque il Fascismo ha realizzato opere meritorie e importanti, ad iniziare dalla Sardegna: può darsi che sia vero anche questo. Ma – a tal proposito – ecco quanto sostiene nella sua bella e interessante “Storia della Sardegna” (pag.914) Raimondo Carta-Raspi:”Anche della Sardegna appariranno, in libri e riviste, descrizioni e fotografie delle” opere del regime” durante il ventennio. Favole per l’oltremare, per chi non conosceva le condizioni dell’Isola. V’erano sempre incluse la diga del Tirso, già in potenza dal 1923, le Bonifiche d’Arborea, iniziate fin dal 1919 e perfino il Palazzo comunale di Cagliari, costruito nel 1927. Capolavoro del fascismo fu invece la creazione di Carbonia, per l’estrazione del carbone autarchico, che non doveva apportare alcun beneficio all’Isola e doveva costare centinaia di milioni e poi miliardi che tanto meglio si sarebbero potuti investire in Sardegna, anche per la trasformazione del Sulcis in zona di colonizzazione agraria…più volte Mussolini aveva fatto grandi promesse alla Sardegna e aveva pure stanziato un miliardo da rateare in dieci anni. Era stato tutto fumo, anche perché né i ras né i gerarchi e i deputati isolani osarono chiedergli fede alle promesse”.

   Che si continui dunque nella celebrazione del 25 Aprile come Festa della Liberazione ma soprattutto come momento e occasione di studio, di discussione sul nostro passato che non possiamo né rimuovere, né recidere né dimenticare. Dobbiamo anzi disseppellirlo, non per riproporre vecchie divisioni e steccati ormai anacronistici e superati ma per creare concordia e unità: però nella chiarezza.

   Per i morti, per tutti i morti non possiamo che nutrire e riversare tutta intera la nostra pietas cristiana: ma per favore senza metter sullo stesso piano oppressi e oppressori; chi si batteva per la libertà e chi invece ce  la voleva togliere ed eliminare. Tener viva la memoria, la verità significa ricordare a chi lo dimentica e a chi non l’ha mai saputo che la RSI fu uno stato fondato sulla tortura, sulla persecuzione razziale e politica, sulla distruzione fisica degli avversari, sulla delazione: Né sessanta né cento anni bastano a cancellare tutto questo.

   Soprattutto disseppelliamo e valorizziamo tutta la pluralità antifascista, le molte componenti del movimento antifascista, il suo carattere plurale e internazionale. Alla guerra di Spagna per esempio parteciparono anche antifascisti americani che formarono il battaglione “Lincoln” (Claudio Natoli) senza ridurla alla Sinistra: quella –ad iniziare da quella giovanile espressa nell’ambito della Chiesa cattolica e della chiesa protestante sturziana e quella liberale di Gobetti, l’intellettuale lucido e brillante morto a Parigi per i postumi di un’aggressione fascista a colpi di bastone; quella azionista dei fratelli Nello e Carlo Rosselli, colti e suggestivi intellettuali, eroi della libertà, ugualmente massacrati da sicari di Mussolini in Francia il 9 Giugno 1937..

   Ma in modo particolare disseppelliamo e studiamo gli eroi sardi della libertà e dell’antifascismo: da Gramsci a Lussu, da Bellini a Puggioni, a Efisio Melis, il primo martire sardista antifascista che – scrive Salvatore Cubeddu in “Sardisti, vol.1°, pag.552” – “Il 26 Novembre del 1922 viene ferito a morte da un fascista a cavallo, che gli conficca nel petto la lancia del gagliardetto, davanti al quale il giovane di Monserrato si era rifiutato di togliersi il capello”.

O questa storia dobbiamo dimenticarla, magari per giustificare e avallare la miseria politica e partitica del presente? 

 

 

 

 
 
 

28 ABRILI: SIGNIFICADU ISTORICU E SIMBOLICU DE SA DIE DE SA SARDIGNA

Post n°793 pubblicato il 23 Aprile 2014 da asu1000

SIGNIFICADU ISTORICU E SIMBOLICU DE SA DIE DE SA SARDIGNA

de FRANTZISCU CASULA

Pro amentare sa dispidida de sos Piemontesos est nàschida ”Sa Die, giornata del popolo sardo” – ma deo prefèrgio a li nàrrere “Festa natzionale de sos Sardos” – cun sa lege n.44 de su 14 Cabudanni de su 1993. Cun issa sa Regione Autònoma de sa Sardigna at chertu istituire una die de su pòpulu sardu, de tzelebrare su 28 de Abrile de cada annu, in ammentu – fia narende- de sa rebellìa populare de su 28 de Abrile de su 1794, est a nàrrere de sos “Vespri sardi” chi nch’ant giutu a s’espulsione dae Casteddu e dae s’Isula de sos Piemontesos e de àteros istràngios fideles a sa corte sabauda, inclùdidu su Vitzeré Balbiano chi nemos podiat bìdere.

Su problema chi oe tenimus in dae in antis, a livellu mescamente culturale, no est tantu su de torrare a pònnere in discussione sa data o, peus, su balore matessi de una “Festa natzionale sarda”, ma de non nche la torrare a unu ritu ebìa, a una vacàntzia iscolàstica ebia o a un’eventu petzi folclòricu e de festa.

Su problema est su de la cambiare in un’ocasione de istùdiu –mescamente in sas iscolas – de s’istòria e de sa cultura sarda, de cunfrontu e de discussione collettiva e populare, pro cumprèndere su chi semus istados, su chi semus e cherimus èssere; pro difèndere e isvilupare s’identidade nostra e sa cussèntzia nostra de pòpulu e de natzione; pro gherrare pro una Comunidade moderna e soverana, chi siat bona a pònnere in campu s’orgògliu e su protagonismu de sos Sardos, detzisos, in fines, a otènnere unu riscatu, o siat unu tempus benidore de ditzosidade e de bonistare, lassende·si in palas sa rassignatzione, sas lamentas, sos prantos e sos cumplessos de inferioridade e aende s’ànimu de “nche bogare” sos “Piemontesos noos” o romanos o milanesos chi siant, non prus pagu barrosos, prepotentes isfrutadores e “tirannos” de cussos dispididos dae Casteddu su 28 de Abrile de su 1794.

“Fu un momento esaltante – at iscritu Giovanni Lilliu – fu un’azione, poi bloccata dalla reazione “realista”, tesa a procurare un salto di qualità storica. Fu il tentativo di ottenere il passaggio da una Sardegna asservita al feudalesimo ad una Sardegna libera, fondando nell’autonomia, nel riscatto della coscienza e dell’identità di popolo una nuova patria sarda, una nazione protagonista”.

Semper e cando, lassende a un’ala totu custu e s’eventu particulare, su chi contat oe est su balore simbòlicu de autocussèntzia istòrica e de fortza unificante. Perunu torròngiu in palas nostàlgicu o risentidu cara a su tempus coladu, duncas: ma su tempus coladu sepultadu, cuadu, rimòvidu, si tratat, in antis de totu, de nche lu tirare dae suta de terra e de lu connòschere, a manera chi diventet fatu nou chi intèrrogat s’esperièntzia de su tempus atuale, pro pònnere fronte a su tempus presente in s’atualidade drammàtica sua, pro definire un’orizonte de sensu, pro nos situare e pro abitare, abertos a s’alenu suo, su mundu, gherrende contra a su tempus de s’ismèntigu. Unu tempus coladu chi –pèrdidu petzi in aparièntzia- tocat de l’agatare ca est durada, eredidade, cussèntzia. In issu, infatis, si inferchit su balore de s’’Identidade, no istàticu e tancadu, non memòria cristallizada ma patrimòniu chi benit dae largu e fundamentu in ue fàghere falare aportos noos de culturas, de bidas individuales e sotziales chi determinant semper identidades noas

Su messàgiu de Sa die est diretu mescamente a sos giòvanos e s’ocasione istòrico-culturale est destinada in antis de totu a sos istudentes, pro chi otèngiant sa cunsapevolesa de apartènnere a un’istòria e a una tzivilidade e de ereditare unu patrimòniu culturale, linguìsticu, artìsticu e musicale, ricu de siendas de elaborare e cunfrontare cun esperièntzias e propostas de unu mundu prus mannu e cumplessu. In ue, moende dae raighinas seguras e frunidos de alas fortes, potzant bolare in artu: sos giòvanos e non solu .

 
 
 

Presentazione della Letteratura e civiltà della Sardegna di Francesco Casula a Quartu

Post n°792 pubblicato il 22 Aprile 2014 da asu1000

Mercoledì 23 aprile alle ore 17 a Quartu Sant’Elena (Università della Terza Età, Aula Magna, Viale Colombo, 169) verrà presentata la  Letteratura e civiltà della Sardegna

 

L’opera di Francesco Casula, Letteratura e civiltà della Sardegna, (Edizioni Grafica del Parteolla) in due volumi, propone  un itinerario stori­co-letterario che partendo dalla nascita della lingua sarda e dai primi docu­menti in volgare sardo arriva fino ai nostri giorni.E si tratta di una Letteratura sarda che risulta autonoma, distinta e diversa dalle altre letterature. E dunque non una sezione di quella italiana: magari gerarchicamente inferiore . Non “dialettale” dunque ma letteratura nazionale sarda con un suo percorso, un...a sua ragione, suoi caratteri e segni peculiari e specifici.

Nell’opera potremmo vedere che dalle origini del volgare sardo fino ad oggi, non vi è stato periodo nel quale la lingua sarda non abbia avuto una produzione letteraria. Certo, qualcuno potrebbe obiettare, che essa, rispetto ad altre lingue romanze, ha prodotto pochi frutti: può darsi, ma – dato e non concesso – si poteva pensare che un cavallo per troppo tempo tenuto a freno, legato  imbrigliato e impastoiato potesse correre?

Il criterio della selezione e la scelta degli Autori non è stato comunque la lingua utilizzata: per cui ci sono Autori che scrivono anche in Latino, Catalano, Castigliano, Italiano.

Perché – scrive Casula nella prefazione all’Opera –  Una Letteratura sarda esiste se, come ogni letteratura, ha i tratti universali della qualità estetica e se, in più è  «specifica», non tanto per questioni grammaticali e sintattiche, quanto per una questione di Identità”  E dunque “che gli autori sappiano andare per il mondo con pistoccu in bertula, perché proprio in questo andare per il mondo, mostrano le stimmate dei sardi e, quale che sia lo scenario delle loro opere, vedono la vita alla sarda”.

Il primo volume tratta degli Autori che formano le fondamenta della nostra letteratura: Antonio Cano, Sigismondo Arquer, Girolamo Araolla, Gian Metteo Garipa e Fra Antonio Maria da Esterzili fino a Efisio Pintor Sirigu, Francesco Ignazio Man­nu, Diego Mele, Peppino Mereu, Gianbattista Tuveri, Antonio Gramsci e Emilio Lussu. Tra i romanzieri del 1900-2000 figurano Deledda, Salvatore Satta e Giuseppe Dessì. Per racconta­re il banditismo e la società del males­sere, i codici 'barbarìcìni e i suoi ana­listì, vengono indicati Piglia­ru, Pira e Fio­ri. Sebastiano Satta con Salvatore Cambosu, è l'autore in lingua italiana inserito nel capitolo sulla letteratura identitaria del 1900-2000; mentre tra i poeti in lingua sarda fi­gurano Montanaru e Pedru Mura.

Il secondo volume inizia con gli scrittori bilingui Benvenuto Lobina, Francesco Masala, Antonio Cossu,  Franco Fresi (in Gallurese).

Fra gli scrittori in lingua italiana emergono Antonio Puddu, Michele Columbu, Nereide Rudas, Eliseo Spiga, Giulio Angioni, Bachisio Bandinu, Salvatore Niffoi, Sergio Atzeni, Michela Murgia, Flavio Soriga.

Fra quelli invece in lingua sarda sarda Aquilino Cannas, Franco Carlini, Gianfranco Pintore.

Tre poetesse in lingua sarda concludono la Letteratura: Maddalena Frau, Paola Alcioni e Anna Cristina Serra.

 

 

 

 
 
 

Sardus Pater

Post n°791 pubblicato il 01 Aprile 2014 da asu1000

 

L'associazione culturale ITAMICONTAS organizza per giovedì 3 aprile (ore 17, Biblioteca circoscrizionale di Flumini di Quartu) la presentazione di Sardus Pater, una favola sulla civiltà nuragica scritta da Vincenzo Mereu e pubblicata dall'Alfa editrice. A commentarla e illustrarla sarà Francesco Casula che ha scritto la prefazione. Eccola.

 

Prefazione a SARDUS PATER di Francesco Casula

De te fabula narratur, Sardinia: si parla di te, Sardegna, in questa bella e suggestiva favola Sardus Pater, di Vincenzo Mereu. Della tua storia, della tua civiltà: quella preistorica: prenuragica e nuragica. Una favola bella che ci riporta al mondo delle origini, a uno splendido passato di bellezza: che ci lascia un'impressione di letizia, come se avessimo attraversato un paese amabile e felice. Il periodo prenuragico e nuragico "al tempo del Sardus Pater", è infatti visto descritto cantato  celebrato rappresentato e  dipinto come  l'età dell'oro, arcano e felice,  solcato com'è da lampi di magia che creano nel lettore stati d'incanto, con "Le meraviglie della Terra e della Natura", soprattutto a confronto con il buio del presente, in cui "l'uomo moderno ha devastato la Natura e la Terra" . E' il periodo in cui "i cavernicoli, così chiamati perché per millenni abitavano nelle caverne, stanchi di mangiare sempre l'erba dei campi e carne degli animali che cacciavano" pregano Giove perché mandi loro "cibo più saporito". Giove li ascoltò, scese la dea Cerere per portare "un chicco di grano". Che sepolto darà vita a tante spighe. E poi alla mietitura (sa messadura), alla trebbiatura (sa trebadura) nell'aia (s'arzola): in cui il grano veniva predisposto per il calpestio da parte del bue o del cavallo "aspettando che arrivasse il vento per separare la paglia dai chicchi". E infine alla farina, inizialmente "schiacciando i chicchi di grano con grosse pietre", in seguito con "la mola fatta girare da un asinello, aiutato anche da un cavernicolo con un lungo bastone".Farina che impastata e cotta sopra grosse pietre infuocate, "sarebbe diventata il cibo che avrebbe sfamato tutta l'umanità per secoli e millenni e per sempre". Ma la metamorfosi dei cavernicoli avviene con la discesa di Sardus Pater in "una notte illuminata a festa da una splendida Luna 'argento"."Fonderò - proclamerà il Sardus Pater una nuova civiltà e voi non abiterete più nelle caverne, ma io vi insegnerò come costruire grandi case, come non ce ne sono in tutto il mondo, che dureranno per millenni. Fonderemo la società umana in cui ciascuno vivrà felice nella fratellanza e nell'amore".E così - aggiungo io - nascerà la civiltà della sovranità comunitaria, che non costruisce città ma villaggi, perché la città è ostile alla terra, agli alberi, agli animali.E si affermerà la civiltà della gestione comunitaria delle risorse, della democrazia, dell'egalitarismo, dei rapporti amichevoli con gli altri popoli del Mediterraneo. La civiltà che rispetta l'ambiente, la natura, gli equilibri dell'ecosistema, della terra perché essa non ci appartiene e siamo noi che le apparteniamo, siamo solo i suoi figli e non i suoi padroni. La civiltà che identifica la Comunità e la Nazione sarda con i suoi nuraghi: Migliaia di nuraghi: 8.000 secondo le fonti ufficiali dell'Istituto geografico militare, che però li censisce secondo modalità militari e non archeologiche; 20.000 secondo Sergio Salvi e 25--30.000 secondo altre fonti non ufficiali. Costruzioni megalitiche tronco-coniche dalle volte ogivali con scale elicoidali; pozzi sacri, betili mammellari, terrazze pensili, androni ad arco acuto. Migliaia di nuraghi che sono monumenti alla libertà, all'egualitarismo, all'autonomia, all'indipendenza delle singole comunità.E con i Nuraghi innumerevoli dolmens e menhir, migliaia di statuette e di navicelle di bronzo, monili e gioielli, d'oro e d'argento. E innumerevoli vasi. Con un'economia dell'abbondanza: di carne, pesce, frutti naturali. Un'economia che produce oro, argento, rame, formaggi, sale, stoffe, vini. O, come almanacca Vincenzo Mereu in Sardus Pater, "frutta, formaggi, caraffe di vino e ogni cosa prelibata". Ma anche la musica delle launeddas:"per rendere più gioiose le danze e le feste popolari nei secoli avvenire". Al cui suono, la comunità del villaggio, tott'umpare si pesat a ballare."Ma - conclude Mereu - purtroppo dopo secoli e millenni, la civiltà nuragica scompare, messa in fuga dalla civiltà moderna che ha portato con sé comodità e ricchezza....ma anche l'inquinamento e il disastro ecologico, guerre con milioni di vittime innocenti e immani sciagure".La (in)civiltà dell'Ordigno contrapposta alla civiltà dell'Organismo (per utilizzare una potente metafora dell'intellettuale sardo Eliseo Spiga) comunque non prevarrà: "Sardus Patrer torna sulla Terra e incatena i guerrafondai e distrugge tutti gli strumenti e le armi che sono servite per le sciagure umane. La pace ritorna e l'Umanità esulta per l'opera dei dio che restituisce la gioia a tutti gli uomini"E' il messaggio finale della favola Sardus Pater di Vincenzo Mereu.Tutte fantasie? Si tratta solo di lacerti lirici e onirici? Di struggente nostalgia per un antico splendore? Di una favola - sia pure bella - che Mereu sogna, invoca, almanacca, come una necessità fantastica e biologica, ma pur sempre una favola? L'invocazione di un mondo salvo e salvifico, di una tana, di un'arca di Noè per salvarci dalla disumanizzazione di una realtà dominata dall'Ordigno? Certo, può darsi.. E comunque se di favola si tratta, è una favola che parla di noi, di noi sardi e di noi uomini e donne del 2013. Dei nostri problemi e delle nostre ossessioni ma anche delle nostre aspirazioni e delle nostre speranze.

 

 

 

 
 
 

Letteratura e civiltà della Sardegna

Post n°790 pubblicato il 23 Marzo 2014 da asu1000

2014-04-^^Letteratura e civiltà della Sardegna 

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: asu1000
Data di creazione: 12/06/2007
 

BB

 

INNU

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

asu1000datum_per_formamulisse1052maandraxsoffioevitaNASCOSTAMENTEdeosoeblanche.ftobias_shuffleDJ_Ponhzidolceluna.12Lylandrakaren_71psicologiaforenseFenice_A_ngela
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

GENNARGENTU

 

UN'ISPANTUUUUUU

 

GUSANA

 

GUSANA

 

UN'ISPANTUUUUUU

 

GENNARGENTU

 

GUSANA

 

UN'ISPANTUUUUUU

 

BATTOR MOROS

 

BATTOR MOROS

 

BATTOR MOROS

 

BATTOR MOROS

 

MORI

Questo blog, bilingue ( in Sardo e in Italiano) a disposizione, in modo particolare, di tutti i Sardi - residenti o comunque nati in Sardegna - pubblicherà soprattutto articoli, interventi, saggi sui problemi dell'Identità, ad iniziare da quelli riguardanti la Lingua, la Storia, la Cultura sarda.

Ecco il primo saggio sull'Identità, pubblicato recentemente (in Sardegna, university press, antropologia, Editore CUEC/ISRE, Cagliari 2007) e su Lingua e cultura sarda nella storia e oggi (pubblicato nel volume Pro un'iscola prus sarda, Ed. CUEC, Cagliari 2004). Seguirà la versione in Italiano della Monografia su Gramsci (di prossima pubblicazione) mentre quella in lingua sarda è stata pubblicata dall'Alfa editrice di Quartu nel 2006 (a firma mia e di Matteo Porru).

Frantziscu Casula