CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Messaggi del 04/05/2012

Leopardi, Martone e l'elogio del rischio

Post n°579 pubblicato il 04 Maggio 2012 da arieleO
 

Il primo e non trascurabile merito di Mario Martone - in quanto regista dell'allestimento basato sulle «Operette morali» di Leopardi e adesso presentato all'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici - sta nell'averlo pensato e realizzato, questo spettacolo: perché proprio il teatro (ad onta che, nella circostanza, adotti un testo letterario) può costituire il mezzo più adatto per individuare e illuminare i temi decisivi messi in campo dal poeta di Recanati.
   Le «Operette morali» nascono, fondamentalmente, dal fatto che Leopardi - approssimandosi il 1824, l'anno in cui, fra gennaio e novembre, darà alla luce il grosso (venti su ventiquattro) di quei componimenti - esce a poco a poco dalla dimensione lirica, e quindi soggettiva e privata, per entrare in quella, oggettiva e pubblica, di un'esistenza storicamente determinata. E non è quest'ultima, per l'appunto, la dimensione propria del teatro?
   Al teatro, inoltre, le «Operette morali» sono vicine anche per il loro impianto strenuamente antinaturalistico. Senza contare che il teatro medesimo, conoscendo solo l'opzione del presente, invera perfettamente la concezione leopardiana della memoria come catalizzatore ricattatorio delle illusioni.
   Il secondo e ancor più notevole merito di Martone è, poi, quello di aver considerato Leopardi come l'ideale (in senso proprio e figurato) ancoraggio della riflessione che va conducendo sull'Italia di oggi a partire dall'incubazione sviluppatasi nell'Ottocento.
   Spessissimo i teatranti cianciano sulla presunta attualità di ciò che portano in scena. Ma stavolta l'attualità c'è per davvero. E al riguardo basterebbe por mente, nell'ambito delle «Operette morali», al «Dialogo di Cristoforo Colombo e di Pietro Gutierrez»: in cui si dichiara con ferma lucidità che l'incertezza e il pericolo sono senz'altro da preferire alla noia. Perché, proprio in quanto tessuta d'incertezza e di pericolo, la navigazione - dice Colombo - «ci fa cara la vita».
   Ne ricaviamo, nel presente, un invito a riscoprire il «gusto» del rischio che diventa addirittura salvifico di fronte al dilagare, ormai inarrestabile, della superficialità, della menzogna, del compromesso e, insomma, del quieto vivere.
   Venendo, adesso, allo spettacolo in sé, occorre subito dire che quanto perde come tale (per il formato ridotto rispetto all'allestimento originario e l'esecuzione in uno spazio non teatrale, con qualche problema di acustica) lo riacquista moltiplicato come operazione concettuale. La drammaturgia di Ippolita di Majo c'introduce nella biblioteca mentale di Leopardi. Ed ecco, quindi, la strepitosa invenzione della regia: Leopardi entra a far parte di quei personaggi dell'antichità da vivo, com'è nel momento in cui scrive. Si pone, in breve, come un precursore dell'Isak Borg de «Il posto delle fragole» di Bergman. E così sconfigge, per l'appunto, la prevaricazione dei ricordi, in quanto - nel solco di Ibsen - evoca il passato solo col sottoporlo a un processo.
   A dar conto, poi, del complesso apparato di segni qui messo in campo basta l'esempio del «Dialogo di Federico Ruysch e delle sue mummie»: in cui le polifonie dissonanti di Giorgio Battistelli e i corpi mummificati di Mimmo Paladino lasciano pensare, insieme, al Libro Tibetano dei Morti, a quell'«Apocalypse Now» che ad esso s'ispira e (in linea con l'ironia, l'altra dote somma di Leopardi) alla truculenza degli zombi. Ed eccellente, manco a dirlo, è l'apporto degl'interpreti: fra i quali andranno citati almeno Renato Carpentieri, Roberto De Francesco, Paolo Graziosi, Giovanni Ludeno e Barbara Valmorin. Finalmente, vivaddio, uno spettacolo per pensare.

                                         Enrico Fiore

(«Il Mattino», 4 maggio 2012)

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gigilbertoarieleOschiavo.turismoasc.ferrarasamkettgenioprodmilluminodimmensofortunato.calvinogaetanofusco0palehendrixFraChianconefrida0204sarmielemarinaconfalonzeppoline
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom