Community
 
marcoaureli...
Profilo
Blog
Sito
Foto
   
Creato da: marcoaurelio78 il 01/06/2010
VIAGGIO NEI PENSIERI DELLA MIA ANIMA ...

Ultime visite al Blog

Scia_della_cometaPiperitaoMenta0psicologiaforensefico_vintageficobastardoneTwoSunsetsblumannaromarcoaurelio78tiffany2021agente47_2011elektraforliving1963In_Chiave_di_ViolinoPorn.In.The.IueseiiiSky_Eagle
 
Citazioni nei Blog Amici: 116
 
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Messaggi del 25/05/2012

 

Lettera ad un bambino mai nato

Post n°598 pubblicato il 25 Maggio 2012 da marcoaurelio78

Ciao gioia mia,

sono la tua mamma. In questi giorni penso tanto a te, alla mia scelta di non metterti al mondo. Ci penso perché mi domando se mi pentirò di questa decisione, e sono certa che arriverà un momento in cui probabilmente sarà così. In cui mi dirò che si, è stata una scelta libera la mia e del tuo papà, ma che comunque mi sono persa di averti visto nascere, crescere e diventare un adulto.

C'è stato un momento in cui, una decina di anni fa, avevo iniziato a volerti, anche se non c'erano molto le condizioni. Però ti volevo non perché volessi te e basta, ma perché in verità mi ripetevo continuamente che io sarei stata una madre migliore della mia. In sostanza volevo riscattarmi. Poi ho capito che non era un motivo sufficiente.

Te l'ho già detto una volta, non pensare che io non ti voglia perché sei tu. Il fatto è che sono io che non me la sento, che non ho voglia e che preferisco godermi la mia vita invece che correre dietro a te. In tanti mi dicono che sono un'egoista, ma sinceramente non me ne importa. Credo che non mettere al mondo un figlio per scelta non sia un atto di egoismo, ma solo una presa di coscienza personale. E, se fatta serenamente, non vedo dove stia il problema.

Tu penserai: "Ma allora, se non mi vuoi, che cavolo mi parli a fare?". E hai anche ragione. Ti parlo perché, anche se non verrai mai al mondo, tu sei comunque una parte di me e lo sarai sempre.

Molto spesso sorrido quando sento dire che una donna, o meglio una coppia, senza figli non è completa. Sorrido perché penso che non ci sia illusione più grande, e perché secondo me tanti problemi che ci sono in molte famiglie moderne derivano proprio da questi concetti. Un figlio non è un completamento. E' una persona. E come tale va trattata.

Sai, il punto è proprio questo: che io mi sento completa già di mio, e con tuo papà mi sento poi completissima. Noi andiamo già bene così. Lo so che magari da comprendere è difficile, così come da spiegare. E magari le parole sono pure riduttive. Però è così. E di questo sono contenta, perché se mai un giorno (a breve ovviamente, visto che l'età anagrafica avanza) dovessimo cambiare idea e decidere di averti, sarà solo perché desideriamo conoscerti. E per nessun altro motivo. Nessun'altra "condizione".

Le mie parole probabilmente ti sembreranno dure, ma è esattamente quello che penso. Troppe volte vedo donne che non hanno più una vita in nome dei figli, o coppie che manco più si parlano. Genitori che pensavano che i figli avrebbero fatto da collante e risolto i loro problemi e invece si ritrovano con in mano una situazione esattamente opposta. E i primi che ne soffrono sono proprio quelle povere creature.

In ogni caso, ti prometto solennemente che semmai dovessimo decidere di farti vivere in questo mondo, il tuo seggiolino verrà messo sulla mia macchina . Onde evitare che tu scambi la Terra per un surrogato di Cape Canaveral ...

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso