Community
 
grazyanna
Sito
Foto
   
Creato da grazyanna il 15/11/2010

Kehre

cinema, letteratura e arte

Messaggi di Giugno 2012

Il cinema dei fratelli Dardenne

Post n°79 pubblicato il 10 Giugno 2012 da grazyanna
 

                                              

   

 

Il cinema dei fratelli Dardenne: Rosetta, L'enfant, e Il ragazzo con la bicicletta.
I personaggi dei Dardenne hanno apparentemente una personalità semplice e si caratterizzano per una mancanza di sensibilità nei confronti dell'altro. Risultano, infatti, freddi, indifferenti e inconsapevoli nei confronti di determinati valori e sentimenti.In loro qualcuno ha spento con un interruttore una luce che avrebbe permesso loro di vedere un'umanità più  profonda negli altri e di vivere con sensibilità d'animo  vari aspetti della vita, quali l'amicizia,  l'amore e la paternità.
I personaggi risultano sgradevoli. Le storie vengono girate con una luce fredda e con un ritmo monocorde, senza sottolineare alcun aspetto emotivo. La tecnica è prevalentemente documentaristica e tende a un realismo freddo e distaccato. Lo spettatore segue il cammino di un personaggio, spesso segnato dalla delinquenza e dall' asocialità, fino a quando quest'ultimo, attraverso un incontro con una persona "speciale" o una nuova situazione familiare, riuscirà a risvegliarsi da un profondo sonno, potendo così riscattare la propria miseria affettiva.
Sono tutti personaggi di estrazione sociale bassa, con un vissuto anaffettivo alle spalle a causa del degrado ambientale e familiare. Per questo motivo il cinema dei fratelli Dardenne è "sociale", perché va a fotografare quella parte di umanità violata e dimenticata a cui non hanno dato gli strumenti per amare.
Spesso la   carenza di una figura genitoriale positiva è la causa del  disagio sociale dei protagonisti. Nel film "Rosetta" la madre è alcolizzata, incapace di prendersi cura della figlia che deve tirare avanti con determinazione e sacrificio. Nel film "L'enfant" il ragazzo non prova alcun sentimento nei confronti del proprio figlio perché a sua volta, come si intuisce fra le righe della sceneggiatura, non aveva mai avuto un esempio genitoriale positivo. Infine "Il ragazzo con la bicicletta": un padre rifiuta e abbandona un bambino che, in seguito, sarà affidato a una donna che si prenderà cura di lui con pazienza e dedizione. Il bambino compirà un'azione di piccola criminalità, seguendo quegli schemi di vita dategli dal padre, ma proverà pentimento e si ravvedrà, riuscendo ormai a provare dei sentimenti, grazie al nuovo modello genitoriale.

 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2012 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

TAG

 
 

AREA PERSONALE