Blog
Un blog creato da leverup il 30/12/2008

Sviluppo Sostenibile

Qualità Ambiente & Sicurezza per le Imprese

 
 

I MIEI SITI PREFERITI

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

TAG

 

ULTIME VISITE AL BLOG

acardoneMarquisDeLaPhoenixlubopoblumannaroThe.Scarlet.LetterWhaite_HazeJuliet_Homeleverupstudiosantella_inpsanastasia_55sydbarrett5soloxmehvolpina_44francesca632Luxxil
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Imprenditoria femminile

Post n°177 pubblicato il 27 Giugno 2014 da leverup

NEWS IMPRENDITORIA FEMMINILE

Il 4 giugno scorso è stato firmato a Palazzo Chigi il "Protocollo d'intesa per lo sviluppo e la crescita dell'imprenditorialità e dell'auto impiego femminile", stipulato dal Ministero dello Sviluppo Economico, Abi, Confindustria, Rete Imprese Italia, Alleanza delle Cooperative Italiane.

Il Protocollo prevede :

  • - finanziamenti su misura per 1,4 milioni di Pmi femminili e per le libere professioniste.

Le banche che aderiranno al Protocollo indicheranno il plafond finanziario che potrà essere utilizzato per la concessione di finanziamenti relativi a specifiche linee di intervento: nuovi investimenti, materiali o immateriali, per lo sviluppo dell'attività di impresa o della libera professione;

  • - costituzione di nuove imprese o avvio della libera professione;
  • - ripresa dell'attività di Pmi e lavoratrici autonome che, per effetto della crisi, attraversano una momentanea situazione di difficoltà.

 E' prevista, inoltre, la possibilità di sospendere il rimborso dei finanziamenti, per un periodo fino a dodici mesi, in caso di maternità, grave malattia (anche di coniuge, convivente, figli), malattia invalidante di un genitore o di un parente/affine, entro il terzo grado, convivente con l'imprenditrice o la lavoratrice autonoma.

 Per i finanziamenti sono previste condizioni competitive rispetto alla normale offerta creditizia su operazioni simili e con lo stesso grado di rischio. Beneficiando della garanzia della sezione speciale del Dipartimento delle Pari Opportunità del Fondo, il costo del finanziamento potrebbe essere ulteriormente abbassato.

I finanziamenti possono beneficiare della garanzia della sezione speciale del Fondo di garanzia per le PMI in favore delle imprese a prevalente partecipazione femminile o delle eventuali garanzie, pubblico o private, che gli intermediari finanziari riterranno utile acquisire.

Le domande di finanziamento previste dal protocollo possono essere presentate entro il termine del 31 dicembre 2015.

Le banche e gli intermediari finanziari aderenti sono impegnate a predisporre uno specifico plafond finanziario dedicato alla realizzazione delle iniziative previste dal protocollo d'intesa

Clicca qui: Protocollo d'intesa 

 

 

 

 
 
 

4 idee da condividere con gli ospiti del Medity

Post n°173 pubblicato il 13 Maggio 2014 da leverup
 

Safety, Training and Quality: Il progetto ha lo scopo di promuovere l'idea di cultura "sociale" in tutte le tipologie di Impresa ed ha il primario obiettivo di implementare sistemi gestionali orientati alla Qualità, alla formazione, all'ambiente, alla responsabilità sociale ed alla Sicurezza sul Lavoro.

Gli interventi di affiancamento e formazione sono rivolti al management di grandi e medie imprese, nazionali ed internazionali  al fine di fornire le conoscenze necessarie per promuovere strategie imprenditoriali rivolte allo sviluppo di iniziative a favore dell'ambiente, della sicurezza sul lavoro e della tutela dei lavoratori.

Operativamente, si punterà inizialmente al coinvolgimento di imprenditori del settore edile nei paesi in via di sviluppo, o nei paesi industrializzati che stanno investendo in progetti edilizi, in opere pubbliche ed in riqualificazione del territorio, ma con scarsa attenzione all'ambiente ed alla sicurezza sul lavoro. 

Il nostro intervento punterà ad apportare un supporto pratico e teorico a tale sviluppo, fornendo strumenti operativi e formazione, favorendo la creazione di associazioni di Imprese, e garantendo l'opportuna comunicazione per ogni iniziativa e per ogni target conseguito.

Stiamo pianificando una serie di incontri, in tutto il mondo, coordinandoci con imprese e organizzazioni già presenti sui territori ed interessate a questa iniziativa. Il Sud Italia resta il perno di questo progetto, il luogo da cui dovrebbero partire tutte le iniziative di sviluppo, creando occupazione, cultura e sviluppo.

Progetto BiMaChem: Il progetto mira alla valorizzazione integrata di biomasse non-food per la produzione di chemicals ed intermedi chimici, tramite la produzione degli stessi, per lo sviluppo di piattaforme tecnologiche a base rinnovabile con ampio ed immediato impatto  sul sistema economico-produttivo. La  produzione di materie prime e ausiliarie ed intermedi chimici per usi industriali, è una reale alternativa "sostenibile" ai prodotti di origine petrolchimica. 

Le attività pianificate saranno rivolte a soddisfare le esigenze del settore agricolo e agroalimentare, cui si propone una soluzione per il trattamento e la valorizzazione  dei materiali di scarto mantenendo e migliorando al contempo la qualità delle acque, garantendo la sicurezza alimentare e la protezione dell'ambiente.

BiMachem sarà articolato mediante implementazione di un sistema integrato di intervento sui processi di filiera e finalizzato alla valorizzazione delle biomasse non-food, attraverso l'introduzione di metodi innovativi di pre-trattamento  da un lato e nuove soluzioni logistico-organizzative su scala locale dall'altro.

Lever Up in quest'ottica si propone per: attività di Ricerca e contrattualizzazione di partner nel mondo industriale; Ricerca fonti di finanziamento nazionali ed internazionali; Gestione della comunicazione esterna; Implementazione di Sistemi Gestionali; Monitoraggio delle performances.

Edilizia e Bioarredo:  Il progetto ha lo scopo di migliorare la produzione nazionale e regionale di arredamenti e prodotti per l'edilizia, attraverso l'utilizzo di prodotti eco-compatibili ed il miglioramento delle condizioni di produzione.

Il progetto è rivolto alle imprese edili e di produzione di arredamenti ed ai distretti di produzione già esistenti, sul territorio.

L'intervento si articolerà attraverso la diffusione e lo sviluppo di uno standard  QCE(Qualità, Chimica, Edilizia), ovvero uno schema di certificazione bioecologica integrata dei prodotti per l'edilizia e il bioarredo finalizzato, non soltanto alla certificazione  dei materiali ma anche  ai processi di produzione,  alla logistica di distribuzione e alla formazione delle maestranze.  QCE mira a garantire la 'sicurezza chimica' dei prodotti  e/o materiali nelle 'condizioni di produzione e utilizzo a partire delle maestranze fino al consumatore finale. 

Operativamente si punterà alla creazione di gruppi di studio multidisciplinari, anche attraverso la collaborazione di primari Organismi di Certificazione ed Università.

Lever Up si occuperà della gestione e del coordinamento dei gruppi di studio e organizzerà le attività di ricerca. Nell'ambito dello sviluppo del progetto si assumerà il compito di coinvolgere distretti/aziende, potenzialmente interessate, di creare reti di imprese, della gestione del fundraising e  di implementare e monitorare i sistemi gestionali.

Impresa e Territorio: Il progetto ha lo scopo di responsabilizzare socialmente le Imprese, cercando di valutare e migliorare l'impatto sul territorio delle stesse.

Primario obiettivo è quello di facilitare i meccanismi di creazione di sviluppo territoriale, finalizzati alla crescita, alla formazione ed allo sviluppo delle competenze, nel rispetto dell'ambiente e delle peculiarità storico-culturali del territorio. L'intervento è rivolto alle Impresa medio - grandi o ai gruppi di imprese che abbiano impatto sul territorio.

Operativamente si procederà con la creazione di Reti di Imprese,

Poli di Servizi per l'Impresa, Centri di Formazione, Servizi Ambientali (gestione rifiuti, analisi di impatto ambientale etc.), Organizzazione di eventi ed incontri.

Saranno procacciati fondi nazionali ed europei per finanziare le iniziative, oltre ad eventuali iniziative di fundraising. Saranno fornite risorse umane per la gestione delle iniziative, docenti per la formazione, Consulenza per l'implementazione dei Poli di Servizi, per la creazione e gestione delle Reti di Impresa e per l'implementazione e la gestione Modelli Organizzativi per la gestione aziendale. Le Imprese saranno affiancate nella Gestione della Comunicazione con il Territorio e nella ricerca di partnership.

 
 
 

ISTITUTI DI VIGILANZA: DM 269/10 - ritirata la norma UNI 11068:05

Post n°168 pubblicato il 06 Maggio 2014 da leverup
 

La norma UNI 11068:05, che stabilisce le Caratteristiche procedurali, strutturali e di controllo, delle Centrali Operative, richiamata dal DM 260/2010, che reca la regolamentazione delle caratteristiche minime del progetto e dei requisiti minimi di qualità degli istituti di vigilanza, è stata ritirata e sostituita dalla nuova norma UNI CEI EN 50518:2014.

Per essere conformi al Decreto Ministeriale di riferimento, tutti gli Istituti di Vigilanza certificati UNI 11068:05, dovranno riesaminare i requisiti strutturali ed organizzativi della propria Centrale Operativa e verificare la conformità al nuovo standard.

Per gli Istituti già in possesso di certificazione UNI 11068:05, oppure interessati a un controllo di conformità sulla Centrale Operativa, Lever Up è disponibile, gratuitamente, a fornire ogni informazione in merito.

 

 

 

 
 
 

Sanità. Introdotto nel Testo Unico 81/08 il Titolo su “Prevenzione delle ferite da taglio e punta”

Post n°167 pubblicato il 02 Aprile 2014 da leverup
 

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 57 del 10 Marzo 2014, è stato pubblicato il Decreto Legislativo 19 febbraio 2014 n. 19 che recepisce la direttiva 2010/32/UE in materia di prevenzione delle ferite da taglio o da punta nel settore ospedaliero e sanitario.

Il Decreto introduce, nel D.Lgs. 81/08, il nuovo Titolo X-Bis "Prevenzione delle ferite da taglio e punta nel settore sanitario" che consta di 6 articoli (dall'art. 286-bis al 286 septies).

Il provvedimento è in vigore dal 25/03/2014.

Visualizza il decreto legislativo 19 febbraio 2014, n. 19

 

 

 
 
 

Il rischio di esplosione, misure di protezione ed implementazione delle Direttive ATEX. Nuovo opuscolo INAIL

Post n°166 pubblicato il 02 Aprile 2014 da leverup
 

Sono state pubblicate, sul sito dell'INAIL, le linee guida "Il rischio di esplosione, misure di protezione ed implementazione delle Direttive ATEX 94/9/CE e 99/92/CE"

Scarica la dispensa  INAIL

 

 
 
 
Successivi »