Creato da algori il 31/01/2007

quello che sono

Storie di tutti i giorni

 

 

« OCCHI CHIUSIIL NIENTE »

E' NATALE

Post n°167 pubblicato il 19 Dicembre 2011 da algori

E’ già arrivato il natale. Sarà speciale davvero quest’anno. Fino a poco tempo fa lo vedevo come una festa non mia, un qualcosa che arriva ogni anno come sempre, come l’autunno e l’inverno. Quasi senza senso, solo occasione per scambiarci regali e auguri, spesso e volentieri, non sentiti ma solo dovuti. Termine usuale in questo periodo, il natale è solo una festa consumistica. Ed invece…… Provate a pensarsi un solo istante. Presi dal lavoro, dai mille impegni, dalle cose di tutti i giorni, che riempiono oltre misura la Vostra giornata. Il Natale è un qualcosa in più, che spesso rende ancor più frenetica e pesante la Vostra giornata. Si certo, buoni sentimenti, buone parole, la fede, la nascita di Gesu’. Ma dentro di Voi se ci pensate, hanno senso davvero queste parole??. Ora provate a fermarvi un’attimo. Io mio malgrado l’ho dovuto fare davvero vista l’attuale situazione di non impiego. Fermatevi e togliete tutto ciò che ogni giorno riempiva le vostre giornate. Il lavoro, le mille cose da fare, le cose mai fatte e che per la vita frenetica non siete riusciti a fare. Ecco, togliete tutto…. E vi sembrera non sia rimasto nulla. Ma nulla davvero a cui aggrapparvi. Perché ogni cosa da fare l’avete già fatta. Perché al telefono nessuno più vi cerca. Ogni commissione, ogni pensiero o progetto per il futuro è di colpo svanito. Ecco, se siete riusciti a ricostruire nella vostra mente questa situazione, inserite nel bel mezzo di questa stanza vuota che è la vita che vi rimane il NATALE. Con tutte le sue luci, la magia e la voglia di vita che è simbolo della nascita di gesu’. Quella capanna di poveri pastori, che risuona a festa, nonostante il nulla che li circonda. Questo sarà il natale 2011. Nel vuoto che mi circonda, questo è il mio presepe. I miei ricordi di bambino che per anni sono stati sovrastati dagli impegni di lavoro e dai problemi di tutti i giorni. Quando mio padre mi svegliava alle 4.30 del mattino per andare nei cantieri aperti sulle strade a prendere i sassolini da mettere sul presepe, e dedicava l’intera vigilia a preparare un presepe sontuoso pieno di statuine e casette, montagne, laghetto, alberi, muschio, luci in ogni dove. E noi bambini incantati a guardare ed ammirare la bravura del nostro papa’.

Ora sono io quel papa’, e dedico questo natale alla mia famiglia, e regalero’ loro un papa’ più buono, affettuoso, sereno e sorridente (nonostante tutto), perché altro di più quest’anno non potro’ loro offrire. E faro’ dolci ogni giorno se possibile, pizze, festa, coccole, abbracci, parole……..

Faro’ di tutto perché questo Natale si imprima nei loro ricordi con un sorriso…….

Buon Natale a tutti voi. Che sia felice, sincero, profondo come il mio.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/ALGORI/trackback.php?msg=10905024

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
io_ribelle
io_ribelle il 28/12/11 alle 17:25 via WEB
Ti auguro di accogliere l'anno nuovo con tutti i tuoi sogni e le cose belle che ti hanno accompagnato fino ad oggi, e di aprire il tuo cuore a tutte quelle che verranno e che sapranno renderti felice. Auguri di buon anno di cuore.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

il sogno nel cassetto

 

UN GRANDE UOMO

Anche per me, la fede, ha gli occhi ed il coraggio di quest'uomo

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lariraalgorimeavigliaddeinuovamente_IoLESCLUSIVASermitNnKiedereKiSnMikansElisbvbtendesoloperte155lietofine1les_mots_de_sablemicina700ladolcessenza
 

VORREI ESSERE LASSŁ