Creato da illuminailcuore il 04/09/2007

PAROLEIMPROBABILI2

tutto ciò che ci è tenuto nascosto.

 

 

il razzismo sta tornando tristemente di moda

Post n°47 pubblicato il 28 Maggio 2008 da illuminailcuore
 

DON ZENO SALTINI : LA CROCEFISSIONE DEI POPOLI POVERI è TORNATA DI MODA.

  NOTA: (SE NON VI VA DI LEGGERE TUTTO, LEGGETE SOLTANTO LE COSE SCRITTE IN GRANDE)

Don zeno saltini

 

La vita avventurosa di Don Zeno Saltini, il sacerdote fondatore della comunità di Nomadelfia, viene rievocata su Rai Uno con Giulio Scarpati protagonista, per la regia di Gianluigi Calderone.

Don Zeno l'uomo di Nomadelfia racconta in due serate per la tv l'avventura umana di un prete che per salvare i bambini abbandonati nella miseria e nella disperazione e farli diventare persone libere e oneste, dovette fare i conti con due guerre, con il fascismo, con il nazismo, con la democrazia, con la Chiesa. E con se stesso.

Zeno Saltini era nato in un paese agricolo dell'Emilia nel 1900. La sua famiglia era cattolica. Il nonno, in contraddizione con i tempi, aveva trasformato il suo vasto podere in una comunità dove non si faceva differenza fra padroni e dipendenti. Veniva da questo insegnamento la vocazione di Zeno per la vita religiosa e per la difesa dei più deboli, soprattutto dei bambini.

Dopo la terribile esperienza della Grande Guerra (aveva diciotto anni) Zeno abbandonò la famiglia, lasciò con dolore la ragazza che amava, prese i voti e si dedicò alla fondazione di una piccola comunità cristiana simile a quelle di quasi duemila anni prima, dove tutti erano figli di tutti, e tutti erano genitori di tutti. E lo fece con l'entusiasmo e l'allegria di chi ama la vita ed è pronto a battersi per le sue idee; non solo con il buon esempio, ma anche adoperando le mani in modo battagliero. Se c'era da fare a pugni, Zeno non si tirava indietro.

Prima dovette scontrarsi coi latifondisti, poi fu perseguitato dai fascisti (subì anche un processo dal Tribunale Speciale). Durante la seconda guerra mondiale, quando metà dell'Italia era occupata dagli Alleati Occidentali e metà dai nazisti, traversò con grandi rischi la linea del fuoco, fra morti e macerie, raggiunse il Sud ormai libero, e da lì – militante della propria fede – marciò con i Liberatori verso il Nord, cioè verso il suo piccolo paese, per riportarvi la democrazia.

Fu una delusione. Gli amici di un tempo erano diventati rivali fra loro, sostenendo tesi politiche contrapposte e interessi non precisamente onesti. Il senso della solidarietà si era perduto.

 

“al buio del cinema siamo tutti uguali, quando poi ritorna la luce dovremmo avere il coraggio di rimanerci tutti uguali”

 

“odio dare la comunione! Mi piacerebbe dare ai ricchi impettiti delle ostie di cuoio in maniera che queste non si sciolgano e vedere costoro che per superstizione, e non certo per vero amore e rispetto nei confronti di Dio, se le tengono in bocca. Invece ai poveri dimagriti darei delle ostie al miele”

 

“non basta dare al prossimo il superfluo, bisogna dare amore e amore significa saper rinunciare alle proprie cose per il bene del prossimo e non limitarsi a donare il superfluo“ (parabola l’obolo della vedova)

 

“dalle persone cattive non possono uscire buone parole”  ( solo ipocrisie)

 

CHI ERA:

 

Zeno, obbedientissimo ribelle - Truffatore per il Ministro degli Interni, eretico per il Nunzio, babbo per 4.000 figli. "

 

. La sua comunità, Nomadelfia, è una proposta di vita senza ricchi e poveri, padroni e servi. Zeno, un uomo che ha scelto per fissa dimora l'utopia : contrario per natura e per grazia. Personalità dirompente, carattere vulcanico, indomato e indomabile, ligio e ribelle.

Prete contadino, pretende arare il Vaticano, convertire il S. Offizio. Attacca, denuncia, scuote le fondamenta di San Pietro: "Le opere di Dio per loro natura portano lo scompiglio nelle coscienze.

 

Un suo chiodo fisso: la santità sociale, dimostrare che il lievito del vangelo trasforma famiglia, lavoro, società; che la fede ci è data solo per fare le cose impossibili: superare i vincoli del sangue, fraternizzare le famiglie, produrre e gestire i beni in comune, creare una nuova società.
. I figli abbandonati di ieri, oggi sono i popoli di nessuno alla deriva del mercato globale. Oggi, egli griderebbe dai tetti della Banca Mondiale: "Bisogna fare i conti con le periferie della storia; o la giustizia è globale o non è giustizia; l'unica maniera per sopravvivere è vivere da fratelli in quanto popoli.

AHHAHAHHA ! INVECE NOI STIAMO DANDO LA CACCIA AL CLANDESTINO, e non solo quello che delinque, anche quello che ha solo la disgrazia di essere povero o nullatenente ! MI VIEN DA RIDERE AHHAHAHAHAH!

Come essere alla pari se vi sono economie giganti ed economie nane? La salvezza o sarà planetaria o non sarà salvezza".

Il mondo oggi come ieri divide il popolo mondiale in due mucchi :Da una parte i popoli arricchiti, dall'altra i popoli impoveriti. I primi sono i popoli ricchi e crocifissori, che crocefiggono, disprezzano e umiliano i poveri, i secondi sono i popoli crocefissi ad opera dei crocefissori e sono appunto i poveri che vengono, anziché aiutati, disprezzati, umiliati, condannati, perseguitati, carcerati ecc ecc…

 

E NON è QUELLO CHE STA SUCCEDENDO IN ITALIA E IN EUROPA? NON SI DA LA CACCIA AL CLANDESTINO SOLO PERCHè è POVERO ?

ANCORA UNA VOLTA LA POVERTA’ è MOTIVO DI CROCEFISSIONE anziché SOLIDARIETà. SI COLPISCONO I POVERI CON LA SCUSA DI APPELLARSI AI MOTIVI RAZZIALI, ALLE GENERALIZZAZIONI DI CHI DELINQUE E FA DIVENTARE TUTTA UNA RAZZA UN DETERMINATO POPOLO.

 

COSTORO CHE SI APPELLANO A FAR GIUSTIZIA SI VANTANO DI UNA GIUSTIZIA CHE NON HA NESSUN SAPORE DI GIUSTIZIA VERA, MA DI CONDANNA DEI POPOLI Più DEBOLI E POVERI.

APPROFITTANDO DELL’OGGETTIVITà DEi fatti di  CRONACA nera ESTENDONO ANCHE AI POVERI EMARGINATI che non delinquono la stessa CONDANNA, INTENDENDO COLPIRE GENTE COMPLETAMENTE INNOCENTE, CON LA SOLA "COLPA" DI ESSERE POVERA.

accade in questi giorni :

"Le paure di un aumento d’intolleranza nei confronti degli immigrati in Italia cresce dopo che un gruppo mascherato armato di bastoni si è scatenato in un quartiere multietnico di Roma, spaccando le vetrine dei negozi lanciando insulti.

Nel blitz di sabato durato 10 minuti, il gruppo composto da 10 a 20 uomini ha attaccato un negozio di alimentari di un immigrato indiano e due negozi gestiti da bengalesi; è poi sparito prima dell’arrivo della polizia.

L’attacco accade mentre il governo di Silvio Berlusconi dà il via ad azioni repressive verso l’immigrazione illegale e giorni dopo che la folla ha incendiato i campi degli zingari a Napoli. Lo scorso mese la folla ha dato il benvenuto al nuovo eletto sindato Gianni Napolitano con il saluto fascista, davanti al municipio

Il quartiere Pigneto, dove si è tenuto l’attacco, è tradizionalmente un’area della classe operaia, recentemente occupata anche da immigrati, ma anche da studenti e artisti. Il quartiere è rinomato per la sua coesistenza pacifica.

L’Italia non è una nazione razzista” ha sostenuto il Ministro degli Interni Roberto Maroni del partito anti-immigrati della Lega Nord. “Episodi del genere sono talvolta infiammati dai crimini commessi dagli immigrati illegali”.

"... e sopratutto non è colpa della gente che non sa distinguere tra immigrato delinquente e immigrato onesto o soltanto povero".

“un incredibile ondata di violenza razzista che può solo provocare orrore!

la cosa più schifosa è che sia destra che sinistra stanno strumentalizzando questa realtà.

correggerei l'espressione "l'italia non è un paese razzista...l'italia infatti promette bene di diventarlo, e ancora una volta nella storia ci sarà la guerra tra ricchi e poveri, tra crocefissori e crocefissi, e al posto della fratellanza ci sara' l'orrore del sangue e della rivalità, l'odore delle armi e dei morti!"

l'italia non è un paese razzista...

 
 
 

bullismo : ecco dove ci ha portato l'allergia per la profondità!!!

Post n°46 pubblicato il 05 Maggio 2008 da illuminailcuore
 

I barbari non tengono in gran conto la storia. Ma certo la mossa istintiva con cui rifuggono dal potere salvifico dell'anima ha molto l'aspetto del bambino che evita il tubo di scappamento su cui si è bruciato. E' qualcosa di meno di un ragionamento: è una mossa nervosa, animale. Cercano un contesto (una cultura) in cui un secolo come il novecento ritorni ad essere assurdo, come avrebbe dovuto apparire anche a quelli che lo fabbricarono. E se pensate al surfing mentale, all'uomo orizzontale, al senso disperso in superficie, all'allergia per la profondità, allora qualcosa potete intuire dell'animale che va a cercarsi un habitat che lo tenga al riparo dal disastro dei padri  ( Alessandro Baricco )

I bulli sono lupi che agiscono nella forza del branco ciecamente obbedienti all'istinto della violenza. Umanamente non valgono nulla e la loro anima non ha più alcun respiro, sono morti nell'anima e vivono solo con il corpo che gli serve solo per eseguire ciò che gli detta l'istinto.

I sentimenti non sanno cosa siano, i valori nemmeno, e nemmeno l'amore per il prossimo. Non sanno cosa sia amare, non sanno cosa significa e non vogliono saperlo. Tutto ciò che è poesia li fa fuggire a gambe levate.

Si riconoscono in ideologie portatrici di violenza e di razzismo, perchè in esse ritrovano un canto vicino alle loro pulsioni istintive.

Le loro menti soffrono dell'ignoranza più totale e della mancanza più atroce di ragionamento umano.

La nobiltà d'animo è una grande sconosciuta, rifiutata come la peggiore delle bestemmie.

Al posto della parola costruire concepiscono soltanto la parola distruggere.

Al posto della frase amare la vita concepiscono soltanto volere la morte.

Quando l'essere umano si svuota nella sua anima di sapienza, quando la sua memoria e il suo essere non sono riempiti dal calore che solo le virtù sanno dare, ecco apparire l'imbarbarimento. Ecco che l'umano sparisce e appare il barbaro, appare la bestia che assume le leggi bestiali e istintive del predominio sui simili per ostentare una forza che sa in verità di umana debolezza e di assente intelligenza .

 

 
 
 

25 APRILE 2008 : V DAY 2!!!

Post n°45 pubblicato il 13 Aprile 2008 da illuminailcuore
 
 
 
 

ECCP LA PROVA CHE LA SINISTRA ITALIANA è UN TROIAIO!!!

Post n°44 pubblicato il 10 Aprile 2008 da illuminailcuore
 
Foto di illuminailcuore

 
 
 

la sinistra è amica degli stranieri quanto è nemica dei cittadini italiani

Post n°43 pubblicato il 08 Aprile 2008 da illuminailcuore
 

Con che coraggio LA SINISTRA PARLA ANCORA DI ACCOGLIENZA DEGLI STRANIERI IN ITALIA.

ORMAI LO SANNO ANCHE I MURI CHE ACCOGLIENZA DEGLI STRANIERI STA SIGNIFICANDO SEMPRE DI PIU' DISAGIO E DISCRIMINAZIONE DEGLI ITALIANI.

BASTA CON QUESTA STORIA CHE GLI ITALIANI SONO RAZZISTI, QUANDO è EVIDENTE CHE GLI ITALIANI VENGONO MENO DEGLI STRANIERI.

con che coraggio parlano di accoglienza quando proprio oggi la cronaca ha riportato di nuovo persone anziene assassinate da stranieri dell'est europeo e da rumeni.

Sul sito Bronx italia da me lincato http://videodegrado.blogspot.com/ potete notare in un video come un marmista italiano di Roma è costretti a fallire perchè gli è fiorito intorno al laboratorio un campo nomadi.

Potete anche vedere i video di stranieri che rubano, spacciano, sporcano.

Non mi sembra che noi italiani che andiamo negli altri paesi portiamo un simile degrado, ne che ce lo permettano. Allora noi perchè lo dobbiamo permettere? Perchè dobbiamo ascoltare dei partiti di sinistra che parlano di accoglienza? Vi sembra accoglienza quella che accetta le ingiustizie, i crimini e le iniquità ad opera di extracomunitari?

Questi aprtiti di sinistra hanno un idea immorale di accoglienza, un idea nemica della Patria e dei diritti dei cittadini italiani.

 QUESTO ERA IL DISCORSO PATRIOTTICO E DI NATURA FASCISTOIDE CHE MI SONO DIVERTITO A FARE QUALCEH TEMPO FA, EPRCHè ERA QUESTA LA VOCE CHE è INIZIATA AD ANDARE DI MODA E CHE OGGI STA MOSTRANDO LE SUE VERE FINALITà ! COLPIRE I POVERI E I POPOLI PIU POVERI.

ANCORA UNA VOLTA I POPOLI RICCHI CROCEFIGGONO I POPOLI POVERI ACCUSANDOLI PER LA LORO POVERTà, CHIAMANDO IN CAUSA LA GENERALIZZAZIONE, IL RAZZISMO, ECC ECC. PERCHè SE è VERO CHE TRA I POVERI EXTRACOMUNITARI C è CHI DELINQUE è ANCHE VERO CHE Cè CHI è SOLTANTO POVERO E BISOGNOSO DI AIUTO.

E POI NON TROVATE CHE SE LE COSE TRA ITALIANI E STRANIERI VANNO MALE NON è ALTRO PERCHP MANCA LA FRATELLANZA?

SO CHE A VITERBO UN MAROCCHINO HA APERTO UN BAR E HA ASSUNTO TUTTI ITALIANI! TRA CUI PERSONE ITALIANE IN DIFFICOLTà : E PENSARE CHE UN ITALIANO CHE CHIEDE UN POSTO AD UN ALTRO ITALIANO RICEVE SOLTANTO UN RIFIUTO.

 

 
 
 
Successivi »
 
Puoi trovare altri miei articoli su paroleimprobabili.splinder.com
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

ULTIME VISITE AL BLOG

consurosscento73cervelli.federicacestariracingbraun12provinciadirietiyoukiaborgia1976marcos555sticiute1na_marWAndreaW83frranzmaurodemiansilvio600
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom