Community
 
Mujica
Sito
Foto
   
 
Creato da Mujica il 16/07/2005

Black

Nel cassetto ho solo sogni infranti...

AREA PERSONALE

 

Sometimes I feel like this

 

 

Non è facile sapete?
No, non è per niente facile vivere così. Modificare le proprie abitudini. Non mangiare. Non dormire. Vivere di sigarette e lacrime.

Ma non si ha fame. Non si ha nemmeno sonno. Il vuoto risucchia tutto quanto. E il dolore rende quel vuoto ancora più profondo.
...
E poi c’è la rabbia, che ti spinge a farti male. Che ti invoglia a veder scorrere sangue. Il tuo. Il suo. Rabbia che ti consuma, divorando ogni parte che un giorno è stata viva.
Oh Signore, la rabbia è la mia salvezza…
 

 

MY ANGEL

 

FACEBOOK

 
 
 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

ULTIME VISITE AL BLOG

artmozMusashi_87alintyamarena.65ladra_di_piacereinfinito_blu1Mujicavivelavie62sam56000g24021966un_po_dituttopaolapiccinno1992artosk331Sky_Eagle
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

 

« VelenoSpazi »

Ripensando

Post n°63 pubblicato il 01 Settembre 2009 da Mujica

Ripensando alle cose che mi fanno soffrire, mi rendo conto che in assoluto al primo posto, la causa dei miei mali sei tu. In un modo o nell’altro, il mio mondo ora ruota intorno a te e io non posso fare niente per controllare questo mio fluire tra i tuoi giorni.Non è vero che l’amore è solo verità. L’amore fa male. È l’altra faccia della medaglia. Mi rendo conto che mi hai spaccato il cuore. Ogni volta che mi dici una parola dura. Ogni volta che mi rimproveri. E io… io non sono mai all’altezza di niente. Ogni giorno commetto errori che solo tu sai farmi notare. E la tua famosa pazienza che dicevi di farti crescere, dov’è finita?Me lo domando, mentre qui, sola in casa, sistemo il casino che mi hai lasciato stamattina. La tua punizione? Riordinare scarpe e mutande usate non mi servirà. È un momento cruciale per te, me ne rendo conto. Ma io non ho cambiato casa per venire qui a farti da serva. Siamo ormai una famiglia. Che tu lo voglia o no, io ho scelto te con cui condividere questa mia vana esistenza. Inutile dirti che mi hai stravolto la vita.Ma gli errori, si commettono sempre. Non sono abbastanza matura. Non sono abbastanza ingenua. Non sono molte cose: ordinata, puntuale, gentile, onesta, organizzata…Se non ti avessi incontrato, soffrirei per qualcosa che non ho. Ma dato che il destino ci ha fatto incontrare, ora soffro per qualcosa che non sono in grado di darti.Pazienza. La vita si porterà via anche questa…

 
 
 
Vai alla Home Page del blog