Community
 
Lucedorient...
   
 
Creato da Lucedoriente23 il 18/09/2007

Lucedoriente

L'oasi di Luce

 

PREGHIERA CELTICA

Possa la strada 
venirti incontro...
Possa il vento 
sospingerti dolcemente...
Possa il mare 
lambire la tua terra
e il cielo coprirti di benedizioni...
Possa il sole
illuminare il tuo volto
e la pioggia scendere lieve
sul tuo tempo...
Possa l'essenza di ogni cosa
tenerti nel palmo
della sua mano
fino alla prossima volta
che ci incontreremo...

 

MEDITAZIONE TAOISTA

  Chiudi gli occhi e vedrai con chiarezza
  Smetti di ascoltare e sentirai la verità
  Resta in silenzio e il tuo cuore potrà cantare
  Non cercare il contatto e troverai l'unione
  Sii quieto e ti muoverai sull'onda dello spirito
  Sii delicato e non avrai bisogno di forza
  Sii paziente e compirai ogni cosa
  Sii umile e manterrai la tua integrità                                          

 

IL CANTO DEL LAMA

Possa lo Spirito elevarsi
il Cuore e i Sensi risvegliarsi
e la Mente arrendersi e annullarsi

ChristmasCandlebyainabarad.gif Christmas Candle by ainabarad image by giants29

Longevity Symbol Chinese Calligraphy Painting

 

PACE


Solo chi è in pace
con se stesso
conosce la vera pace
e può diffonderla nel mondo

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

TAG

 

ULTIME VISITE AL BLOG

disfrancodis2411alafurbaCalypso.1alf.cosmosconrispettoesorrisoNuoto87patty41dglbal_zacmarligure61Amanda28cinzia.sanroccodonnadaipassiperdutibeabitljarnanilastrega
 

ULTIMI COMMENTI










 
 

TAG

 

 

« Il ciclo della vitaCosì è la vita »

A quando l'Era dell'Acquario?

Post n°189 pubblicato il 02 Giugno 2011 da Lucedoriente23
 

In Arabia Saudita, nel mezzo del deserto, è stato realizzato uno dei più grandi allevamenti di vacche da latte del mondo (35000 capi) e sicuramente il più costoso, per realizzare le condizioni ideali per gli animali in un ambiente così ostile. Questo è stato il motivo di un viaggio di lavoro di un amico, il quale al ritorno ci ha raccontato la cosa che lo ha colpito di più: in quattro giorni non ha visto nemmeno una donna. Negli alberghi, negli ambienti di lavoro, e nemmeno per strada. Stentavo a crederlo, e ancor meno riuscivo a credere che fosse proibito alle donne anche la guida dell’auto, anche se velate.
Ma ho dovuto crederci, quando, scettica cercavo conferme su internet. Ne ho trovate a bizzeffe, inclusa una news freschissima, pubblicata da numerosissime fonti, con tanto di video su youtube:

ARABIA SAUDITA VIDEO DONNE SENZA PATENTE - Una giovane donna saudita arrestata per aver guidato una macchina, è stata liberata dopo aver firmato una scusa pubblica. In Arabia Saudita infatti è vietato per le donne guidare l'automobile. Si chiama Manal Sharif la donna assunta a simbolo della richiesta di emancipazione delle donne saudite: è stata costretta a firmare un documento in cui definisce un errore aver guidato e acconsente a a rinunciare alla sua lotta per la patente alle donne. Lei stessa aveva caricato sulla Rete un video provocatorio in cui si era fatta filmare mentre guidava una macchina. Ma non finisce così. Altre donne hanno annunciato per il prossimo 17 giugno una giornata di protesta nazionale. Sulla Rete continuano ad aumentare video di donne che si mettono alla guida sfidando le autorità. Per circolare in macchina le donne saudite sono costrette, se se lo possono permettere, a pagare un autista. Le altre devono sperare in u passaggio da parte di un membro maschio di famiglia o di qualche amico. E' un retaggio della tradizione islamica, questo, che in Arabia viene rispettato con la minaccia della galera. E' una battaglia che ha molti risvolti: recentemente una donna ha denunciato l'autista che aveva preso appositamente per aver tentato di stuprarla. (mercoledì 1 giugno 2011)"
Leggo però anche che molti maschi si stanno organizzando per il 17 giugno: su facebook si propongono pene corporali per le donne che verranno trovate alla guida, vedi "Campagna dell'Iqal", la corda che i sauditi usano per il copricapo, anche per frustare. Il giornale algerino El Watan riferisce nella sua edizione online, che alcuni propongono di regalare casse intere di iqal ai giovani e di farli piazzare lungo le strade del paese per percuotere le impertinenti che oseranno mettersi alla guida. In tanti si sono già attrezzati: c’e’ stato un vero assalto ai negozi, e i prezzi dell’iqal pare addirittura siano sensibilmente aumentati.

Il divieto alla guida non è purtroppo la sola restrizione imposta alle donne in un paese dove la donna non può fare NULLA senza l'autorizzazione di un tutore maschio (padre o chi per lui) da cui dipende per la vita intera.
Ma chi si occupa dei diritti umani di queste donne trattate nel loro paese come da noi nemmeno i cani? Nessuno. Nessuno nel mondo islamico, che reprime brutalmente ogni loro tentativo di farli valere. Nessuno nel mondo occidentale, troppo impegnato nelle guerre per un petrolio da cui disgraziatamente non ha mai saputo/voluto emanciparsi, troppo impegnati anche pacifisti e pseudo-pacifisti, presi dal loro odio per l'occidente per interessarsene, i quali lottano sì per i diritti umani, ma non per quelli delle donne, che sono la "metà del cielo", ovvero il 50% della popolazione più oppressa del mondo, almeno in certe realtà.

Dunque come riusciranno queste donne ad emanciparsi, a fare il grande salto da oggetto di proprietà maschile a persona umana?
Forse internet potrà essere il grande catalizzatore della trasformazione?
Auguriamocelo!

 
Rispondi al commento:
Lucedoriente23
Lucedoriente23 il 07/06/11 alle 10:54 via WEB
Grazie...e buon cammino davvero! ciao :)
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

PER MUKHTAT MAI



Simbolo di un'emancipazione
fallita, in realtà dove la metà
della popolazione, quella non
violenta che non imbraccerà
mai le armi per difendere i
suoi diritti calpestati, è
destinata a soccombere.

 

IO DONNA

 

FRIDA

 

 

BERTHE

 

 

TAMARA

Tamara de Lempicka em seu estúdio, em 1924
«Avevo un principio:
non copiare mai.
Crea uno stile nuovo,
colori chiari, luminosi;
scopri l'eleganza nascosta
nei tuoi modelli.»

 

ARTEMISIA

 

GEORGIA

Georgia O'Keeffe American, 1887-1986 Red Hills with Flowers


"Georgia con il suo puro profilo contro il legno scuro delle pareti, calma e luminosa, con i capelli dritti e neri raccolti in un nodo sulla nuca, le mani forti e bianche, che toccavano e sollevavano tutto, perfino un uovo sodo, come se fosse un essere vivente, mani lente e sensibili che uscivano dal vestito bianco e nero, sempre bianco e nero. "  (Doroty Brett)