Un blog creato da flavia.vizzari il 23/02/2010

artevizzari

dell'artista messinese Flavia Vizzari

 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 
 
 
 
 
 
 

 

 

Maledetti Savoia di Giovanni Piazza

Post n°8 pubblicato il 10 Novembre 2010 da flavia.vizzari
Foto di flavia.vizzari

 
L’esigenza di verità non sia mai tentativo di mettere in discussione l’unità del paese.
E’ però necessario, per meglio comprendere il presente, conoscere quel passato che lo ha generato. Affinchè quella unità possa pienamente e coscientemente arricchirsi anche della consapevolezza dei propri errori.
MALEDETTI SAVOIA?
Risorgimento.
Gloriose pagine di splendide figure patriottiche o sporca guerra di conquista?
Certamente un revisionismo dei vinti non avrebbe motivo di esistere, se non considerando falsate le annessioni plebiscitarie ufficiali con le quali questi ultimi si consegnarono ai vincitori. Mentre la possibilità di accesso a carteggi, inaccessibili per decenni, lascia intravedere abbastanza chiaramente la preesistente volontà di occupare il ricco sud con la sola legittimazione della forza.
Volontà, questa, di un piccolo e retrogrado stato, indebitato da una miriade di guerre regolarmente perdute, e messa in atto da personaggi “padri della patria”, quali Vittorio Emanuele, Cavour, Mazzini e Garibaldi, ognuno dei quali aveva in pessima considerazione gli altri.
E se risponde certamente a verità che il Borbone, come peraltro tutti i regni del tempo, non fu per nulla liberale e tenero con i propri sudditi, risulta altrettanto evidente quanto quella illiberalità ebbe modo di dare il meglio di sè, quando si espresse in savoiardo. Perchè la piemontesizzazione a cui fu costretto il sud, imponendo legislazioni e moneta proprie ed abolendo usi e costumi delle regioni annesse, unificando l’enorme debito di stato a quello praticamente inesistente delle Due Sicilie, innalzando a dismisura il prelievo fiscale (cosicchè il sud pagò di tasca propria la propria liberazione), predando e trasferendo al nord ogni potenzialità che risultò determinante per la nascita di quel polo industriale (le navi dei Florio, trasferite a Genova, costituirono il nucleo principale della Navigazione Generale Italiana, mentre le realtà dello stabilimento di Pietrarsa servirono a far decollare l’Ansaldo), predando il Banco di Sicilia ed il Banco di Napoli delle molto consistenti riserve, confiscando le terre ed i tesori della chiesa ed usando le rendite derivanti dalla loro vendita ad esclusivo vantaggio del nord, praticamente usando delle Due Sicilie allo stesso modo in cui l’usurpatore austriaco aveva usato dell’Italia, creò in pochissimi anni quell’assunto del “briganti o migranti” mai esistito in precedenza.
Assunto, questo, mostratosi triste preludio alla esplosione della questione meridionale che, tuttora irrisolta, continua a deflagrare tra le sventurate avversità del sud. Certo è, peraltro, che se il nostro essere di parte, la parte dei vinti, possa non concedere immediata ed incondizionata credibilità ad una tale ed interessata percezione, anche l’assegnare la patente di neutralità agli storici dei vincitori, che hanno fatto del risorgimento un romanzetto strappalacrime intriso di inenarrabili eroismi e di disinteressati sacrifici, presenti analoghe difficoltà.
Storici che hanno avuto il compiacente servilismo di tacere sulle stragi e sulle deportazioni e che per oltre un secolo hanno nascosto, sotto l’infamante tappetino del brigantaggio, persino il sangue innocente. Ma troppo evidenti sono oramai gli indizi che conducono ad una seria revisione di quella romanzata epopea risorgimentale. E troppo numerosi, i testi che da tempo si dissociano dall’immobilismo sacrale dell’ufficialità. E se quei testi e quegli indizi mostrano già una devastante e devastata realtà, è certo che ancor più devastante sarebbe il liquidarli semplicemente come stupidi sentimenti di rivalsa.
Emblematico, e recentemente venuto alla luce, il carteggio di una lunga e sconcertante trattativa del governo piemontese che chiede a più soggetti di poter disporre di un’isola sulla quale confinare i prigionieri duesiciliani.
Tentativo, questo, che si protrasse almeno fino al 1872 (dodici anni dopo l’annessione), e che apre un ulteriore squarcio sul periodo di terrore e su stragi e deportazioni perpetrate contro intere città. Ponendo l’inquietante interrogativo di quanto numerosi ancora fossero i detenuti nei lager sabaudi (terribile e temutissimo, quello di Fenestrelle). “Briganti” braccati solo perchè fedeli ad un giuramento, o indipendentisti o, semplicemente, picciotti renitenti ad una coscrizione estranea al loro costume, che privava le famiglie delle migliori braccia e le condannava a miseria e disperazione. “Briganti”, talmente numerosi nonostante le continue eliminazioni in calce viva causate da stenti, privazioni, torture e fucilazioni, da rendere necessario il reperimento di un confino che potesse contenerli e totalmente isolarli. “Briganti”, a cui li relega il ruolo di vinti, in quella storia scritta dai vincitori che non si preoccupa nemmeno di dover giustificare le gesta “eroiche” di quei mille, che lo stesso Garibaldi, in parlamento a Torino il 5 dicembre 1861, definisce: «tutti generalmente di origine pessima e per lo più ladra; e tranne poche eccezioni con radici genealogiche nel letamaio della violenza e del delitto».
Emblematico e paradossale, anche in questa desolante evidenza, come la “gloriosa epopea risorgimentale” abbia la criminale spudoratezza di far proseliti “nel letamaio della violenza e del delitto”, e che alla fine, sdegnosamente, non esiti a smentirlo.
Ecco quindi che la miriade di atti in possesso dei vari ministeri, gli archivi dei Savoia, se ancora esistenti, quelli dei Borbone e di mezza Italia e le tante memorie autobiografiche permetterebbero certamente di fare maggiore chiarezza su uno dei periodi più tristi della storia del sud e di far luce sulle accuse di piraterìa e schiavismo rivolte al Garibaldi.
Quel Garibaldi difensore e paladino del popolo, ma accusato di stragi e proprietario di gran parte di Caprera e beneficiario, per il figlio Menotti, di ingenti somme mai restituite al Banco di Napoli. Chiarezza sulle accuse di pavidità al Mazzini, traditore della causa repubblicana. Sulla inettitudine ed ingordigia dell’intera casa Savoia.
Sulla spregiudicatezza criminale di Cavour e di Crispi e sul ruolo determinante della massoneria internazionale. Come pure, sulla incredibile credulità di tanti patrioti.
Uno per tutti il Pisacane, partito come Garibaldi per una spedizione impossibile perchè convinto ad arte che il sud si fosse già sollevato, ma che, molto ingloriosamente, venne massacrato dagli stessi contadini che voleva liberare.
Ben venga, dunque, qualsiasi contributo che serva a ristabilire un briciolo di verità storica, a ridare una postuma dignità a quanti briganti non furono, semmai non lo furono, ed a quanti, in fede, combatterono e resistettero senza l’aiuto di una quinta armata che li conducesse alla vittoria e garantisse loro la qualifica di partigiani.
Se appare ormai certo che i savoia organizzarono annessioni plebiscitarie universalmente riconosciute di nessun valore, è peraltro altrettanto certo che il sud non userà lo stesso iniquo metodo, regale solo nella empia efferatezza.
Ma se ciò, come da più parti traspare, dovesse continuare a rivelarsi, in tutta la sua mostruosità, come un immenso genocidio di massa dei duesiciliani indiani d’Italia, sarà doveroso e comprensibile, allora, che dalle nostre valli torni a levarsi il grido, solo, unico ed indivisibile:
il grido di MALEDETTISAVOIA!

Un siciliano
(Giovanni Piazza)

Una via dedicata ai bersaglieri, a Genova, città che reagì al progetto con la nascita di un movimento popolare spontaneo, ricordando come le truppe sabaude del La Marmora, ed in special modo i bersaglieri, per reprimere la rivolta antisavoia del 1849, cannoneggiassero prima e saccheggiassero poi, perché "non merita riguardo una città di ribelli".
Vittorio Emanuele ringraziò il generale con una lettera, in francese, in cui definisce gli insorti genovesi "una vile e infetta razza di canaglie".
 


Appunti e contrappunti

 


I
Comu a Genova, "Via dei Bersaglieri",
dopu ca la sfascianu già ddi stissi.
Ciàvi centanni ecchiù ma parsi aieri
ca ddu gran sorti di gran re ci dissi:
"Fofò, soggioga a sacco e rappresaglie
la vile e infetta razza di canaglie."
II
Ed il prode La Marmora chi fici?
Prima si li va pigghia a cannunati
poi li fa catafùttiri a pirnici
de bersaglieri e l'autri so' surdati.
Ora però, pi sbergiu e fantasìa
ci vonu dari tìtulu a la via.
III
Pirchì, nga comu ni finì, cca ssutta?
Piazze e vie Garibbaldi a tinchitè.
Si, l'eroe dei due mondi, a dirla tutta
ci fussi di sfunnari l'arritrè
facennu sulu appuntu e contrappuntu.
Comu chi ddici! Comu chi ti cuntu!
IV
Cumpà, quello era un latro di cavaddi
che faceva il pirata bucaniero,
di pilu lungarinu a supraspaddi
pirchì n'oricchia ci mancava vero,
no pi mancanza, ma tagghiata e vvìa
pirchì campava di piratarìa.
V
E a la ranni casata savuiarda
sempri in bulletta e dèbbiti 'nsubbissu
astura s'alliccàssiru la sarda,
pirchì campannu cu ddu chiovu fissu
di sempiterna guerra di cunquista
ci sirviva qualcunu ntrallazzista
VI
pi inchìrisi li cassi strafunnati
e allura cu l'aiutu di li ngrisi,
di du navi e di milli sgangarati,
senza pruvocazioni e senza offisi
e senza mancu dichiarari guerra
pigghiò l'assaltu di sta nostra terra.
VII
E arriparati arrera a li Britanni,
ca sempri lingua ngrisi è Ddiu di guai,
sbarcaru senza botta e senza danni
accuminciannu l'òpira chi sai
e stabilennu sèmplici e pricisi
ca l'Italia la fìciru li ngrisi.
VIII
E milli e milli piastri ci custò
e s'accattò ddi stupiti ufficiali
burbuni e tradituri ca di so'
ci pèrsiru la facci tali e quali
ca ognunu si stuiavanu li mussa
non cuntrastannu la camisa russa,
IX
mentri ddu sicilianu sinciruni,
ca ci parsi d'aiutu spassiunatu,
assicutannu fora a lu Burbuni
prestu scarì la virità di statu
ca ammenzu a stragi di carnificina
iva avanzannu a la garibaldina.
X
E Ciccu prutistò, cu ddu cugginu
piemontisavoiardu, ma Camiddu
risposi a tuono e di pinzeru finu
dichiarànnusi fora e liddu liddu
dissi ca cu la garibbalda truppa
nun ci spartiva chiummu emmancu stuppa.
XI
Ma intantu già l'armata piemuntina
pigghiava postu, mentri a menzu via
iva canciannu l'aria già cchiù fina
e lu culuri di la tirannìa,
scura e nniura di cori e chianu chianu
già russa di lu sangu sicilianu.
XII
A Garibbaldi poi si lu iucanu
ca essennu persunaggiu incontrollàbbili
sùbbitu ci svutò ripubblicanu
mentri pi governari in pianta stàbbili
al savoiardo pòrsiru vantaggi
cullabborazionisti e licchinaggi.
XIII
Pirchì stu generali in virità
nun ci assa mai pinzatu a la cunquista
e l'impresa ca si dimostrerà
vincenti ma ridicula a la vista
fu attenta e priparata a tavulinu
di ddu Camiddu ciriveddu finu.
XIV
Peppi, - ci dissi - tutto il meridione
ha misu manu all'arma e cu valìa
ha posto in fuga il pèrfido borbone.
Tu basta ca t'affacci accomusìa
e ti pigghi lu meritu e la gloria
svutannu al savoiardo la vittoria.
XV
E comu lu criaturi Pisacanu
ddu babbu ci cridì, partennu a razzu,
e chiddu ca nun fu colpu di manu
ma sulu di chiù sutta e d'intrallazzu
fu principiu di sorti disgraziata,
sdisulannu stu regnu a na palata.
XVI
E dannu casa a latri e malfattura
dessi la scusa a dda gran testa fina
d'interveniri cu la manu dura.
Sulu ca poi, camina ca camina,
Garibbaldi pinzava, ma a stu puntu
mi pigghiu Roma eppoi ci lu va cuntu.
XVII
Ma testafina lu capì a na botta
ca disturbannu l'aria papalina
s'assa nfuddatu assaidicchiù la lotta
mittennu in forsi puru la rapina
e senza appagnu e chiàcchiri di fera
lu rimannò di cursa a la Caprera.
XVIII
Ma no p'esigliu o pi cunnanna trista
pirchì menza di l'isula era so'
e si suspetta a ffari lu schiavista
si fici il soldo eppoi si l'accattò,
pirchì la patria è patria e sempri sia,
però la proprietà mancu babbìa.
XIX
E' fatta - fece il savuiardo - e allura
sia fatta l'annessioni pi memoria
pirchì l'impresa di sta truvatura
sia già ligittimata di la storia
e allura vota, sìculu, e perciò
sicciài curaggiu vòtici di no.
XX
E seicentu e sissanta e setti frati
l'èbbiru, stu curaggiu smusuratu
e nonostanti li minacci armati
svutanu e rivutanu di ddu latu
lassannu impiritura la memoria
e pigghiannu l'appuntu cu la gloria.
XXI
L'Italia è unita, il popolo è cu mmìa -
dissi lu savoiardu a l'intrallazzu,
e accuminciò cumpleta la razzìa
e li tisori li cugghiva a mazzu
e arricampannu ogni di chi truvava
mancu l'occhi pi chiànciri lassava.
XXII
Ogni cassadominiu cumunali
ca assupirchiò di poi di li sacchiggi
fu sanu sanu siquistratu e tali
sucatu in nomu di rigali liggi
pirchì la ranni e savuiarda panza
nun canusci musura né suttanza.
XXIII
Ogni chiesa di regula spugghiata
giammentri ogni tirrenu papalinu
fu spussissatu, ed ogni tassa isata
a livellu di furtu e di rapinu
sulu pi smusuratu conquibbussu
a lu grifagnu savuiardu mussu.
XXIV
E la terra prumissa fu la fossa,
e la miseria la liberazioni,
mentri l'eterna sìcula sommossa
puru si frammiscata a lampi e troni
nenti ci potti contra a l'armamenti
ca Cadorna calava i cchiù putenti.
XXV
E carzarati a la furesterìa
a Finistreddi mòrsiru a cafolu,
o briganti o migranti, era la via
senz'autru versu di pigghiari volu
sinnò comu briganti di catina
in sempiternu sutta formalina.
XXVI
Pirchì briganti prima nun cinn'era?
Com'è ca poi ci vinni vucazioni?
E ammenzu a tanti chiàcchiri di fera
n'arresta sulu, a centru di questioni,
cirtizza ca ddu nòrdicu sviluppu
si raddrizzò, cunzànnusi lu tuppu,
XXVII
sulu grazi a lu sangu e li tisori
duisiciliani, e ddu risorgimentu
ca ni chiantanu a forza nta lu cori
cantatu nta li libbra a centu a centu
s'addimustrò, liggennuci la lista,
una misara guerra di cunquista.
XXVIII
Comu a Genova, "via dei bersaglieri",
dopu ca la sfascianu già ddi stissi.
Ma essennu nui meridionali e fieri
d'èssiri tali, pi nun dari bissi
è duvurusa nostra volontà
pritènniri sia fatta verità.
Giovanni Piazza
(lo stesso siciliano)

 

 
 
 

Raduno dei siciliani :”30 ottobre, la Sicilia e i Siciliani per lo Statuto”

Post n°7 pubblicato il 02 Novembre 2010 da flavia.vizzari
Foto di flavia.vizzari

Sabato scorso si è svolto a Palermo il Raduno dei siciliani :”30 ottobre, la Sicilia e i Siciliani per lo Statuto”. Lo scopo dell’incontro, nato da un'idea di Santo Trovato che, a metà del mese di luglio del 2010, decise di creare un evento sul social network Facebook dal nome "Cu cci veni a Palermu pi riclamari l'applicazzioni dû Statutu Sicilianu ?" , è stato quello di sensibilizzare l’opinione pubblica verso la mancata applicazione da decenni del nostro Statuto siciliano e di chiedere ai nostri politici, di fare il possibile per giungere ad una giusta applicazione la cui mancanza ad oggi, ci ha privato come regione di ingenti somme, e la cui assenza ha contribuito a segnare negativamente la nostra economia e il nostro sviluppo.

Il nostro Statuto regionale, studiato nelle scuole da sempre, ma i cui studenti e la maggior parte dei cittadini sconoscono la mancata applicazione di esso, è stato approvato da Umberto II il 15 maggio 1946. Il 26 febbraio 1948 la Repubblica Italiana lo recepisce, convertendolo in legge costituzionale.


Ma esso da ben 62 anni ha atteso che i vari governi italiani, succedutisi sino ad oggi, promulgassero i decreti attuativi in maniera da rendere attuabili tutti i suoi articoli, costituzionalmente pattuiti. Dei 43 articoli di cui è composto lo Statuto d'Autonomia della Regione Siciliana, solo per qualcuno di scarso peso e rilevanza è stato promulgato il relativo decreto attuativo.

Intanto la Corte Costituzionale, sostituitasi illegittimamente a partire dal 1957 all'Alta Corte, ha demolito pezzo per pezzo lo Statuto con le sue sentenze unilaterali.

Lo Statuto di Autonomia è il più avanzato tra gli statuti delle regioni autonome. Se realmente applicato, responsabilizzerebbe al massimo la classe politica siciliana in quanto la Regione, a parte una unica entrata statale derivante dal fondo di solidarietà nazionale previsto dall'articolo 38, dovrebbe reggersi su risorse proprie senza alcun tipo di assistenzialismo da parte dello stato centrale. 

Se fossero applicati tutti gli articoli dello Statuto, la Regione Siciliana avrebbe nuove entrate (si pensi, per esempio, a quelle previste dall'articolo 37) tant'è che il bilancio complessivo, da calcoli effettuati da esperti in materia di economia, sarebbe superiore di almeno 7 miliardi di Euro a quello attuale! (Sito : http://www.scl.manifestazionestatutopalermo30ottobre.org/le-ragioni)

Hanno aderito al raduno, molti siciliani provenienti anche da oltre la Sicilia (Abruzzo, Francia ecc…), ed è da evidenziare che i partecipanti non rappresentavano gruppi politici, ma solo liberi cittadini desiderosi di portare avanti i propri diritti, e siciliani impegnati culturalmente e pertanto conoscitori della nostra ricca storia che ci ha da sempre distinti. Tra i presenti anche molti poeti che da decenni si battono per l’unificazione di una koinè che porti anche all’insegnamento nelle scuole della Lingua siciliana. Il lungo corteo di manifestanti ha percorso le vie centrali ed è giunto al Palazzo Reale, sede del Parlamento siciliano, dove dei bimbi hanno simbolicamente consegnato, agli uscieri del Palazzo, alla presenza delle forze della Polizia, un appello a tutta la rappresentanza istituzionale dai siciliani eletta; e sono state declamate anche delle poesie.
Ritenendo lo Statuto di Autonomia della Regione Siciliana uno strumento importantissimo per il nostro sviluppo economico, sociale e culturale e considerando assolutamente necessaria ed improcrastinabile la sua integrale attuazione, si succederanno a questo importante evento nei mesi a venire, e nelle diverse province siciliane, altri raduni volti al medesimo scopo di informare i siciliani ignari e di far valere i nostri diritti evasi dai nostri politici da decenni!

Flavia Vizzari.

http://artevizzari.italianoforum.com

 

Messina, 1 Novembre 2010.

 

 

 

 

 

 
 
 

Chiesa di San Giovanni Battista di Santo Stefano Briga - ME - olio su tela cm. 40x30

Post n°6 pubblicato il 09 Aprile 2010 da flavia.vizzari
Foto di flavia.vizzari

 

 

Il soggetto è la facciata della chiesa più grande del villaggio di Santo Stefano Briga a Messina (S. Giovanni Battista); scelto per evidenziare la storia e l’importanza del luogo.

L'ambiente è la piazza con un bel cielo e gli alberi (fonte di vita) e dei lampioni (fonte di luce).

Due figure si apprestano a entrare in chiesa, con l’uscio aperto in segno di accoglienza, guidati dalla luce della Fede e dalla forza della Croce di Cristo, raffigurata in alto alla sommità della facciata.

L’insieme vuole suscitare anche una emozione di distensione e di pace, il movimento segue la linea di fuga della prospettiva e in verticale si leva in alto, seguendo visivamente il verticalismo degli alberi e del palo delle lampade, verso la Croce.

Antico e moderno è insieme seguendo le tradizioni del luogo, con una fede che va alimentata oggi come ieri.

 

 
 
 

Associazione Virtuale "Arte e Scienza" dal FORUM ASSOCIAZIONE VIRTUALE

Post n°5 pubblicato il 26 Marzo 2010 da flavia.vizzari

Apro questo spazio di discussione per gli amici dell'Associazione virtuale che hanno problematiche di inserimento al nostro Forum, affinchè si possa discutere sui nostri argomenti e coordinarci.

Di seguito l'argomento trattato su cui esprimere il proprio pensiero:

 

 

ASSOCIAZIONE VIRTUALE

 

http://artevizzari.italianoforum.com

 

 

 Qui intendiamo per Arte, tutta l'attività creativa che si realizza per mezzo dei diversi linguaggi artistici, quali l'arte visiva (pittura; scultura; cinema; design ambientale, grafico e oggettuale; spettacolo; fotografia...), l'arte letteraria (poesia, filosofia, scienza, storia, novellistica...) l'arte sonora (musica classica, lirica, popolare; canto; danza...) e tutte le forme d'arte che si possono associare.

http://artevizzari.italianoforum.com/l-associazione-virtuale-f1/cos-e-il-forum-associazione-virtuale-t1499.htm

 

Questa idea di “serata in pizzeria con gli amici dell'Arte”, ha l’intento oltre che di farci incontrare amichevolmente, (sia noi che ci conosciamo da tanti anni in quanto ex della Scuola d’Arte, e sia i poeti e gli artisti, o solo appassionati d’Arte), quello di cercare di unirci in un gruppo di artisti o amanti dell’Arte volenterosi e disinteressati (cioè non interessati per venalità e ambizioni personali), con lo scopo di contribuire a far crescere l'arte e la cultura a Messina, di organizzare manifestazioni aperte a tutti e suggerire nuove opportunità per la nostra città e per il nostro ambiente, e sopratutto per incoraggiare la ricerca scientifica utile a chiarire obiettivamente le cose dell'arte ed elevarne il livello culturale e sociale.

 

Abbiamo già creato lo scorso 8 Luglio un primo incontro al Nadir con Nicola Comunale e l’ass. Salvatore Magazzù, e da quello sono seguite altre “Pizzate d’Arte”… Si vorrebbe, se ci sono le compatibilità realizzative, fondare una associazione Culturale "arte e scienza" (che abbracci anche gli amici oltre lo stretto) da creare con tutti coloro che hanno a cuore, appunto, le cose dell'arte, che ricercano verità obiettive, che desiderano sentirsi affratellati nel collaborare e ad aiutarsi fra di loro, per operare in favore della società umana, della civiltà e della convivenza democratica...

 

Soprattutto desideriamo che la nostra Associazione sia una Associazione squisitamente “culturale” e non “promozionale” dal punto di vista economico e personale per nessuno! La nostra Associazione non deve risolvere problemi economici né promozionali per l'attività professionale, perché non deve avere scopo di lucro alcuno; quindi se si organizza una mostra deve essere all'insegna della conoscenza e della didattica, per il confronto culturale e... non per vendere! Pertanto chi ha interessi per farsi conoscere e per vendere..., dovrà associarsi anche ad altri gruppi e associazioni più adatte a tali esigenze.

 

Gli aspetti di un gruppo sono tanti e per questo motivo, affinchè si possa mettere assieme le idee di tutti, abbiamo invitato già più volte, ad intervenire al nostro Forum di discussione  VIRTUALE http://artevizzari.italianoforum.com

per creare un dibattito libero, aperto e rispettoso della pari dignità di chi interviene, dibattito che abbiamo già avviato da alcuni mesi con lo scopo di cercare risposte chiare, anche senza pretendere che siano definitive, sui tanti luoghi comuni e pregiudizi che rendono confusa e contraddittoria la cultura dell'arte; in quanto molti artisti produttori, specialmente giovani, e sopratutto artisti fruitori, sono oggi disorientati, confusi e diffidenti anche verso i propri compagni di "avventura"...

 

Invitiamo chi lo desidera a scrivere sul Forum le sue proposte, le quali verranno discusse rispettosamente e serenamente con lo scopo di raccogliere ciò che risulta più conveniente in un insieme che costituirà la prima bozza di statuto.

 

Questo nostro gruppo dovrebbe condividere delle norme di comportamento, che rispondano allo spirito dell'associazione che vorremmo creare:

 

SPIRITO dell’ASSOCIAZIONE:

1. Assumere un atteggiamento rispettoso con tutti i soci, ma anche con i non soci, senza sentirsi, ne dare a intendere di sentirsi, superiori o inferiori a nessuno... Evitando anche giudizi non richiesti, ne gratuiti...

2. Mostrare un atteggiamento umile nelle affermazioni delle idee, consapevoli che la nostra ignoranza è quasi illimitata... ricordando che della verità delle cose solo possiamo possedere dei punti di vista parziali e temporali e dobbiamo avere piena coscienza che la verità delle cose è assolutamente indipendente e al di sopra del nostro punto di vista... anche quando sia "scientifico"...

3. Scusarsi semplicemente con i soci e le persone implicate quando si commette un errore e fare ammenda... capire che questo atteggiamento fa onore a chi lo pratica... non diminuisce la dignità, anzi la eleva...

Non assumere atteggiamenti di "lesa maestà" e cedere alla tentazione di "vendicarsi", quando si ricevono delle comunicazioni o azioni che possono sembrare offensive... ma bisogna esporre serenamente le esigenze necessarie per rimettere le cose al loro posto affinché il rispetto reciproco della dignità di ciascuno non venga intaccato neanche in maniera inconsapevole...

 



        Con Nicola Comunale, abbiamo abbozzato anche delle opinioni per redigere un nostro Manifesto, (tramite il quale ciascuno può decidere se condivide o meno i nostri ideali), con contributi originali di opinioni, convinzioni, idee, ricerche, progetti di iniziative culturali e sociali, con la dovuta umiltà intellettuale e apertura mentale. Si tratta, per il momento, di inviare le proposte (nel forum) per elaborare uno statuto, che raccolga tali principi e poi quando tale statuto si considererà terminato dalla maggioranza dei partecipanti, si potrà registrare su carta e chi vorrà confermare la sua adesione potrà firmarlo per entrare tra i soci fondatori (che saranno anche i tutori dello statuto), pagando una quota giusto per coprire le spese legali... prima di portarlo dal notaio, e tutti quelli che si iscriveranno dopo saranno considerati come soci ordinari ...

 

Bozza Manifesto:

 


1. Offrire e ricevere proposte di idee chiarificatrici sull'arte per dare risposte provvisorie e relativamente obiettive, ma accettabili e "rassicuranti", che ci permettano di poter operare
nell'arte con maggiore coscienza e autonomia...

 

2. Ricercare la propria genuinità al di fuori delle mode e delle "correnti" artistiche…

3. Contribuire a fare un pò di luce nel marasma dell'attuale mondo artistico che ci permetta di essere considerati credibili e così poter dialogare con la società in cui viviamo senza "barriere" reciprocamente escludenti...

 

4. Appoggiare la ricerca scientifica per chiarire in modo obiettivo e depurato dalle mistificazioni le cose dell'arte…

5. Migliorare la nostra saggezza artistica e sentirci più uniti alla nostra umanità e a quella degli altri, escludendo sensi di superiorità e di inferiorità perché non hanno motivo di essere...

 

6. Considerarci fratelli nell'arte e aiutarci reciprocamente e non sentendosi antagonisti nei confronti degli altri artisti, nè superiori, nè approfittatori…

 

7. Aspirare ad apprendere continuamente senza mai cessare di farlo, perché la volontà del superamento continuo dei propri limiti è irrinunciabile, sopratutto per la creatività…


8. Depurare le proprie idee da influenze provenienti da altri paesi che pretendono di "colonizzarci" con le loro culture per noi estranee, anche se non ci chiudiamo al confronto aperto e paritario…

 

9. Liberarsi poco a poco dei pregiudizi artistici per recuperare se stessi e le proprie radici ambientali, storiche e culturali…

 

10. Organizzare appelli rispettosi e allo stesso tempo pragmatici sul come migliorare la città, la socialità, i servizi urbanistici, la protezione e fruizione dei beni culturali e naturali, ecc. …

 

http://artevizzari.italianoforum.com/i-progetti-e-le-nostre-proposte-culturali-f40/associazione-arte-scienza-t2087.htm#11568

 

 

 
 
 

Mi verano

Post n°4 pubblicato il 16 Marzo 2010 da flavia.vizzari
Foto di flavia.vizzari

Mis veranos
los paso en la playa
donde el agua es fría fría
y el cielo azul azul
cuando estoy sin compromisos
y mis veranos
son llenos de sol
me lleno de encantamiento
en la playa llena de calor
en medio de las olas
que relucen
de maravillas de luz
y todo es paz
conversación de silencios
bordados sobre el corazón.
Por la noche fresca
en la terraza me relajo
con el olor de la blanca blanca luna
rodeada del azul más claro del cielo
colorandome de esos días
mi pensamiento es libre
en medio de las estrellas
y entre las muchas estrellas
voy buscando
la más preciosa y reluciente
y sobre aquella
reúno mis reflexiones
una por una y las más bellas
como cuando acabando de pintar
veo los momentos
ya vividos en mi corazón
y me siento
pequeña bajo su gran luz
como tan gran es mi emoción
y mientras tanto es otro día ya
y es ya otra noche
de mi verano.

 

versione in lingua spagnola dall'originale in lingua siciliana (Li mei 'stati) inserito nel Libro "... e chiovi" - Edizione del Poggio

 
 
 
Successivi »
 
 
 
 
 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: flavia.vizzari
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 57
Prov: ME
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

sexydamilleeunanottemass.eroticadorole_antailtuonoilgrillociro.emanueledinobarilitombeurdefemme2010scrittocolpevolesem_pli_cezuaro2afamilymanescapefromthepassionIV_L_IMPERATOREblue_jays0ailata76
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

Mi piace molto l'immagine del cavallo, simbolo di...
Inviato da: Anonimo
il 21/03/2010 alle 19:00
 
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom